Come lavare i tessuti di ciniglia

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

I tessuti in ciniglia sono delicati e tendono facilmente all'infeltrimento. Un lavaggio scorretto potrebbe anche scolorire il capo. Qualche tempo fa la ciniglia veniva realizzata a mano con il cotone filato. Oggi invece maglioni, plaid, cappelli e guanti invernali vengono ideati con poliestere, rayon oppure acrilico misto. Il cotone filato è abbastanza fragile per cui per non rovinare la ciniglia lava i tessuti esclusivamente a mano. Nel contempo è opportuno seguire alcuni importanti accorgimenti. Ma ecco come procedere.

27

Occorrente

  • Sapone di Marsiglia
  • Detersivo neutro
  • Due panni puliti
  • Due teli da bagno
37

Sapone

Per lavare i tessuti in ciniglia correttamente, dimentica la lavatrice. Anche il programma più delicato potrebbe danneggiarne le fibre. Pertanto, riempi il lavandino o la vasca da bagno con acqua tiepida. Aggiungi le scaglie di sapone, preferibilmente di Marsiglia o, in alternativa del detergente neutro. Distribuiscilo quindi in maniera omogenea. Immergi poi il tessuto ed agitalo nell'acqua senza eccedere. Lascia la ciniglia in ammollo per circa 20 minuti prima di scaricare l'acqua. Quindi, riempi il lavandino o la vasca con dell'acqua calda ed effettua un secondo lavaggio con meno sapone. Fai trascorrere altri 5 minuti.

47

Ammorbidente

Nella vasca o nel lavello aggiungi dell'acqua stavolta fredda e poco ammorbidente. Lascia la ciniglia in ammollo per circa 10 minuti. Scarica quindi l'acqua e procedi con un lavaggio a freddo per rimuovere i residui di detersivo. A questo punto agita e rimuovi la ciniglia dopo 25 o 30 minuti. Successivamente, sgocciola il tessuto per togliere l'acqua in eccesso. Attenzione a non strizzare il capo. Quindi stendi due teli da bagno su un tavolo o una superficie piana e poi metti il tessuto di ciniglia sugli asciugamani. Attendi la completa asciugatura. Evita l'esposizione diretta ai raggi solari per non far scolorire il capo.

Continua la lettura
57

Tappezzeria

La tappezzeria dei divani in ciniglia si può lavare con un detergente delicato. Il tessuto non va messo assolutamente in ammollo. Pertanto, riempi un secchio con acqua calda ed aggiungi il detersivo neutro oppure le scaglie di sapone di Marsiglia. Mescola a mano ed immergi un panno pulito. Strizza bene e tampona le macchie sulla tappezzeria. Appoggia poi una pezza asciutta sulla zona pulita ed esercita una leggera pressione con le mani per eliminare l'acqua in eccesso. Procedi con la pulizia a secco del tessuto di rivestimento in ciniglia. Utilizza a tale scopo una spazzola a setole morbide. Se le macchie dovessero persistere, ripeti il processo.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • La stiratura dei capi in ciniglia deve avvenire a meno di 200 gradi
  • La tappezzeria dei divani in ciniglia non va rimossa, ma lavata con sapone neutro o miscela di aceto bianco e tea tree oil.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come lavare la lana a mano

La lana è un tessuto naturale al 100% ed è considerato una dei più pregiati. Per questo motivo, è necessario prestare particolare attenzione per quanto concerne il lavaggio onde evitare di rovinare i capi. La maggior parte delle casalinghe utilizza...
Economia Domestica

Come smacchiare i tessuti delicati

Le macchie sono una minaccia terribile per i nostri capi, specialmente se nuovi di zecca oppure appena indossati per un'occasione importante. Quelli più a rischio sono i delicati: seta, pizzo, organza, chiffon, bisso e batista di lino. Questi ultimi...
Economia Domestica

5 passi per tingere i tessuti in casa

Che abbiate l'hobby del bricolage o vogliate rinnovare il vostro guardaroba, questa guida vi fornirà le indicazioni necessarie per poter tingere i tessuti in casa. Attraverso 5 facili passi potrete cambiare colore a stoffe e tessuti semplicemente con...
Economia Domestica

Come lavare le zanzariere facilmente

Le zanzariere sono un complemento d'arredo fondamentale in estate e considerate da molti il metodo più efficace per tenere lontane le zanzare senza rinunciare ad avere un po' d'aria dall'esterno e rendere più sopportabili le torride giornate d'estate....
Economia Domestica

10 trucchi per lavare i jeans senza rovinarli

Quando acquistiamo un capo d'abbigliamento e soprattutto i jeans, cerchiamo di mantenerli come nuovi, anche dopo i numerosi lavaggi; non sempre a causa di svariati motivi, ciò è possibile, ma esistono alcuni trucchi, che ci consentono di conservare...
Economia Domestica

5 trucchi per lavare i capi di lana senza rovinarli

Quando arrivano i primi freddi intensi, tra Novembre e Dicembre, è tempo di conservare magliette e T-shirt. Rispolveriamo i cari, soffici maglioni e cardigan di lana. Sono capi perfetti per isolarci dal gelo esterno, morbidi e confortevoli per affrontare...
Economia Domestica

Come lavare le tende in base al tessuto

La cura della casa comincia dalla pulizia delle tende, un accessorio indispensabile che completa l'arredamento della casa, dando quel tocco in più proteggendo la casa dalla luce e dagli sguardi indiscreti. Perché si mantengano belle come appena acquistate,...
Economia Domestica

Come lavare frutta e verdura

Al giorno d’oggi non si può più essere sicuri di quello che si mangia, è per questo che risulta molto importante l’igiene quando si tratta alimenti, soprattutto per quanto riguarda la frutta e la verdura. Non di rado infatti succede che i vari...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.