Come eliminare le macchie di umidità dal legno

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il legno è un materiale bello, ma abbastanza delicato. Con esso vengono realizzati i mobili, i tavoli e gli infissi di diverso genere. Il grande nemico del legno è l'acqua; infatti, se in un ambiente è presente un alto tasso di umidità, il legno sicuramente comincia a presentare della macchie. In questo tutorial viene spiegato, in modo semplice, come si possono eliminare le macchie di umidità dal legno.

26

Occorrente

  • Bicarbonato di sodio.
  • Dentifricio.
  • Panno morbido.
  • Aceto.
  • Candeggina.
  • Vernice per legno.
  • Carta vetrata.
  • Lana di roccia.
36

Abbiamo vari modi per eliminare questo tipo di macchie. Uno di essi consiste nello strofinare la zona danneggiata utilizzando la cera per mobili oppure con della paraffina. Per fare questa operazione occorre usare un panno pulito e morbido; in questo modo si evita di creare altri danni alla superficie. Se non riusciamo ad eliminare le macchie con questo metodo si può scegliere l'ausilio del bicarbonato di sodio. Se quest'ultimo viene mescolato con il dentifricio si crea un'azione abrasiva sulla zona da trattare. Il tutto, però, va eseguito con delicatezza; questo è un metodo idoneo per le macchie di umidità che sono bianche.

46

Mentre se le macchie di umidità sono scure bisogna adottare altre soluzioni. All'inizio occorre togliere la parte superficiale del legno utilizzando dell'apposita carta vetrata. Dopo questa operazione, con un panno asciutto bisogna eliminare la polvere che è presente sulla zona. Poi, occorre prendere la vernice dello stesso colore del legno e si deve passare sull'intera parte interessata. In seguito con la lana di vetro si devono sfumare attentamente i bordi. Questa operazione permette di amalgamare il legno.

Continua la lettura
56

Sempre per questa tipologia di problema si può scegliere di utilizzare qualcosa di più pratico ed economico: la candeggina. Bisogna tamponare la macchia con un panno imbevuto; è fondamentale fare attenzione al tempo che si impiega per questa operazione. Infatti, se la candeggina resta sul legno per troppo tempo può schiarire il colore del legno e rovinarlo. In seguito dopo aver rimosso la candeggina bisogna passare dell'aceto. Infine, si deve passare una mano di vernice del colore del legno per poter terminare al meglio il lavoro.

66

Questi sono dei metodi cosiddetti "casalinghi" che si possono mettere in pratica per eliminare le fastidiose macchie di umidità che si presentano sul legno. Ovviamente dopo aver risolto il problema è indispensabile trovare una soluzione definitiva per evitare che l'inconveniente si ripresenta. L'ideale è mettere l'oggetto di legno in un posto asciutto ed arieggiato.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come rimuovere le macchie di candeggina dai tessuti

Durante le pulizie e le faccende domestiche capita spesso di utilizzare una moltitudine di prodotti. Ognuno di essi svolge una funzione diversa ed è utile ad uno o più scopi. Nel trattamento di capi e indumenti possiamo fare affidamento su diversi agenti...
Pulizia della Casa

Errori da evitare nel candeggio del bucato

La candeggina, è un prodotto chimico utilizzato spesso per il bucato ma non solo. La candeggina, oltre a disinfettare i capi e qualsiasi altra superficie, è in grado di sbiancare determinati indumenti ingialliti o non più molto bianchi ma ormai macchiati...
Pulizia della Casa

5 alternative efficaci alla candeggina

La candeggina, scientificamente definita ipoclorito di sodio, viene largamente utilizzata per usi domestici, in particolare nella pulizia, grazie alle sue proprietà sbiancanti e disinfettanti.Tuttavia la sua composizione chimica possiede caratteristiche...
Pulizia della Casa

Come sbiancare un mobile con candeggina

Il passare del tempo e l'uso possono rovinare gli strati di pittura o macchiare la superficie naturale del legno. Nel primo caso il lavoro da svolgere è duplice: innanzitutto si deve eliminare lo/gli strati di vernice che coprono il legno, detta sverniciatura,...
Pulizia della Casa

Come eliminare l'odore della candeggina dalle mani

C'era urgenza di fare alcune pulizie in casa, usando la candeggina, e ti sei accorta all'ultimo momento di aver finito il pacco dei guanti in lattice? A fine lavoro, purtroppo, su esse ti sarà rimasto sicuramente un odore di molto intenso e pungente....
Pulizia della Casa

Come candeggiare i bianchi in lavatrice

I tessuti bianchi sono quelli più difficile da lavare e smacchiare, in quanto il sudore e altri oli prodotti dalla pelle diventano rapidamente macchie. Inoltre, se vengono lavati insieme ad altri capi colorati, i colori provenienti da altri vestiti possono...
Pulizia della Casa

Come mantenere pulite le porcellane antiche

La porcellana è un materiale che giunge fino a noi dalla lontana Cina. Conosciuto in Italia sin dal XV° secolo grazie ad alcuni gesuiti che la importarono nel nostro Paese. Per anni venne studiata la sua composizione allora segreta, che la rendeva bianchissima,...
Pulizia della Casa

Come sbiancare il nylon

Il nylon è un tessuto che tende a diventare giallo nel tempo, anche quando viene trattato con cura. Questo tessuto, soprattutto quando è bianco è un vero e proprio magnete in grado di attirare salsa, caffè e qualsiasi altro materiale liquido. Se si...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.