Come fare il liquore alla violetta

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il liquore alla violetta rappresenta senza dubbio una delle bevande alcoliche più ricche ed eleganti che ci siano. Ciò è dovuto sia al suo inconfondibile e raffinato sapore, sia per il caratteristico colore che ne possono anche fare un bellissimo omaggio di compleanno o un grazioso cadeau per qualche occasione speciale. Realizzare con le proprie mani questo tipo di liquore è davvero semplice e veloce. In questa guida vi illustreremo dunque come fare il liquore alla violetta.

26

Occorrente

  • 2 mazzi di violette, 350 g di zucchero semolato, 1/2 l di acqua, 250 g di alcool 90 gradi
36

Preparate lo sciroppo

In pratica si tratterà di approntare un gustoso sciroppo con l'aiuto di due ingredienti semplici e fondamentali come lo zucchero e l'acqua. Aggiungete poi dell'alcol a 90 gradi. Tale sciroppo dovrà essere scaldato a fuoco vivace fino a quando lo zucchero non si sia totalmente diluito nel composto. Ora, dopo aver reperito tutti gli ingredienti necessari, vediamo più nel dettaglio come preparare un liquore alla violetta.

46

Pulite le violette

Iniziamo quindi la preparazione del liquore. Il consiglio è quello di raccogliere delle violette fresche ed utilizzarle per la preparazione della bevanda. Ma se non avete il tempo per farlo o la stagione non lo consente, sarà lo stesso utile ordinare questi fiori al vostro fioraio di fiducia. Dopo aver acquistato dunque le violette, pulitele accuratamente recidendo i gambi. Successivamente lavate le violette e asciugatele completamente. Ovviamente queste operazioni preliminari non saranno molto agevoli, visto che le dimensioni di questi graziosi fiori sono molto ridotte e che le violette sono in effetti molto delicate. Ora dovrete versare lo sciroppo in un capiente recipiente, ponendo dentro anche le violette pulite. Lasciatele dunque in infusione per almeno una giornata intera.

Continua la lettura
56

Filtrate con un colino

Trascorso il tempo necessario per realizzare un'ottima amalgama tra lo sciroppo e i fiori, iniziate il filtraggio. Questo dovrà essere realizzato con un colino. A questo punto versate nella bottiglia il liquore così ottenuto anche se la raccomandazione è quella di non consumarlo immediatamente. Dovrete infatti custodirlo per almeno 30 giorni prima di donarlo o berlo voi stessi. Se poi voleste realizzare una confezione graziosa e particolare, vi suggeriamo di versare il liquore alla violetta all'interno di una bottiglia particolare o in stile speciale e di arricchire il tutto con qualche violetta seccata da applicare sulla parte esterna della bottiglia per rendere il vostro omaggio ancora più bello ed originale.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Dopo aver realizzato il liquore alla violetta, attendete almeno 30 giorni prima di consumarlo

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come utilizzare l'arancia

L'arancia è il frutto tipico della stagione invernale, ricchissimo di vitamina c, fibre e sali minerali. Grazie all'elevato contenuto d'acqua, circa l'80-90%, le arance sono inoltre delle ottime alleate del nostro peso forma. Oltre al loro utilizzo come...
Economia Domestica

Come conservare le foglie di rabarbaro

Il rabarbaro è una pianta di tipo perenne che cresce in molti giardini e cortili; infatti, oltre ad utilizzarlo per preparare dei liquori, si può aggiungere a marmellate, gelatine, salse e crostate per dargli un certo sapore. Le foglie della pianta...
Economia Domestica

Come riciclare le lattine della birra

Cominciamo col dire che la birra in lattina è stata prodotta negli anni Trenta da un'azienda statunitense. Tuttavia, per una questione di necessità, in quanto le lattine dovevano viaggiare per lunghi percorsi, si è pensato di sostituirla, in parte,...
Economia Domestica

Come usare il Sorbo rosso

Tra le tante varietà di piante che si possono trovare nella macchia mediterranea, una con molteplici effetti benefici per il nostro organismo è il Sorbo rosso. Il Sorbo rosso è una pianta a carattere arbustivo e produce dei frutti rossi simili a palline....
Economia Domestica

Come conservare i mandarini cinesi

Gli agrumi sono i frutti più nutrienti e la loro grande quantità di vitamina C preserva il nostro organismo dall'attacco di infezioni o batteri. Le arance, i limoni e i mandarini rappresentano oramai un must delle nostre tavole, soprattutto durante...
Economia Domestica

5 accessori per la confettata perfetta

In questi ultimi anni molte delle tradizioni di un tempo stanno tornando in auge e, fra le usanze che riscuotono maggior successo, troviamo la confettata. Da semplice dono agli invitati di un simbolico ricordo beneaugurante, la consegna dei confetti...
Economia Domestica

5 stili per apparecchiare la tavola

Quando si organizza una cena o un pranzo importante, è sempre indicato apparecchiare la tavola in maniera non solo ordinata ed elegante ma anche originale e particolare. I modi e gli stili per apparecchiare una tavola e per agghindarla come si deve sono...
Economia Domestica

Tecniche di conservazione domestica

Per avere ortaggi, verdura e frutta a disposizione anche oltre il loro periodo di maturazione, possiamo ricorrere ad alcune tecniche di conservazione domestica. Conservare correttamente gli alimenti vuol dire anche mangiare sano: durante il procedimento...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.