Come fare il sapone dall'olio usato

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'olio della frittura potrebbe essere particolarmente dannoso per l'ambiente se questo viene buttato via, dopo essere stato usato, in modo scorretto. Esistono degli appositi punti di raccolta per gettare via l'olio usato ma perché non trarne vantaggio e riciclarlo per creare qualcosa di utile? Raccogliere l'olio usato è infatti il primo step per realizzare delle saponette per il bucato, detersivo per piatti o per detergere le mani. Vediamo insieme come fare il sapone dall'olio usato.

27

Occorrente

  • 1 kg di olio di frittura
  • 300 gr di acqua
  • 135 gr di soda caustica
  • oli essenziali a scelta
  • coloranti in polvere
  • becher in vetro
  • pentola
  • guanti
  • frullatore ad immersione
  • termometro ad immersione
  • bilancia
  • stampi
  • coperta
37

Innanzitutto bisogna filtrare l'olio in modo da eliminare le impurità. A questo punto bisogna pesare l'olio, poi la soda e l'acqua con una bilancia. Versate poi l'acqua nel becher in vetro e aggiungere a poco a poco la soda mescolando il composto. Nel frattempo mettete l'olio a riscaldare a fuoco basso in una pentola misurando costantemente la temperatura. Quando l'olio raggiungerà i 40-45 gradi potete spegnere il fuoco. La sessa cosa con la soda che si riscalda immediatamente a contatto con l'acqua: appena questa raggiunge la stessa temperatura dell'olio, versatela nella pentola e mischiatela con l'olio.

47

A questo punto potete cominciare ad usare il frullatore ad immersione per miscelare i due liquidi ed ottenere un composto omogeneo, di consistenza simile alla crema pasticcera. Adesso è possibile aggiungere gli oli essenziali, importanti per dare profumo alla vostra saponetta. Una ventina di gocce dovrebbero bastare. Se volete che il profumo degli oli persista allora potete aggiungere un cucchiaino di amido di riso o amido di mais. Potete quindi procedere con l'aggiunta di coloranti a piacere. Se non utilizzate i coloranti è possibile usare il composto, il sapone che rimane nella pentola può essere usato fin da subito come detersivo per la lavatrice da versare nel cestello ma dovete prima diluirlo un po' con l'acqua.

Continua la lettura
57

Lo step finale consiste nel versare il nostro sapone in appositi stampi, la forma sarà a piacere, per creare la nostra saponetta personalizzata. Potete usare delle forme in silicone ma anche dei barattoli o ancora contenitori di plastica vuoti. Una volta riempiti, coprite gli stampi con un telo o magari una coperta e lasciate che il tutto si raffreddi aspettando tra le 24 e le 48 ore. A quel punto sarà possibile tagliare il nostro sapone. Ricordate ovviamente di indossare i guanti. Il sapone sarà poi utilizzabile solo dopo cinque settimane circa di riposo. Deve essere tenuto in un luogo riparato e asciutto.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Usando la soda caustica usate guanti e occhiali protettivi
  • tenete lontani i bambini durante il procediemento
  • Coprite tutto lo spazio di lavoro
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come fare un gel sapone da bucato in casa

Nella seguente guida verrà spiegato come fare un gel sapone da bucato in casa. Ma perché farlo in casa e non acquistalo direttamente al supermercato? Beh, le motivazioni sono molteplici, ma la più importante è che molti dei detersivi in commercio...
Pulizia della Casa

Come usare il sapone di Marsiglia

Il sapone di Marsiglia è un particolarissimo tipo di sapone che viene prodotto con ingredienti totalmente naturali. La sua caratteristica principale è quindi quella di non produrre alcun tipo di inquinamento e può essere utilizzato in moltissimi modi...
Pulizia della Casa

Come lavare i panni con il sapone d'alga

Ai giorni nostri, seguendo i vari problemi ed argomenti giornalieri, sentiamo spesso parlare di sostenibilità. È presente in ogni settore, perché l’uomo di oggi, avverte la necessità di ritrovare nella natura quel che gli serve per la sua sopravvivenza....
Pulizia della Casa

Come fare il sapone di Marsiglia

Il sapone di Marsiglia aiuta nelle attività quotidiane come la detersione del corpo, la pulizia della casa e il lavaggio degli indumenti sporchi. Questo sapone si ottiene adoperando ingredienti completamente naturali e mediante un procedimento del tutto...
Pulizia della Casa

Come fare il sapone con il bicarbonato di sodio

Il sapone fatto in casa è semplice da fare e costa molto meno rispetto a quello di marca, acquistato al supermercato. L'aggiunta di bicarbonato di sodio al detersivo può aiutare a far staccare le macchie dai tessuti, perché è uno smacchiatore naturale....
Pulizia della Casa

Come pulire il divano col sapone di Marsiglia

Come tutti gli arredamenti di un'abitazione, anche il divano richiede una manutenzione molto approfondita: qualora si verificassero delle macchie, questa necessità diventa immediatamente una priorità e l'intervento deve essere veramente tempestivo,...
Pulizia della Casa

Come togliere il sapone dalle piastrelle del bagno

Le piastrelle dei nostri bagni sono costantemente messe a dura prova da saponi e vapori. Spesso quindi lo sporco finisce per depositarsi sullo smalto e tra le fughe, opacizzando la brillantezza naturale delle nostre piastrelle. Come fare per riportarle...
Pulizia della Casa

Come pulire e disinfettare un materasso usato

L'igiene e la pulizia sono senza dubbio due fattori importanti per la cura della propria persona. Provate a pensare al fatto che dormire sullo stesso materasso per parecchio tempo, soprattutto se già usato da altre persone, non è certamente il massimo....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.