Come installare una stufa in ghisa

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La ghisa è una lega composta da ferro e carbonio; questo materiale è utilizzato per il rivestimento delle stufe a legna in quanto è un ottimo conduttore di calore. La ghisa è in grado di accumulare le radiazioni termiche che rilascia lentamente nell'ambiente; in questo modo permette un notevole risparmio energetico rispetto alle stufe costruite con altri tipi di materiali. Ultimamente, grazie anche agli incentivi governativi, si è diffuso molto questo "antico" metodo di riscaldamento. Molte persone hanno comprato una stufa a legna, scegliendola in ghisa. In questo tutorial si danno dei consigli su come l'installare una stufa in ghisa.

26

Conoscere le norme

Prima di effettuare l'installazione della stufa in ghisa bisogna conoscere alcune norme. Innanzitutto si deve scegliere l'ambiente della casa dove vogliamo posizionata; occorre tener presente che essa non può essere collocata dove ci sono caldaie funzionanti a gas (una scintilla può essere pericolosa). Bisogna poi accertarsi della presenza di una canna fumaria oppure di un adeguato foro nel muro per il passaggio dei tubi che costituiscono il canale da fumo.

36

Considerare le istruzioni del costruttore

Occorre prendere in considerazione le istruzioni del costruttore. Alcune ditte non concedono la garanzia alla stufa se non è installata da personale specializzato. Per questo motivo soltanto se la marca scelta dà la possibilità di un'installazione in economia si puoi procedere personalmente a mettere in funzione la stufa. Se il produttore permette l'installazione con il metodo fai da te bisogna verificare se il pavimento riesce a reggere il peso della stufa.

Continua la lettura
46

Cosa fare in caso di dubbi

Gli apparecchi in ghisa hanno un peso notevole; se abbiamo dei dubbi è opportuno posizionare un pannello in materiale refrattario nel posto dove mettiamo la stufa. Questa attenzione va posta anche se il pavimento è di parquet o di altro materiale infiammabile. Il pannello deve essere più largo della base della stufa e va posizionato in una zona piana. Nell'ambiente è indispensabile una presa d'aria comunicante con l'esterno per non consumare tutto l'ossigeno presente.

56

Avere il canale da fumo

Il canale da fumo è necessario e per un buon tiraggio si devono avere minimo 5 metri di tubi. Essi devono avere un andamento verticale e le piegature devono avere un'angolazione non superiore ai 45°. I tubi non devono essere flessibili, ma devono essere in ferro o in acciaio; se c'è una canna fumaria si possono inserire al suo interno. I tubi devono essere facilmente accessibili per pulirli e liberarli dalla fuliggine. Dopo aver installato i tubi per lo scarico del fumo bisogna accendere la stufa per verificare se ci sono fuoriuscite di fumo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come installare una stufa alogena

Riscaldare uno o più ambienti utilizzando la corrente elettrica non può certo definirsi il miglior sistema per ridurre i costi energetici, o per consumare energia tenendo conto dell'ecosostenibilità. Se proprio non potete farne a meno e non vi è...
Economia Domestica

Come installare una stufa senza canna fumaria

In commercio esistono diverse tipologie di stufe, alcune delle quali si installano senza la canna fumaria. In alcuni edifici la canna fumaria non esiste nemmeno, e non sempre è possibile realizzarne una. Le stufe senza la canna fumaria riescono a ricreare...
Economia Domestica

Come installare una stufa a mais

La stufa a mais riscontra successi e polemiche negli ultimi anni; essa è spesso criticata per l’utilizzo di una fonte alimentare come combustibile. La stufa a mais è la risposta al consumo ecosostenibile: ottima resa termica, bassi livelli di umidità,...
Economia Domestica

5 tipologie di stufa ecologica

Viviamo in un periodo in cui l'inquinamento ha raggiunto tassi elevatissimi, ed è quindi necessario ricercare, soprattutto nell'ambito del riscaldamento, delle alternative alle nocività prodotte nel corso dei secoli. Cercheremo quindi di descrivere...
Economia Domestica

Come accendere il fuoco in una stufa a legna

Le stufe a legna, come tutti sapete utilizzano il legno come combustibile. Esse possono essere realizzate in ghisa, in ceramica o in acciaio e possono diventare un vero e proprio oggetto di design. Attraverso il loro utilizzo si può ottenere una resa...
Economia Domestica

Come risparmiare con una stufa a petrolio

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad una crescita esponenziale la preferenza per i sistemi di riscaldamento con una stufa a petrolio rispetto a quello tradizionale. Il riscaldamento con stufa a petrolio ha delle limitazioni che influiscono molto sulla...
Economia Domestica

Come regolare una stufa a pellet

Oggi le stufe a pellet sono un "sistema" di riscaldamento alternativo molto diffuso all'interno delle abitazioni. La stufa a pellet infatti, più pulita e più pratica della tradizionale stufa a legna, sotto certi aspetti si rivela anche decisamente più...
Economia Domestica

Come detrarre l'acquisto di una stufa pellet dalla dichiarazione dei redditi

La stufa a pellets è un ottimo sistema di riscaldamento eco-sostenibile. Chi sceglie di acquistare una stufa o un camino a pellet, può fruire della detrazione dall’Irpef dal 50% al 65%. Grazie alle normative che permettono la detrazione fiscale sui...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.