Come lavare i cuscini in semi di lino

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

I benefici che i semi di lino possono garantire al nostro organismo sono innumerevoli, ma siamo sicuri di conoscerli tutti? Come è noto i semi di lino sono un prodotto alimentare ricco di omega 3 (gli acidi grassi necessari per la nostra buona salute), che può essere assunto in diverse forme: macinati, tritati, interi (avendo sempre cura di masticarli, in modo che le proprietà al loro interno possano essere sprigionate), o posti in infusione. Il consiglio è di assumerne una manciatina ogni giorno, magari inserendoli in qualche ricetta gustosa, senza scordarsi dell'olio ai semi di lino, anch'esso ottimo. Gli effetti positivi riguardano l'intero organismo, compresi cuore, cervello, arterie e in particolare il tratto gastro-intestinale. Ma in quali altri modi possono essere usati? Ad esempio come maschera viso; impacco per capelli; crema corpo; e udite udite, possono essere adoperati anche per imbottire dei cuscini contro la cervicale! Ma come funzionano questi cuscini, e soprattutto (domanda che sorge spontanea), come possiamo lavare i cuscini in semi di lino?

26

Occorrente

  • Sapone neutro
  • Panno in cotone o spugna delicata
  • Nuovo sacchetto di semi di lino
  • Federe con apertura a strappo
  • Acqua fredda o al massimo tiepida in una bacinella
  • Bicarbonato di sodio, acqua e talco o altro prodotto specifico per la sterilizzazione a secco dei capi
36

Estraete i semi di lino e lavate le federe

La cosa bella dei cuscini in semi di lino è che sono assolutamente naturali, oltre che poter essere realizzati con le nostre mani a costo quasi pari a zero (un link in fondo alla guida vi spiegherà passo per passo come realizzarne uno). Ma alcuni potrebbero obiettare, com'è possibile che un cuscino riempito di semi possa risultare comodo, o comunque benefico per il nostro collo? In realtà è proprio questo lo scopo, provare per credere. Un cuscino in semi di lino non solo ha il pregio di massaggiare e rilassare testa e collo, agevolando il sonno, ma anche quello di aiutarci a mantenere una postura corretta e adatta a contrastare il fastidio della cervicale. Ma il giovamento non si ferma qui, infatti questi semi, una volta posti all'interno di una federa, possono essere riscaldati o raffreddati a nostro piacimento, lenendo il dolore se scaldato in forno a microonde (ma anche in quello normale) per qualche minuto, e regalando freschezza in estate se posto in freezer. Ma ovviamente come qualunque altro tipo di cuscini anche questi hanno bisogno di pulizia e manutenzione. Il modo più semplice per lavare i cuscini in semi di lino è svuotando completamente la federa, lavandola normalmente a mano o in lavatrice con un sapone neutro adatto al tipo di tessuto (specifico per lino piuttosto che per cotone ad esempio), e riporre poi i semi al suo interno, anche se è più consigliabile cambiarli con nuovi semi di lino. Ovviamente tutto ciò è possibile solo se i cuscini non sono cuciti, ma possiedono una chiusura a strappo in feltro. Questa separazione dalle federe in fase di lavaggio è necessaria, in quanto i semi non vanno assolutamente bagnati, poiché non essendo naturali e quindi non chimicamente trattati, potrebbero trattenere umidità generando, oltre che fastidio, anche il rischio che germoglino all'interno del cuscino.

46

Lavate il cuscino usando una spugna

Il primo metodo è il più intuitivo, ma come anticipato non tutti hanno la possibilità di estrarre i semi dal cuscino, magari perché le federe sono state cucite o sigillate per evitare fastidiose fuoriuscite di semi. Tuttavia, poiché i semi di lino assorbono i cattivi odori, siccome le federe tendono a sporcarsi (tenendo conto che questi cuscini possono essere usati sia per posarvi la testa, o sotto il bacino, sia come sostituti delle borse dell'acqua calda), pulirli è inevitabile, anche per eliminare i batteri prodotti durante il sonno sotto le lenzuola. Il secondo metodo proposto per lavare questo tipo di cuscini consiste nell'utilizzare un panno umido e al massimo un po' di sapone neutro. Quello che dobbiamo fare è porre dell'acqua tiepida in una bacinella sciogliendovi all'interno poco sapone neutro; dopodiché vi immergiamo un panno in cotone o ancora meglio una spugna, andandola a strizzare con precisione; e infine passiamo la spugna ben strizzata sulla superficie della federa con movimenti delicati e circolari, ripetendo la procedura più volte. Quando siamo soddisfatti del risultato, dovremo comunque accertarci che il cuscino si asciughi completamente, perciò dopo averlo esposto al sole lo poniamo nel forno a microonde a temperatura media per qualche minuto, o in alternativa nel forno normale e preriscaldato a 100° per una decina di minuti. Questo passaggio importantissimo serve a garantire che anche i semi all'interno del cuscino siano del tutto asciutti.

