Come fare la cottura a bagnomaria

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il bagnomaria è una modalità di cottura ma indiretta, che garantisce un migliore controllo degli alimenti. Si tratta di una tecnica che può essere utilizzata sia per scaldare, che per cuocere e raffreddare un cibo. La cottura a bagnomaria si effettua introducendo l'alimento all'interno di un contenitore che successivamente verrà posto in un altro contenitore molto più grande dove vi sarà l'acqua che bolle. Ecco come è possibile fare una cottura a bagnomaria.

25

Giungere ad ebollizione

In realtà il contenitore conservante il cibo, non viene riscaldato direttamente ma avviene un passaggio di calore attraverso l'acqua che giunge ad una temperatura tale da giungere ad ebollizione. Questa tecnica risulta essere ottimale per tutti quegli alimenti che non possono essere sottoposti a temperature elevate ed intense.

35

Ebollizione per contatto o a secco

Inoltre, può avvenire per contatto o a secco, nel secondo caso la pentola ove è posto il cibo è posta in modo tale da non avere contatto con l 'acqua molto calda del contenitore sottostante. In questo modo vi sarà un piccola differenza di temperatura.

Continua la lettura
45

Raffreddare un alimento

Come detto in precedenza, questa tecnica può essere usata anche per raffreddare un alimento, basterà porre il contenitore con il cibo in una pentola provvista di sale possibilmente grosso e acqua allo stato solido. Sono presenti in commercio degli appositi pentolini per effettuare questa tecnica. Vi il polsonetto, che non è nient'altro che un contenitore dalla forma semisferica provvisto di un gancio e di un manico, ma in realtà si possono usare anche dei pentolini che si hanno a casa propria, basteranno semplicemente due pentole tali da potersi adattare l'uno all'altra.

55

Cuocere la carne a bagnomaria

Nel caso in cui dovete cuocere la carne a bagnomaria, prendete il pezzo scelto e mettetelo all'interno di un contenitore di acciaio. Poggiate il contenitore su una pentola contenente acqua e attendete che arrivi a bollore. Girate di tanto in tanto con un mestolo di legno e lasciate cuocere per 20 minuti circa, se si tratta di un pezzo di carne morbida, mentre 60 minuti se la carne da cuocere presenta nervatura ed è piuttosto dura. Se dovete cuocere invece delle verdure, ci vorrà meno tempo. Ponete le verdure sempre in un contenitore di acciaio o di terracotta resistente alle alte temperature e lasciatele cuocere per 15 minuti circa. Se l'ortaggio in questione sono le patate o le barbabietole, occorreranno circa 60 minuti. Condite e salate come meglio preferite. Anche la frutta può essere cotta a bagnomaria, il procedimento da seguire è il medesimo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Cottura a induzione: pro e contro

Molti di voi avranno sicuramente sentito parlare, e magari avuto modo di sperimentare, la cottura a induzione. Di cosa si tratta? È un metodo di cottura su un piano che non dispone dei classici fornelli né delle piastre in ghisa, ma semplicemente di...
Economia Domestica

Come cucinare con un piano cottura a induzione

L’evoluzione della cucina negli ultimi anni, è passata anche attraverso la cottura dei cibi senza l’utilizzo della fiamma: parliamo della più recente, affascinante ed evoluta cottura attraverso i piani a induzione. Tecnica innovativa, totalmente...
Economia Domestica

Come proteggere il piano cottura in vetro temperato

Se per la vostra cucina avete optato per un piano cottura in vetro temperato, è importante sapere che si tratta di una tipologia abbastanza delicata che richiede accortezza durante l'uso, oltre ad una corretta manutenzione con prodotti adeguati per evitare...
Economia Domestica

5 svantaggi del piano cottura a induzione

Se abbiamo appena deciso di rinnovare l'ambiente cucina e tutti i mobili, dobbiamo scegliere se avvalerci di un piano cottura tradizionale o di uno ad induzione. In entrambi i casi c'è l'imbarazzo della scelta, ma se optiamo per il secondo, è importante...
Economia Domestica

5 vantaggi del piano cottura a induzione

Il piano cottura ad induzione è una tipologia di fornello che per funzionare sfrutta il principio dell'induzione elettromagnetica, per scaldare le pentole impegnate nella cottura delle pietanze. Diversamente dal piano di cottura classico, a gas, il fornello...
Economia Domestica

Come scegliere un piano di cottura a induzione

Cucinare bene non è solo una questione di abilità personale: contano anche i supporti tecnici. Si può certamente fare meglio se in cucina si ha a disposizione un piano cottura che permette, per esempio, di regolare in maniera precisa la potenza della...
Economia Domestica

Gli svantaggi del piano cottura ad induzione

Ormai sempre più diffuso nelle cucine di nuova generazione, il piano cottura ad induzione rappresenta l'evoluzione moderna dei vecchi fornelli a gas, fedeli alleati in cucina delle nostre nonne e mamme. Risulta molto gradito soprattutto ad un pubblico...
Economia Domestica

Come usare il piano cottura a induzione

Cucinare è uno degli hobby preferiti degli italiani. Per molti è addirittura un'arte, forte delle antichissime radici che rendono la cucina italiana famosa in tutto il mondo. Tra le usanze e le tradizioni non troviamo soltanto centinaia di ricette tipiche....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.