Come fare da soli un isolamento a cappotto

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Nelle vecchie case, edificate con le tecniche tradizionali, i notevoli spessori dei muri, fatti con pietre e mattoni, assicuravano un'adeguata protezione sotto il profilo dell'isolamento termico e acustico; l'introduzione delle strutture a telaio ha ridotto gli spessori delle pareti che hanno solo una funzione di chiusura e separazione e quindi non sono più idonee ad assicurare il comfort ambientale. Di conseguenza, per evitare eccessive dispersioni di calore e per l'attenuazione dei livelli sonori troppo elevati, si è sviluppata una tecnologia che è l'isolamento a cappotto che prevede l'utilizzo di pannelli isolanti. In questa guida vi daremo degli utili consigli su come fare da soli questo tipo di lavoro senza così gravare sul bilancio familiare.

27

Occorrente

  • Stucco
  • Pannelli isolanti
  • Sigillante acrilico
  • Pistola a caldo
  • Pittura elastomerica acrilica
  • Antimuffa
  • Antimuschio
37

Applicare dello stucco

Chi ha un minimo di dimestichezza con i lavori manuali sa molto bene che la posa dei pannelli isolanti non è per nulla complicata. Prima di iniziare il lavoro vero e proprio è molto importante controllare le pareti: se, per esempio, queste presentano crepe oppure punti di rottura è opportuno intervenire preventivamente con dello stucco che viene applicato con l'ausilio di una spatola. Quando tutto sarà asciutto, pulire perfettamente la parete rimuovendone tutte le impurità.

47

Iniziare l'installazione dei pannelli

Una volta che la parete è integra e pulita è possibile installare i pannelli isolanti: essi vanno incollati utilizzando degli appositi adesivi, studiati per resistere al tempo, all’umidità e a sbalzi termici di oltre centro gradi. Iniziare a posare i pannelli dal basso, senza soluzione di continuità, prestando particolare attenzione a non lasciare nemmeno un piccolo spazio di intonaco a vista, per evitare il formarsi di ponti termici. Per lo stesso motivo, dopo la posa di ogni pannello, rimuovere l’adesivo eventualmente strabordato.

Continua la lettura
57

Riempire le fughe

Dopo avere effettuato la messa in opera del cappotto, riempire le fughe con un sigillante acrilico passando la punta della pistola tra un pannello e l'altro. Non siamo costretti a mantenere il colore originale del cappotto ma possiamo dipingerlo a nostro piacimento utilizzando una pittura elastomerica acrilica per esterni, antimuffa e antimuschio. Ora che il nostro cappotto isolante è finito non ci metteremo molto tempo ad accorgerci della differenza rispetto a quando le nostre pareti non erano protette. La casa rimarrà piacevolmente fresca d'estate e, durante l'inverno, non avremo zone fredde e zone calde. Inoltre, la nostra bolletta sarà molto più leggera!

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Eseguire un isolamento a cappotto con il classico metodo del fai da te, ci permetterá di risparmiare e non poco
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come ristrutturare un muro con un cappotto esterno

Se la casa ha problemi di umidità si può risolvere l'inconveniente con il sistema di isolamento termico a cappotto. È una tecnologia avanzata di protezione termica degli edifici, sia nuovi che vecchi. Per fare questa operazione ed avere la garanzia...
Ristrutturazione

Guida ai sistemi a cappotto

La dispersione termica è una delle problematiche più comuni negli edifici e nelle abitazioni più vecchie. Questa è la causa di uno spreco di energia enorme, che fa lievitare le bollette rispetto agli edifici più moderni. Uno dei sistemi di coibentazione...
Ristrutturazione

Come migliorare l'isolamento termico

Come vedremo nel corso di questa guida, esistono dei sistemi di isolamento termico appositamente creati; sistemi che consentono di migliorare l'isolamento dell'edificio e al contempo migliorare notevolmente l'efficienza del sistema di riscaldamento (le...
Ristrutturazione

Come scegliere l’isolante per coibentare termicamente un edificio

Se si isola termicamente un'abitazione si ha sicuramente un'inferiore dispersione di calore. Così facendo si riesce a ridurre notevolmente il dispendio energetico necessario per riscaldare l'appartamento durante la stagione invernale e per mantenerla...
Ristrutturazione

Come realizzare un cappotto termico in lana roccia

Il cappotto termico è un sistema d'isolamento termico che trova applicazione, all'esterno di edifici: residenziali, ospedalieri, ecc. E, ha lo scopo di isolare le pareti, anche costituite da diversi materiali. Sappiamo bene che Il freddo e l'umidità...
Ristrutturazione

Come realizzare un muro a cappotto

L'isolamento a cappotto rappresenta una modalità in grado di garantire una minore dispersione termica, consentendo agli ambienti interni dell'abitazione di godere di un maggiore comfort termico, e proteggendo, contemporaneamente, i muri stessi, dai danni...
Ristrutturazione

Come isolare i muri esterni

Per isolare i muri esterni di una casa sia dal punto di vista termico che acustico, ci sono a disposizione diverse tecniche e la scelta dipende dai tipi di materiali utilizzati per la costruzione dell'abitazione e dal genere di immobile. In riferimento...
Ristrutturazione

Come installare un cappotto termico

Grazie al cappotto termico diverse abitazione hanno modo di risparmiare sui costi ed essere allo stesso modo efficienti dando così alla casa il fresco d'estate ed il caldo d'inverno. Installare questo cappotto termico comporta anche la detrazione fiscale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.