Come installare i ripartitori di calore

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Gli impianti di riscaldamento di vecchi edifici commerciali o ad uso abitativo spesso dispongono di un’unica unità riscaldante (caldaia) ad emissioni centralizzate. Naturalmente ogni singolo esercizio o abitazione residente ha esigenze diverse in tema calore che comportano consumi differenziati. Da qui nasce l’esigenza di quantificare il consumo energetico per una corretta ripartizione delle spese in base agli effettivi utilizzi per ogni utenza. L’istallazione di ripartitori di calore consente la misurazione della produzione di calore del sistema riscaldante (radiatore) e permette la memorizzazione dei valori acquisiti. L’utilizzo autonomo del termostato per la variazione della temperatura non sarà più un problema: si tratterà di installare i ripartitori di calore come spiegato di seguito.

26

Utilità dei ripartitori di calore

I ripartitori di calore sono dotati di appositi sensori, spesso due, che intercettano la temperatura rilevata nell'ambiente e quella emessa dal radiatore. I dati catturati sono gestibili, memorizzabili e trasferibili. L’utilità è evidente sia ai fini delle ripartizioni sia per analisi sui consumi di fine periodo o segnalazione di guasti, poiché facilità l’individuazione settoriale della distribuzione del calore.

36

Posizionamento dei ripartitori di calore

Si tratta di dispositivi di facile montaggio dalle dimensioni contenute. Ne esistono di due tipi. L’installazione del ripartitore può essere diretta sul termosifone oppure tramite sensore remoto con ripartitore a muro.
as">L’installazione non necessità di interventi invasivi fori o saldature, poiché il kit di installazione è già dotato di piastre apposite. Il primo passo è fissare sul calorifero una piastra di supporto, in apposito materiale trasmettitore di calore, sulla quale sarà posizionato a baionetta il dispositivo di ripartizione. La funzione del supporto è quella di comunicare al rilevatore posto dietro al contatore i dati relativi all'impiego energetico.

Continua la lettura
46

Montaggio dei ripartitori di calore

Se gli elementi riscaldanti sono dispari (e quindi gli interstizi sono pari) il ripartitore o il sensore remoto dovranno essere posizionati a metà larghezza. Considerare poi che il ripartitore a muro è consigliabile possa essere fissato nella parete più prossima in direzione della valvola di mandata. La posizione in altezza dovrà essere circa il 75% dell’altezza del radiatore. Qualora il termosifone fosse più lungo di 2,2 metri deve essere considerato come due termosifoni da 1,1 metri. In tal caso si procede all'applicazione di doppio sensore. Il dispositivo (ripartitore o sensore) viene fissato con una vite di fissaggio.

56

Obbligatorietà di installazione dei ripartitori di calore

I ripartitori di calore non hanno bisogno di alimentazione elettrica perché sono generalmente dotati di batteria al litio che garantisce la lunga durata. Nei condomini o edifici commerciali dove è presente un sistema di riscaldamento centralizzato, secondo le norme attualmente vigenti, è obbligatoria l’istallazione di un contabilizzatore di consumi individuale per ogni utenza.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come installare una caldaia a gas a condensazione

Se avete la necessità di sapere come installare una caldaia a gas a condensazione, questa guida è ciò che fa al caso vostro. Nei successivi passi infatti, attraverso una serie di utili e semplici mosse, vi spiegherò, molto accuratamente, come installare...
Ristrutturazione

Come installare una caldaia a condensazione

Le caldaie a condensazione sono delle caldaie che usano il calore dei gas di scarico che normalmente vengono rilasciati nell'atmosfera attraverso il camino. Per utilizzare questo calore latente, il vapore acqueo dal gas di scarico si trasforma in condensa...
Ristrutturazione

Come installare un impianto di riscaldamento a raggi infrarossi

Con l'avvento delle nuove tecnologie, sono stati inventati tutta una serie di apparecchi che ci aiutano nella vita quotidiana. Questo avviene sia per la grandi aziende, che per i normali appartamenti, come ad esempio nel caso del riscaldamento. Sicuramente...
Ristrutturazione

Come installare il camino elettrico

Il camino non è solo un elemento di riscaldamento dell'abitazione ma esso rappresenta un valido elemento di design che, se fatto a dovere, dona un valore aggiunto alla casa non indifferente. Esistono tante tipologie e modelli da poter installare, ma...
Ristrutturazione

Come installare un termoconvettore

Come vedremo nel corso di questo tutorial, un termoconvettore è uno strumento tecnologico che consente, grazie alle sue caratteristiche particolari, di trasmettere calore in una stanza senza l'uso di elettricità o di ventole. Se siete interessati a...
Ristrutturazione

Come installare un camino a gas senza canna fumaria

Una maniera per dare senza ombra di dubbio un tocco di stile in più all'ambiente in cui si vive è installare un camino a gas senza canna fumaria, molti di questi camini hanno uno stile moderno e danno una bella sensazione anche solo a vederli. Inutile...
Ristrutturazione

Come installare un termocamino

 Installare un termocamino rappresenta una scelta all'avanguardia che con il passare del tempo può rivelarsi economicamente molto vantaggiosa. Questo sistema di riscaldamento permette infatti la diffusione del calore in casa ottimizzando i costi e offrendo...
Ristrutturazione

Come installare il riscaldamento autonomo

Se abitate in un condominio, sapete benissimo che vi sono alcune regole di base che devono essere rispettate. Tra queste molto volte causa di litigio può essere l'azionamento o meno del riscaldamento. Con l'inverno e la stagione fredda si rende quindi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.