Come fare il bucato senza ammorbidente

Tramite: O2O 04/08/2018
Difficoltà: media
19

Introduzione

Oggi per ottenere un bucato perfetto e soprattutto morbido non è difficile; infatti, in commercio ci sono svariati prodotti che aggregati al detersivo o da soli sono in grado di rendere il bucato pulito, sbiancato e soprattutto morbido. Tuttavia nel caso proprio dell'ammorbidente, molte casalinghe preferiscono farne a meno poiché spesso le fibre specie dei capi delicati subiscono delle alterazioni, senza contare che si tratta comunque di sostanze chimiche. In riferimento a ciò, ecco una guida su come fare il bucato senza utilizzare il suddetto ammorbidente.

29

Occorrente

  • Aceto
  • Bicarbonato di sodio
  • Acido citrico
  • Foglio di alluminio
  • Palline da tennis
  • Sapone neutro
  • Shampoo delicato per bambini
  • Olio essenziale di lavanda
39

Usare il bicarbonato di sodio

Quando si pensa ad un bucato fresco e profumato, viene con sé anche l'idea di morbidezza. Esistono diverse alternative per l'utilizzo degli appositi ammorbidenti e tutte producono lo stesso risultato. I metodi che vedremo consentono di disintossicare ogni singolo capo e conferirgli la massima morbidezza che avrebbe naturalmente, senza però usare alcun prodotto industriale. La prima alternativa agli ammorbidenti chimici reperibili in commercio è il bicarbonato di sodio. Questo è un ottimo sostituto e per usarlo correttamente prima di avviare il programma di lavaggio della lavatrice, ne versiamo un po' nel cestello miscelato con acqua. Il bicarbonato ha il compito di rendere l'acqua del lavaggio più dolce, quindi abbasserà il livello di calcio contenuto in essa. In questo modo il bucato non indurirà a causa del calcare e risulterà quindi molto più soffice.

49

Inserire nel cestello un foglio di alluminio accartocciato

Un altro ottimo rimedio per rendere il bucato morbido senza utilizzare prodotti chimici consiste nell'usare alcune gocce di aceto bianco. L'unica accortezza da avere, è di non metterlo direttamente nel cestello insieme ai capi da lavare in lavatrice. Così facendo eviteremo che venga in contatto con il detersivo, altrimenti si annullerebbero reciprocamente gli effetti. Di solito quando dei capi risultano molto duri la questione riguarda la loro elettricità statica. In questi casi, si possono prendere dei piccoli accorgimenti per ridurla o eliminarla del tutto. Inserendo ad esempio un foglio di alluminio accartocciato all'interno del cestello, sarà possibile avere dei capi molto più morbidi. La stessa cosa vale se vi si mettono due palline da tennis in quanto la lanugine che le ricopre funge da assorbente della suddetta elettricità statica, evitando che si accumuli sui capi da lavare e quindi con la possibilità di ottenerli morbidi.

Continua la lettura
59

Optare per dell'acido citrico

Dividere il bucato è invece un'altra ottima soluzione. Suddividendo infatti i capi naturali da quelli sintetici, è possibile mantenerne ognuno soffice. Tuttavia va detto che tra i prodotti naturali da usare per il lavaggio a mano o in lavatrice dei tessuti ce ne sono anche degli altri. Per fare un esempio si può optare per dell'acido citrico, e nello specifico preparando un semplice composto. In tal caso basta mescolare mezzo litro d'acqua con 3 cucchiai di acido citrico. Successivamente, possiamo versarlo direttamente nello scomparto destinato all'ammorbidente, ed in questo modo sortirà lo stesso effetto dei prodotti chimici se non migliore.

69

Creare un detersivo ammorbidente

Per massimizzare il risultato si può anche creare in casa un detersivo ammorbidente usando ad esempio del sapone neutro o dello shampoo delicato per bambini, ed aggiungervi poi del succo di limone e del bicarbonato di sodio. Ognuna di queste sostanze svolge un ruolo ben preciso; infatti, il sapone deterge i capi senza infeltrirli, il succo di limone li sterilizza mentre il bicarbonato di sodio svolge una leggera ma efficace azione abrasiva tra le fibre, oltre che rimuovere cattivi odori (sudore o urina) specie se si tratta di capi intimi.

79

Aggiungere al sapone dell'olio essenziale di lavanda

A margine di questa guida per preparare in casa un ammorbidente del tipo "tutto in uno", il precedente composto può essere ottimizzato aggiungendovi dell'olio essenziale di lavanda. Alcune di queste gocce infatti consentono di ottenere il bucato oltre che morbido anche profumato. Se poi non bastasse è importante ricordare che di per sè la lavanda è un ottimo sanificante naturale, in grado di distruggere ogni tipo di batterio.

89

Guarda il video

99

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

5 consigli per risparmiare energia quando fai il bucato

Fare il bucato in lavatrice specie se la tua famiglia è molto numerosa, significa consumare tantissima energia elettrica nell'arco di un mese, il che si ripercuote non poco sui costi della bolletta energetica. Per minimizzare i consumi, ci sono tuttavia...
Economia Domestica

Come fare il bucato con l'acqua fredda

Fare il bucato a volte può essere tutt'altro che semplice, soprattutto quando si tratta di scegliere la giusta temperatura dell'acqua. Sarà capitato a tutti di mettere in lavatrice una camicia bianca e ritrovarsela dopo il lavaggio di un altro colore,...
Economia Domestica

Come stendere il bucato senza balcone

Stendere il bucato potrebbe sembrare un'operazione alquanto semplice e banale, essa però potrebbe complicarsi se nell'appartamento non vi sono balconi o spazi appositi dedicati ad essa. Naturalmente se l’assenza di balconi o terrazze è proprio il...
Economia Domestica

Come non stirare il bucato

I lavori domestici sono una realtà quotidiana. Non si può far a meno di pulire, lavare, cucina e stirare perché queste attività rientrano nella vita di tutti i giorni. È vero, però, che ci sono moltissime persone che fanno le faccende in modo sbagliato,...
Economia Domestica

Come stendere il bucato in casa per farlo asciugare velocemente

L'umidità, la pioggia, il cattivo tempo delle giornate invernali, molto spesso non permettono di stendere la biancheria all'aperto a causa delle mancanza del sole. La biancheria umida, può diventare ammuffita e può impregnarsi di un cattivo odore....
Economia Domestica

Come si fa la lavatrice

La lavatrice è stata, per noi casalinghe, una grande scoperta e non smetteremo mai di ringraziare chi l'ha inventata. Però ci sono alcune categorie di persone, come gli studenti fuori sede, i single o i mariti abbandonati dalle mogli, che temono questo...
Economia Domestica

Come togliere le pieghe ad un vestito senza stirarlo

Se non avete tempo per stirare o proprio non vi piace, è possibile utilizzare metodi alternativi per togliere le pieghe ad un vestito senza stirarlo. Per farlo, il segreto è di sfruttare umidità e calore per rilassare le fibre del tessuto. Così facendo,...
Economia Domestica

5 ricette per ammorbidenti fai da te

È risaputo. Avere una dispensa stracolma di detersivi è uno spreco inutile di soldi e di prodotti che molto spesso lasciamo nel dimenticatoio, presi come siamo dalla vita frenetica. Inoltre c'è chi mette al bando i detersivi perché inquinanti e realizzati...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.