Continua la lettura
56

Procedete con la pulizia a secco usando prodotti specifici

Come abbiamo visto, è essenziale evitare ristagni di umidità, e questo non vale solo per il lavaggio dei cuscini, ma anche per l'eventualità in cui preferissimo porli in frigo per un effetto rinfrescante, o usarli come veri e propri sostituti dei cuscinetti di gel. In questo caso è consigliabile non lasciare mai i cuscini in semi di lino dentro al frigo per più di 4 ore, mentre se decidiamo di metterli in freezer basteranno davvero pochi minuti. Inoltre bisogna considerare che il fatto stesso di riscaldare i cuscini in forno, è un metodo per pulirli e sterilizzarli. Detto questo, passiamo alla terza e ultima tecnica per lavare i nostri cuscini, ovvero il lavaggio a secco. Anche in questo caso non si tratta di nulla di complicato, ci basterà avere a disposizione del talco, del bicarbonato e un po' d'acqua. In realtà esistono sul mercato prodotti spray specifici per la pulizia a secco, ma se vogliamo un'alternativa basterà usare i prodotti appena elencati: sciogliamo e mescoliamo talco e bicarbonato in poca acqua fredda (o calda, che poi bisognerà lasciar raffreddare prima dell'uso), e quando il risultato finale sarà una crema omogenea, la andremo ad applicare sulla federa del cuscino; dopo aver lasciato agire il prodotto qualche minuto lo rimuoviamo con un panno asciutto o al più umido. Infine possiamo decidere anche di eseguire di tanto in tanto "lavaggi con vapore" o passaggi in asciugatrice, assicurandoci sempre di scaldare il cuscino in forno asciugandolo completamente.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • I semi di lino sono ottimi conduttori termici, e sono in grado di trattenere a lungo la temperatura assorbita, ma la stessa cosa vale anche per liquidi e umidità, per questo motivo non possono assolutamente essere bagnati e lavati come un cuscino normale, e vanno conservati in un luogo fresco e asciutto
  • Oltre che con i semi di lino, questi particolari cuscini naturali e termici contro la cervicale possono essere riempiti anche con noccioli di ciliegie, pula di farro, e altri tipi di semi
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come lavare i cuscini di piuma in lavatrice

Quanto tempo è che non lavate i vostri cuscini di piuma? Va fatto almeno due volte all'anno!Non preoccupatevi. I classici cuscini di piuma sono lavabili anche in lavatrice! Potete scegliere questa soluzione per lavare i cuscini di piuma con facilità...
Pulizia della Casa

Come lavare i cuscini in piume d'anatra

I cuscini sono degli accessori fondamentali per la camera da letto o per il soggiorno, possono essere creati da diversi materiali come la spugna, il memory foam, il gel, il lattice e naturalmente le piume d'anatra o d'oca. Utilizzandoli ogni giorno per...
Pulizia della Casa

Come lavare i cuscini di raso

Tutti dovrebbero sapere come lavare un cuscini perché sono oggetti presenti in quasi tutte le case. Per quanto riguarda poi quelli di raso, la maggior parte di essi viene portata in lavanderia per un lavaggio a secco poiché questo è considerato il...
Pulizia della Casa

Come lavare le tende di lino a mano

Anche se tutti i capi di lino sono in genere dotati di un talloncino con le istruzioni per il lavaggio, è importante attenersi ad alcune regole ben precise quando l’operazione deve essere effettuata a mano anziché in lavatrice. In riferimento a ciò,...
Pulizia della Casa

Come lavare i cuscini in pannolenci

Le lenzuola vengono lavate settimanalmente, i piloti vengono lavati periodicamente. Tutta via, molte persone hanno paura di lavare i loro cuscini, soprattutto se sono tradizionali, piumati, o più moderni e più costosi, con il soffio. Alcuni di loro...
Pulizia della Casa

Come fare a lavare ed asciugare i capi di lino

In genere i tessuti pregiati in commercio sono di lino. Il lino è una fibra tessile morbida, flessibile e resistente. Dato il suo alto prezzo, molto spesso le persone preferiscono altri tessuti più economici, come il cotone. Il lino inoltre è un tessuto...
Pulizia della Casa

Come lavare i cuscini in pula di farro

I cuscini in pula di farro ricoprono un ruolo fondamentale durante l'allattamento di un bambino. I cuscini in pula di farro, infatti riescono a donare benessere sia alla mamma che al bambino. La forma dei cuscini in pula di farro consente una postura...
Pulizia della Casa

Come lavare le lenzuola di lino nuove

Le lenzuola di lino posseggono delle caratteristiche che le differenziano nettamente da tutti gli altri tessuti: sono resistenti e durature nel tempo, non si deteriorano facilmente e trattengono bene sporco e odori. Un piccolo problema, tuttavia, può...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.