Come lavare ed inamidare centrini e pizzi in cotone

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Per tutti coloro che fossero interessati ad un irrigidimento dei propri capi ricamati con la tecnica dell'uncinetto, esistono numerosi metodi che si possono adoperare. Ovviamente esistono tantissimi prodotti in commercio in grado di soddisfare questa esigenza ma, a lungo termine, determinate sostanze in essi contenute potrebbero danneggiare i tessuti. Per questo motivo, i metodi fatti in casa risultano essere sempre i più affidabili, oltre che economici ed ecologici. La formula più tradizionale è l'inamidatura, la quale, a parte la colla vinilica, prevede l'utilizzo di ingredienti naturali come l'acqua, lo zucchero e l'amido. Vediamo allora come lavare ed inamidare centrini e pizzi in cotone.

27

Occorrente

  • Acqua e zucchero.
  • Colla vinilica.
  • Acqua e amido.
37

Innanzitutto bisogna lavare il centrino o il pizzo, immergendolo in un contenitore con del detersivo, e sfregandolo delicatamente. Poi risciacquiamo, facendo attenzione a non strizzarli più di tanto. Per inamidare i nostri centrini possiamo optare per tre metodi ben precisi: con acqua e zucchero, con la colla vinilica o con acqua e amido.
In ogni caso occorre fare attenzione alle dosi, per non ottenere un effetto troppo rigido.

47

Per il primo metodo (acqua e zucchero) basterà usare un pentolino pieno d'acqua e metterlo sul fuoco. Facciamo sciogliere dello zucchero dentro, facendo attenzione alla proporzione: circa quattro cucchiai di zucchero ogni cinque cucchiai d'acqua. Portiamo in ebollizione per circa due minuti e mescoliamo. Togliamo poi dal fuoco e facciamo intiepidire. A questo punto non ci rimane che immergere completamente i centrini, per poi metterli in forma ad asciugare.

Continua la lettura
57

Il metodo con la colla vinilica sembra invece quello più usato e infallibile per ottenere un buon risultato. In questo caso la proporzione da tener d'occhio è quella di tre cucchiai di colla vinilica ogni cucchiaio d'acqua. Basta poi mescolare in un contenitore il composto e immergere i vostri pizzi, cercando di far assorbire bene evitando grumi e strizzandoli leggermente. Mettete poi a stendere i lavoretti fino a farli asciugare. Per agevolare questo processo, potete metterli su una rete metallica e poi trasferirli su un foglio di carta da forno.

67

Un altro metodo semplice ed economico prevede l'uso dell'amido. Basta sciogliere l'amido nell'acqua calda e immergere come sempre il lavoro nel composto. Stando sempre attenti alle proporzioni, basterà poco amido (circa un cucchiaio ogni 10 cl di acqua). Tecnica che consigliamo soprattutto per i lavori bianchi.

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come lavare il cotone

Il cotone è una fonte di tessuto comune per gli asciugamani, lenzuola, biancheria e capi d'abbigliamento (specie quelli intimi). La durata e la versatilità del cotone lo rende una scelta primaria per molti indumenti ed altri articoli in tessuto utilizzati...
Pulizia della Casa

Consigli per lavare le lenzuola di cotone

Contrariamente a quanto si pensa il cotone è un tessuto che deve essere lavato con cura perché è facile che si restringa. Ancora più facile è far formare delle grinze difficile poi da eliminare quando si va a stirare. Questo può succedere sia per...
Pulizia della Casa

Come lavare le lenzuola in cotone egiziano

Non c'è niente di meglio di dormire in un letto con lenzuola confortevoli, specie se di ottima qualità come quelle in cotone egiziano. Eleganti, lisce e morbide allo stesso tempo, le lenzuola in cotone egiziano tengono lontana l'umidità in estate e...
Pulizia della Casa

Come sbiancare pizzi e merletti

Se in casa avete diversi centrini, tovaglie, lenzuola o fazzoletti, fatti con pizzi e merletti, così come capi di abbigliamento, spesso non è facile sbiancarli poiché si corre il rischio di danneggiarli irrimediabilmente. A tale proposito ecco una...
Pulizia della Casa

Come trattare le tende in cotone

Nelle norme della pulizia straordinaria, le tende occupano un posto importante. Periodicamente è bene lavare i tendaggi, perché essi accumulano grosse quantità di polvere specialmente se realizzati con stoffe pesanti quali il velluto o il taffetà....
Pulizia della Casa

Come pulire un divano in cotone

Un divano sfoderabile in tessuto di cotone è sempre piuttosto facile da mantenere pulito, sia mettendone la copertura in lavatrice (ovviamente rispettando le istruzioni riportate sul cartellino fissato al tessuto) che facendola eventualmente lavare a...
Pulizia della Casa

Lavaggio e asciugatura dei capi in cotone: gli errori più comuni

All'interno della guida che seguirà andremo a parlare dei capi in cotone. Nello specifico, ci occuperemo del lavaggio e dell'asciugatura dei capi in cotone, concentrandoci su tutti gli errori più comuni che si compiono. Vedremo uno ad uno gli errori...
Pulizia della Casa

Come lavare il pizzo

Il pizzo è un tessuto da sempre utilizzato per l'abbellimento di lenzuola in cotone (o in lino), centrini e biancheria intima. Considerata la sua estrema delicatezza, si rende necessario l'uso di precise precauzioni per evitare di maltrattare o rovinare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.