Come impiattare un risotto

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

In cucina, il connubio tra gusto ed estetica è un fattore determinante per la presentazione di un piatto di portata: presentare in maniera raffinata ed elegante una pietanza, infatti, stimola desiderio ed appetito, oltre a scatenare il piacevole stupore dei commensali.
Per impiattare con stile servono, in realtà, pochi elementi: un pizzico di pazienza, l’attento abbinamento cromatico dei vari ingredienti e tanta creatività. Ecco come impiattare un risotto.

27

Occorrente

  • Un pizzico di pazienza e tanta creatività
37

Il primo aspetto da curare è l’accostamento dei colori: è consigliato vivamente di non utilizzare contenitori della stessa nuance dell’alimento, perché ne andreste ad annullare la rilevanza cromatica, rendendo il piatto insignificante ed anonimo.
Potete, inoltre, sbizzarrirvi con le forme, sagomando il riso al centro del piatto e vivacizzandolo con erbette, spezie o graziose verdure alla julienne: dipende tutto dalla vostra fantasia.

47

Se dovete servire un riso al radicchio, lasciate da parte qualche foglia cruda e ben lavata. Adagiate, quindi, il risotto al centro del piatto e decorate i bordi con le foglie: spolverizzate il tutto con del parmigiano, grattugiato o in scaglie, e servite immediatamente. La croccantezza del radicchio crudo si sposerà piacevolmente con il resto degli ingredienti, impartendo alla pietanza un sapore originale e gustoso.

Continua la lettura
57

Il risotto alla zucca potete simpaticamente disporlo all'interno della zucca stessa, accuratamente mondata e svuotata della polpa: l’effetto ottico sarà particolarmente originale.
Volendo, potete anche aiutarvi con un coppa-pasta e adagiarlo al centro del piatto di portata, decorandolo con un rametto di rosmarino e una spolverata di pepe nero.

67

Se il risotto è semplice a base di legumi, disponete i legumi al centro del piatto e poi adagiate il riso al di sopra. Prendete il prezzemolo, lo lavate accuratamente, lo tritate e poi lo spolverizzate sul piatto. Se i legumi in questioni sono le lenticchie, impiattate il riso al centro e sistemate le carote tagliate a rondelle lungo i bordi. Nel caso in cui il risotto è con i ceci, impiattate il riso, decorando la bordura del piatto con le foglie di alloro. Se il risotto è ad insalata. Ponete il mais, le olivette e i capperi sulla bordura del piatto e mettete il riso nella parte centrale. Sul riso aggiungete i pomodorini ciliegino tagliati a metà e qualche foglia di basilico. Per il risotto allo zafferano, fate cadere lo zafferano a pioggia sul piatto, per dare un tocco di colore in più e ponete il riso al centro.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Quando guarnite il piatto, prestate molta attenzione a non imbrattarne i bordi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come impiattare con stile

Il piacere della buona tavola, è una delle cose a cui nessun essere umano dovrebbe rinunciare mai. La tavola, infatti, rappresenta per eccellenza il luogo del relax e del piacere, la pausa dal lavoro o dalle tensioni della vita di tutti i giorni, il...
Economia Domestica

Come impiattare i primi

Quando preparate una deliziosa cena, oltre al gusto che avranno le vostre pietanze, sarà di fondamentale importanza un decoro che rappresenti al meglio il cibo che portate in tavola. La cucina infatti è un'esplosione per le diversità e particolarità...
Economia Domestica

Come impiattare i secondi di carne

Quando organizziamo una cena per parenti o amici, è importante presentare i piatti e le portate in modo raffinato e, particolare, in modo da renderli ulteriormente originali e unici nel loro genere. Senza dubbio perché come si suol dire, anche l'occhio...
Economia Domestica

Come impiattare gli spaghetti

La nostra grande Italia, è considerata da sempre la patria della pasta, perché noi italiani l'amiamo mangiare, in qualunque modo, possa essere servita. Gli spaghetti, in particolar modo, sono in assoluto il tipo di pasta che più rappresenta la cucina...
Economia Domestica

Idee per il pranzo di Santo Stefano

Dopo il cenone della vigilia di Natale e il Pranzo di Natale, ci si prepara anche per il Pranzo di Santo Stefano, che altro non è che la continuazione delle festività natalizie. Il giorno di Santo Stefano viene spesso definito “il pranzo degli avanzi”...
Economia Domestica

Come usare la birra in cucina

La birra è una delle bevande alcoliche preferite a livello mondiale, in particolare per accompagnare i cibi. Le origini della birra sono antichissime, si parla addirittura di 7000 anni fa, nella zona che adesso ospita l'Iran. Più recentemente, i centri...
Economia Domestica

Quali cibi non mettere nel microonde

Il forno a microonde (da adoperare solo con i contenitori adatti!) è un elettrodomestico che genera nel suo interno (tramite il magnetron) delle onde elettromagnetiche capaci di cuocere le vivande ad una frequenza di 2.450 Mhz. Queste onde consentono...
Economia Domestica

Guida ai tipi di cottura in pentola a pressione

La cucina è una stanza fondamentale per poter preparare da mangiare. In cucina troviamo i mobili, il frigorifero, la lavastoviglie, la cappa. Ma anche il forno, essenziale per preparare il pollo con le patate, e naturalmente troviamo il lavello. All'interno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.