Come fare stampi per la gelatina

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se avete bisogno di stampi per la gelatina per le vostre preparazione dolci, potete semplicemente ricavarli da prodotti riciclati, facilmente reperibili in casa e dal design particolare, in grado di farvi ottenere degli stampi curiosi, divertenti ed originali per modellare la gelatina, utile per la guarnitura delle torte. A tal proposito, nella seguente guida, attraverso una serie di utili e semplici passaggi, vi illustrerò come fare stampi per la gelatina. Vediamo quindi come procedere.

26

Occorrente

  • Bottiglie di plastica
  • Formine da spiaggia
  • Fimo o creta
  • Tondini di legno e listelli
  • Colla di pesce o di coniglio
  • Colori e vernici naturali
  • Bicchieri di plastica
  • Forbici e seghetti
36

Innanzitutto, il primo oggetto che vi consentirà di realizzare uno stampo originale per la gelatina, è senza dubbio l'utilizzo di una bottiglia di plastica; infatti, tra quelle in commercio, ci sono tante che sul fondo hanno vari disegni, come ad esempio una stella marina, oppure due cerchi concentrici a piramide o anche di forma trapezoidale. Il lavoro consiste in questo caso, nel tagliare la bottiglia all'altezza di circa due centimetri dalla base, dopodiché con una limetta, basta eliminare il taglio vivo ed utilizzare la parte come stampino per la gelatina.

46

Un altro sistema per fare stampi per la gelatina, è quello di prendere le formine dei vostri bambini tipo quelle che si utilizzano per la spiaggia, e trasformarle di terracotta, in modo da farne anche un materiale da esposizione dopo l'uso. Il sistema è molto semplice; infatti, si tratta di utilizzare del fimo o della creta, fare una pagnottella con il palmo della mano, affondandoci poi all'interno la parte a bassorilievo della formina di plastica, ottenendo così il calco. A questo punto, il materiale va fatto essiccare, dopodiché si possono utilizzare colori a fuoco naturali, per dipingerli e farli diventare lucidi con l'aggiunta di vernice, prima di cuocerli nel forno.

Continua la lettura
56

Fare degli stampi, significa dunque soprattutto avere fantasia ed una voglia matta di esprimersi attraverso l'arte creativa. Nei centri di bricolage, esistono moltissimi prodotti naturali di legno, che sono atossici e di varie forme. Con questi materiali, si possono sfruttare diverse sagome, arricchendole con listelli di legno per creare composizioni di ogni genere, incollandole tra loro con colla di pesce o di coniglio (non nocive), e poi utilizzarle come stampi al naturale o anche in questo caso colorandole con vernici ad acqua, o colori a base di terra. In conclusione, seguendo queste semplici mosse, riuscirete in pochissimo tempo a realizzare qualsiasi tipologia di stampo per gelatina. Buon lavoro!

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come riutilizzare stampi e formine per dolci

Se in casa abbiamo degli stampi per torte in alluminio che sono anneriti e preferiamo non versarci dell'impasto dentro oppure delle formine in silicone che si sono rovinate con il calore non è il caso di buttarle. Con un po' di fantasia e di abilità...
Economia Domestica

Come fare il sapone di cocco in casa

Il sapone che si trova normalmente in commercio è carico di tensioattivi e sostanze dannose all'ambiente. Ovviamente si tratta di prodotti nocivi anche per l'organismo. Per chi volesse provare a fare da sè il sapone e creare un prodotto assolutamente...
Economia Domestica

Come fare lo slime senza appretto

Cos'è lo slime? Da bambini tutti ci abbiamo giocato almeno una volta. Lo slime è una sorta di gelatina molto elastica, deformabile e appiccicosa. Lo slime è un gioco tornato di moda e si trova in vendita in edicola ed in molti negozi di giocattoli,...
Economia Domestica

Come conservare al meglio le more

Le more sono delle bacche molto versatili per realizzare molte ricette tra cui torte e crostate e la natura ne provvede a profusione. Quando vengono raccolte, solitamente sono già molto mature e quindi vanno consumate in pochissimo tempo. Se si desidera...
Economia Domestica

Gli utensili per fare il pane

Quando si desidera gustare una pagnotta di pane creata in casa, ci sono una varietà di ricette che è possibile utilizzare, insieme a svariati tipi di utensili. Gran parte degli strumenti che si utilizzano per fare il pane si possono trovare, comunemente,...
Economia Domestica

Come conservare lo zenzero sott'olio

Probabilmente avete acquistato un grande pezzo di radice di zenzero fresco. Ma sapete bene che non lo userete tutto, ma solo un pizzico per ogni ricetta. Proprio per questo un pezzo di radice di zenzero potrebbe consumarsi tutto dopo diverse settimane....
Economia Domestica

Come utilizzare l'arancia

L'arancia è il frutto tipico della stagione invernale, ricchissimo di vitamina c, fibre e sali minerali. Grazie all'elevato contenuto d'acqua, circa l'80-90%, le arance sono inoltre delle ottime alleate del nostro peso forma. Oltre al loro utilizzo come...
Economia Domestica

Come fare il sapone allo zolfo in casa

Il sapone allo zolfo è un rimedio naturale ampiamente indicato a chi presenta pelle grassa e problemi di acne. Inoltre, le sue proprietà disinfettanti e antinfiammatorie risultano benefiche per diverse problematiche cutanee e può essere utilizzato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.