Come laccare un mobile in legno

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Non tutti sanno che è certamente possibile trasformare totalmente un mobile in legno da restaurare. Si può infatti cambiare completamente il suo stile semplicemente laccandolo. Anche se si tratta di un mobile in legno massello, trasformarlo cambiando il suo colore non è poi così complicato. È possibile laccare qualunque tipo di mobile, anche se è tamburato oppure truciolare. Per svolgere tale operazione è necessario procurarsi alcuni materiali ed attrezzi. Vediamo quindi come laccare un mobile in legno.

26

Occorrente

  • Vernice acrilica all'acqua
  • Pennello grande
  • Pennello piccolo
  • Olio di lino cotto
  • Tampone per pulitura
  • Carta abrasiva a grana sottile
  • Carta abrasiva a grana doppia
36

Industrialmente è possibile laccare un mobile in legno utilizzando compressori appositi. Anche voi potreste servirvi di un compressore. Ne esistono infatti per uso casalingo, molto più maneggiabili ed economici. Prima di iniziare dovrete proteggere la vostra postazione di lavoro stendendo a terra un telo di plastica. Questo vi aiuterà a non sporcare molto. Mettete il vostro mobile sopra il telo. Carteggiate tutta la sua superficie con una carta abrasiva a grana doppia. In questo modo rimuoverete le vecchie croste di colorazione. Passatelo successivamente con una carta abrasiva a grana più fine, in modo da levigare perfettamente tutta la superficie.

46

Con un panno imbevuto di alcool ripulite tutto il mobile dalla polvere, che altrimenti rovinerebbe il vostro lavoro. Procedete ora con la laccatura. Utilizzate della vernice acrilica all'acqua in barattolo. Applicatela a pennello su tutta la superficie del mobile, facendo attenzione a non creare delle striature. Per questo è opportuno iniziare a colorare da un lato e terminare sul lato opposto. Dopo che la vernice si sarà asciugata completamente, procedete con una seconda mano che vi consentirà di ottenere una laccatura più spessa. Dovrete aspettare che anche la seconda mano di vernice sia asciutta prima di proseguire con il lavoro. La cosa migliore sarebbe aspettare almeno un giorno.

Continua la lettura
56

Il giorno dopo la superficie del mobile va lucidata con un tampone. Potete prendere della gommalacca che dovrete fare sciogliere in olio di lino cotto. Applicate questo composto sulla superficie del mobile laccato. Creerete così una pellicola che servirà a proteggerlo dalla polvere e a donargli lucentezza. In base alla grandezza della superficie da lucidare, potrete utilizzare tamponi di diverse misure. Per gli interstizi, gli incavi dei piedini ed i fregi scolpiti nel legno è sufficiente adoperare un pennellino piatto di piccole dimensioni. Subito dopo vi servirete di un tampone per eliminare eventuali sbavature. Buon lavoro.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per gli interstizi, gli incavi dei piedini ed i fregi scolpiti nel legno è sufficiente adoperare un pennellino piatto di piccole dimensioni.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come restaurare un mobile colpito dai tarli

Un mobile, soprattutto se antico, è soggetto a essere colpito dai tarli; e per poterlo restaurare occorrono delle tecniche di lavorazione molto particolari. Alcune tipologie di legno, come il faggio, la betulla, il ciliegio e l'abete, sono più soggette...
Ristrutturazione

Come decapare un mobile scuro

Decapare un mobile significa intervenire per rimuovere la parte superficiale di vernice della quale il mobile è colorato. Esiste una vera e propria tecnica decorativa (detta, appunto, di decapaggio) che consente di effettuare questo intervento nel miglior...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile con gommalacca

La gommalacca non è altro che una finitura versatile, e si tratta fondamentalmente di una resina in scaglie sciolta in un alcool denaturato che può migliorare il colore naturale del legno. La gommalacca è molto popolare grazie alla sua facilità di...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile antico

Ognuno di noi possiede in casa almeno un mobile antiche, magari ereditato da qualche parente, e che si trova in condizioni un po' malconce. Per questo alle volte si necessita di un restauro per poter portare il suddetto mobile ad uno stato decente. Molto...
Ristrutturazione

Come Sbiancare un mobile prima del restauro

Un mobile è un oggetto che ha bisogno di molte più cure di quanto si possa pensare: dopo anni passati rinchiuso in quattro mura, ad assorbire polvere, fumo e odori vari, spesso perde il suo colore originale e la sua lucentezza, arrivando a sbiadirsi....
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile in arte povera

I mobili in arte povera, durante la restaurazione, devono essere trattati in modo tale da conservare sempre la finitura originale. Il modo migliore per farlo è quello di utilizzare una finitura a cera in quanto è molto facile da applicare. Prima di...
Ristrutturazione

Come rimettere a nuovo un mobile libreria

Con il passare del tempo e con l'utilizzo, potrebbe capitare che i mobili presenti nelle varie camere della nostra abitazione tendano a rovinarsi ed in questi casi, la maggior parte delle volte preferiamo gettarli via ed acquistarne di nuovi, spendendo...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile in stile shabby chic

La maggior parte dei mobili shabby chic si concentra sui cosiddetti colori 'patrimonio' ​​come i bianchi cremosi, il grigio-bianco, il verde-bianco, il blu uovo e i verdi ma non ci sono regole, in quanto va bene tutto. È possibile usare anche due...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.