Come evitare la formazione di muffe nella lavatrice

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La lavatrice è senza dubbio uno degli elettrodomestici più adoperati e amati dalle casalinghe. Esso è entrato a far parte della nostra vita, divenendo in pochissimo tempo un elemento essenziale per il lavaggio dei tessuti. L’obiettivo però non è cambiato e le necessità dei consumatori sono rimaste uguali: comprendere come fare un buon lavaggio e cercare di tenere la lavatrice sempre pulita e funzionale, così da ottenere dei capi profumati e freschi. Quest’ultima è una fase di fondamentale importanza. Vediamo insieme quindi come evitare la formazione di muffe nella lavatrice.

26

Occorrente

  • Aceto bianco distillato e bicarbonato di sodio
  • Detersivi migliori
  • Candeggina profumata
36

Come prima cosa eliminate l’umidità in eccesso. Una volta terminato il normale ciclo di lavaggio è buona abitudine lasciare l’oblò della lavatrice aperto per qualche ora; in questo modo ci sarà un buon ricambio d’aria e l’umidità presente verrà completamente rimossa. Il passaggio dell’aria contribuirà ad asciugare i ristagni d’acqua presenti nelle guarnizioni della gomma. Essi rappresentano infatti una delle prime cause della formazione di muffe e cattivi odori talvolta presenti nel bucato appena lavato. Se avete ripetuti problemi di umidità nella stanza in cui è posizionato l’elettrodomestico, potete collocare un ventilatore così da accelerare il processo di asciugatura.

46

Un altro fattore da tenere in considerazione è l’uso di detergenti. Un utilizzo sbagliato di detersivi può sortire l’effetto contrario, creando degli accumuli che, a lungo andare, possono dar vita a funghi. Per evitare tale inconveniente scegliete detergenti migliori, se possibile in capsule poiché prevedono già il corretto dosaggio. Evitate ammorbidenti e detersivi in polvere, che sono difficili da sciogliere. Altro fattore da tenere in considerazione è l’uso continuo dell’acqua fredda. Alternate i lavaggi con acqua fredda a quelli con acqua calda per eliminare i batteri e disinfettare il cestello.

Continua la lettura
56

Un altro metodo per evitare la formazione e proliferazione di muffe è la manutenzione mensile della lavabiancheria. Occorrerà semplicemente avviare un lavaggio a vuoto senza l’uso di detersivi, ma dovrete adoperare un prodotto efficace e naturale: l’aceto. A lavabiancheria completamente vuota, aggiungete nel cestello un litro di aceto bianco distillato e un bicchiere circa nella vaschetta, quindi avviate il ciclo di lavaggio a una temperatura di novanta gradi. Rimuovete prontamente i vestiti bagnati dal cestello poiché possono causare la comparsa della muffa. Se avete dimenticato di toglierli, lavate di nuovo i vestiti e aggiungete aceto bianco per i capi colorati, candeggina o aceto per quelli bianchi.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se avete ripetuti problemi di umidità nella stanza in cui è posizionato l’elettrodomestico, potete collocare un ventilatore così da accelerare il processo di asciugatura.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come prevenire muffe e funghi nell'armadio

Muffe e funghi sono degli organismi che proliferano negli ambienti caldi e umidi. Qualche volta gli armadi possono rappresentare un ambiente ideale, specialmente se si conservano indumenti bagnati oppure umidi. Questo problema si può evitare facilmente...
Pulizia della Casa

Come proteggere la biancheria da luce, polvere e muffe

Molto spesso la biancheria lasciata negli armadi assume un fastidioso cattivo odore, poiché gli indumenti non riescono a respirare adeguatamente. Un consiglio importante risulta essere esattamente quello di lasciare i capi un po' di tempo all'aperto...
Economia Domestica

10 regole per utilizzare al meglio la lavastoviglie

Gli impegni lavorativi sottraggono tempo al lavoro a casa e pertanto sono necessari strumenti o elettrodomestici che permettano di accelerare alcune operazioni o eseguendole, in alcuni casi, per conto nostro. Ecco perché anche la lavastoviglie in passato...
Pulizia della Casa

Come pulire il vetro del box doccia

Il metodo più semplice per pulire il vetro del box doccia consiste nell'utilizzare una spatola, ma spesso questa tecnica non è sufficiente per rimuovere i depositi minerali e la schiuma del sapone, che possono danneggiare in modo permanente il vetro....
Pulizia della Casa

Come lavare le tende di plastica

Le tende sono uno dei complementi d'arredo più diffusi al mondo. Ne esistono di diversi modelli adatti ad ogni tipo di utilizzo, per oscurare le finestre, come decorazione o per usi più utili, e sono realizzate con molteplici tipi di materiali adatti...
Pulizia della Casa

Come lavare e manutenere la lavatrice

Tutti quanti chi più chi meno siamo soliti utilizzare la lavatrice per pulire i nostri panni. La lavatrice è forse l'elettrodomestico più usato in casa, e il continuo utilizzo ne comporta un certo deterioramento nel tempo. Con il passare del tempo...
Economia Domestica

Come sanificare la lavatrice

Come tutti sappiamo, la lavatrice è un elettrodomestico adatto alla pulizia automatica della biancheria e per questo motivo deve essere sempre igienizzata in modo che renda al massimo e duri nel tempo. Mantenere la lavatrice pulita, è un modo sicuro...
Pulizia della Casa

Come rimuovere la muffa dal box doccia con aceto e bicarbonato

Le muffe sono microorganismi pluricellulari molto evoluti, che spesso si presentano in forma di colonia di colore bruno o scuro e che crescono in ambienti caldi, umidi e con disponibilità di materiale organico (fughe delle piastrelle, carta da parati,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.