Come lavare i tessuti in seta

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La seta è un tipo di tessuto molto delicato e deve essere maneggiato con cura. Tuttavia, è abbastanza facile da lavare perché ha la tendenza naturale a rilasciare lo sporco rapidamente e non richiede il lavaggio a secco per mantenere la sua qualità. È composta da fibre proteiche, più simili quelle della lana rispetto al cotone. Ricordando questo aiuterà quando si pensa su come lavare o pulire. Generalmente, la seta può sopportare il calore ma teme i cambiamenti estremi di temperatura e il surriscaldamento attraverso l'essiccamento eccessivo; inoltre, la ripetuta esposizione al sole può erodere le fibre. Vediamo, dunque, come lavare i tessuti in seta.

25

Lavaggio in lavatrice

Se il lavaggio della seta viene effettuato in lavatrice, è sicuramente più facile in quanto conoscendo le funzioni dell’apparecchio e le istruzioni allegate, il lavaggio nel 90% dei casi va a buon fine, senza particolari rischi se si seguono attentamente le regole. Diversamente, se il lavaggio dei tessuti in seta viene effettuato a mano, occorre prestare un po' più attenzione. Se si utilizza il sapone di Marsiglia, il tessuto non va immerso nella bacinella, ma strofinato separatamente con il sapone in modo delicato. Subito dopo, il capo va lasciato in ammollo per circa 10 minuti e poi sciacquato con acqua corrente.

35

Aceto

Se il tessuto è particolarmente morbido come, ad esempio le lenzuola o le fodere per i cuscini, bisogna immergere il capo in un altro recipiente aggiungendo un cucchiaio di aceto bianco; quest’ultimo, che è un ottimo ammorbidente naturale ed elimina i cattivi odori. Dopo averlo lasciato in ammollo per circa 5 minuti, il capo va risciacquato con acqua corrente.

Continua la lettura
45

Tessuti ingialliti

Il risciacquo, dopo quest’operazione sbiancante è importante per il lavaggio dei tessuti in seta. Altrettanto importante è evitare l'utilizzo di prodotti aggressivi come l'ammoniaca e la candeggina, i quali tendono a corrodere le fibre della seta. Se il tessuto è leggermente ingiallito, immergerlo in una pentola con acqua calda (non bollente), aggiungendo 3-4 cucchiai di sale fino e del succo di limone. Dopo l’immersione, il tessuto deve raffreddarsi nello stesso recipiente per tutta la notte. Il giorno dopo, la seta va stirata impostando il ferro da stiro ad una temperatura molto bassa ed utilizzando un panno (foulard) come intermezzo. Con questi semplici e naturali accorgimenti per il lavaggio dei tessuti di seta, il loro pregio resterà invariato per lungo tempo ed i capi saranno sempre come nuovi.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come lavare i tessuti di ciniglia

I tessuti in ciniglia sono delicati e tendono facilmente all'infeltrimento. Un lavaggio scorretto potrebbe anche scolorire il capo. Qualche tempo fa la ciniglia veniva realizzata a mano con il cotone filato. Oggi invece maglioni, plaid, cappelli e guanti...
Economia Domestica

Come stirare un capo d'abbigliamento in seta

Nonostante la sua ottima reputazione, la seta possiede delle fibre abbastanza dure che richiedono un lavaggio a secco e possono non resistere alla stiratura, specialmente alle alte temperature. Per stirare un capo fatto di tale materiale, potete utilizzare...
Economia Domestica

Come stirare i foulard di seta

Preziosa e bellissima la seta è il frutto del laborioso lavorio di piccoli bachi. Una ragnatela di fili lucenti intessuta dalla natura, che l'uomo ha saputo rendere un filato pregiato e dalle sfumature lucenti. I capi in seta però sono estremamente...
Economia Domestica

Come smacchiare i tessuti delicati

Le macchie sono una minaccia terribile per i nostri capi, specialmente se nuovi di zecca oppure appena indossati per un'occasione importante. Quelli più a rischio sono i delicati: seta, pizzo, organza, chiffon, bisso e batista di lino. Questi ultimi...
Economia Domestica

5 passi per tingere i tessuti in casa

Che abbiate l'hobby del bricolage o vogliate rinnovare il vostro guardaroba, questa guida vi fornirà le indicazioni necessarie per poter tingere i tessuti in casa. Attraverso 5 facili passi potrete cambiare colore a stoffe e tessuti semplicemente con...
Economia Domestica

Come lavare la lana a mano

La lana è un tessuto naturale al 100% ed è considerato una dei più pregiati. Per questo motivo, è necessario prestare particolare attenzione per quanto concerne il lavaggio onde evitare di rovinare i capi. La maggior parte delle casalinghe utilizza...
Economia Domestica

Come eliminare le macchie di erba dai tessuti

Una delle sfide più difficili per una mamma, è quella della pulizia degli indumenti del proprio bambino. Per poter togliere queste macchie, non bastano i normali lavaggi con la lavatrice. Poiché, purtroppo l'erba, va ad occupare, tutti quei microspazi,...
Economia Domestica

Come lavare le zanzariere facilmente

Le zanzariere sono un complemento d'arredo fondamentale in estate e considerate da molti il metodo più efficace per tenere lontane le zanzare senza rinunciare ad avere un po' d'aria dall'esterno e rendere più sopportabili le torride giornate d'estate....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.