Come lavare i tessuti in seta

Tramite: O2O
Difficoltà: media
19

Introduzione

La seta è un tipo di tessuto molto delicato e deve essere maneggiato con cura. Tuttavia, è abbastanza facile da lavare perché ha la tendenza naturale a rilasciare lo sporco rapidamente e non richiede il lavaggio a secco per mantenere la sua qualità. È composta da fibre proteiche, più simili quelle della lana rispetto al cotone. Ricordando questo aiuterà quando si pensa su come lavare o pulire. Generalmente, la seta può sopportare il calore ma teme i cambiamenti estremi di temperatura e il surriscaldamento attraverso l'essiccamento eccessivo; inoltre, la ripetuta esposizione al sole può erodere le fibre. La seta è un tessuto delicato e va maneggiata con cura. Tuttavia, è abbastanza facile da pulire, in quanto presenta una naturale tendenza a rilasciare lo sporco rapidamente e non richiede sempre la pulizia a secco per mantenere la sua qualità. Ecco dunque, come lavare i tessuti in seta.

29

Occorrente

  • limone
  • aceto
  • borace
  • balsamo per capelli
  • sale
  • sapone di Marsiglia
39

Sapone di Marsiglia

Se il lavaggio della seta viene effettuato in lavatrice, è sicuramente più facile in quanto conoscendo le funzioni dell’apparecchio e le istruzioni allegate, il lavaggio nel 90% dei casi va a buon fine, senza particolari rischi se si seguono attentamente le regole. Diversamente, se il lavaggio dei tessuti in seta viene effettuato a mano, occorre prestare un po' più attenzione. Se si utilizza il sapone di Marsiglia, il tessuto non va immerso nella bacinella, ma strofinato separatamente con il sapone in modo delicato. Subito dopo, il capo va lasciato in ammollo per circa 10 minuti e poi sciacquato con acqua corrente.

49

Aceto bianco

Se il tessuto è particolarmente morbido come, ad esempio le lenzuola o le fodere per i cuscini, bisogna immergere il capo in un altro recipiente aggiungendo un cucchiaio di aceto bianco; quest’ultimo, che è un ottimo ammorbidente naturale ed elimina i cattivi odori. Dopo averlo lasciato in ammollo per circa 5 minuti, il capo va risciacquato con acqua corrente.

Continua la lettura
59

Sale e limone

Il risciacquo, dopo quest’operazione sbiancante è importante per il lavaggio dei tessuti in seta. Altrettanto importante è evitare l'utilizzo di prodotti aggressivi come l'ammoniaca e la candeggina, i quali tendono a corrodere le fibre della seta. Se il tessuto è leggermente ingiallito, immergerlo in una pentola con acqua calda (non bollente), aggiungendo 3-4 cucchiai di sale fino e del succo di limone. Dopo l’immersione, il tessuto deve raffreddarsi nello stesso recipiente per tutta la notte. Il giorno dopo, la seta va stirata impostando il ferro da stiro ad una temperatura molto bassa ed utilizzando un panno (foulard) come intermezzo. Con questi semplici e naturali accorgimenti per il lavaggio dei tessuti di seta, il loro pregio resterà invariato per lungo tempo ed i capi saranno sempre come nuovi.

69

Balsamo per capelli

Un altro metodo per lavare i capi in seta, consiste nel riempire Riempi un lavandino pulito o una grande bacinella con acqua molto fredda. Aggiungere un detergente molto delicato per i capi in seta nell'acqua e agitare l'acqua per mescolare il sapone. Lavare delicatamente l'articolo di seta facendo scorrere più volte l'acqua con la mano, in modo da spostare l'acqua saponata attraverso il tessuto. Svuotare il lavandino. Risciacquare il capo in acqua fredda fino a quando tutti i residui di sapone siano stati rimossi. Aggiungere alcune gocce di balsamo per capelli all'acqua di risciacquo per mantenere la seta morbida e flessibile. Premere l'acqua fuori dal tessuto arrotolandolo in un asciugamano. Non torcere eccessivamente, in quanto ciò danneggerebbe la seta. Appendere l'indumento bagnato e lasciarlo asciugare completamente all'aria.

79

Limone e borace

Nel caso in cui sulla seta sono presenti delle macchie, usa il succo di limone o l'aceto per rimuoverle, provando prima una zona poco appariscente per testare la solidità del colore. Per evitare che la seta con il tempo ingiallisca, aggiungere ½ tazza di aceto all'acqua di risciacquo. Poiché la seta è una fibra naturale, non usare candeggina perché danneggerà le fibre. Fare attenzione a non lasciare che la lacca per capelli e il profumo si depositino sulla seta poiché danneggeranno il tessuto. Se l'acqua presente a casa è particolarmente dura, aggiungere un cucchiaio di borace prima del lavaggio.

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fare attenzione a non lasciare che la lacca per capelli e il profumo si depositino sulla seta poiché l'alcol danneggerà il tessuto.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come lavare i tessuti di ciniglia

I tessuti in ciniglia sono delicati e tendono facilmente all'infeltrimento. Un lavaggio scorretto potrebbe anche scolorire il capo. Qualche tempo fa la ciniglia veniva realizzata a mano con il cotone filato. Oggi invece maglioni, plaid, cappelli e guanti...
Economia Domestica

Come stirare un capo d'abbigliamento in seta

Nonostante la sua ottima reputazione, la seta possiede delle fibre abbastanza dure che richiedono un lavaggio a secco e possono non resistere alla stiratura, specialmente alle alte temperature. Per stirare un capo fatto di tale materiale, potete utilizzare...
Economia Domestica

Come smacchiare i tessuti delicati

Le macchie sono una minaccia terribile per i nostri capi, specialmente se nuovi di zecca oppure appena indossati per un'occasione importante. Quelli più a rischio sono i delicati: seta, pizzo, organza, chiffon, bisso e batista di lino. Questi ultimi...
Economia Domestica

Come lavare e stirare le cravatte

Le cravatte sono quel capo o accessorio importantissimo per un uomo quando indossa un bel abito da cerimonia o semplicemente una giacca elegante. La cravatta deve essere sempre perfetta e in ordine, ma ha bisogno anche di essere lavata e stirata per apparire...
Economia Domestica

Primavera: come scegliere i tessuti per la casa

La canzone di Venditti suonava: "Sara, svegliati è primavera"! E qual è il miglior modo di iniziare a sentire il sole primaverile sulla pelle ripartendo dalla nostra casa?Ebbene sì, anche gli interni, come ci insegna la psicologia dei colori, possono...
Economia Domestica

Come lavare le zanzariere facilmente

Le zanzariere sono un complemento d'arredo fondamentale in estate e considerate da molti il metodo più efficace per tenere lontane le zanzare senza rinunciare ad avere un po' d'aria dall'esterno e rendere più sopportabili le torride giornate d'estate....
Economia Domestica

10 trucchi per lavare i jeans senza rovinarli

Quando acquistiamo un capo d'abbigliamento e soprattutto i jeans, cerchiamo di mantenerli come nuovi, anche dopo i numerosi lavaggi; non sempre a causa di svariati motivi, ciò è possibile, ma esistono alcuni trucchi, che ci consentono di conservare...
Economia Domestica

5 trucchi per lavare i capi di lana senza rovinarli

Quando arrivano i primi freddi intensi, tra Novembre e Dicembre, è tempo di conservare magliette e T-shirt. Rispolveriamo i cari, soffici maglioni e cardigan di lana. Sono capi perfetti per isolarci dal gelo esterno, morbidi e confortevoli per affrontare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.