Come eliminare le macchie di liquore

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Capita spesso di macchiare i vestiti ed altri oggetti con sostanze diverse, difficili da poter rimuovere con il semplice lavaggio. Tuttavia, ogni tipologia di macchia richiede un diverso trattamento affinché possa essere eliminata efficacemente, e sono tanti i modi in cui è possibile farlo. In questa guida troverete alcune dritte su come eliminare delle macchie, in particolare, quelle di liquore, da abiti, stoffe e mobili, non vi rimane che seguire attentamente i passi di questa guida.

27

Occorrente

  • segatura umida
  • ammoniaca
  • acqua di seltz
  • trementina
  • olio di lino
  • fondi di caffè
  • alcool
  • panno morbido
37

Se la macchia di liquore interessa tessuti come il cotone, la lana e la seta, sarà sufficiente trattarla con acqua tiepida e ammoniaca. Se invece avete sporcato vestiti o oggetti in pelle: come cinture, borse o scarpe, ma anche rivestimenti di divani, il capo andrà interamente inumidito e poi asciugato delicatamente con un panno di lino pulito e asciutto. Lo stesso procedimento può essere utilizzato anche per le pellicce, con la sola differenza che dovrete inumidire - non bagnare del tutto - il panno stesso.

47

Qualora ad essere stata macchiata fosse una tenda, è necessario agire tempestivamente, con dell'acqua minerale. Se la macchia dovesse persistere, si può utilizzare una spazzola bagnata in acqua tiepida, da strofinare gentilmente. Invece, per quanto riguarda i tessuti d'arredamento come: il cuoio, invece, si devono adoperare acqua e detersivi. C'è da dire che, questo tipo di problema non riguarda solamente i tessuti ma, anche i mobili in legno possono presentare degli aloni, quando ad esempio vi viene posato sopra un bicchiere. In queste situazioni bisogna immediatamente lavare la parte con acqua calda e poi strofinare una miscela di alcool e olio di lino. Una volta fatto questo, sarà sufficiente passare un panno di flanella sulla superficie interessata.

Continua la lettura
57

Se si tratta di mobili in legno lucidato, l'ideale è sfruttare fondi di caffè tiepidi per un primo trattamento, poi un panno di lana imbevuto di trementina e olio di lino. Solitamente, in seguito, è necessario procedere con la lucidatura, da fare con un altro panno di lana, questa volta asciutto e pulito.

67

Infine, veniamo ai tappeti: se essi sono di lana, è bene adoperare acqua di seltz unita ad alcune gocce di ammoniaca; su linoleum, invece, serve della segatura umida a cui far seguire l'applicazione di cera per lucidare. Naturalmente questi sono solo alcuni consigli su come trattare le macchie di liquore che colpiscono i tessuti più presenti nelle nostre case, tuttavia, se non avete risolto il problema o se semplicemente non volete rischiare di rovinare le vostre stoffe, potete rivolgervi alle lavanderie più specializzate.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come utilizzare l'arancia

L'arancia è il frutto tipico della stagione invernale, ricchissimo di vitamina c, fibre e sali minerali. Grazie all'elevato contenuto d'acqua, circa l'80-90%, le arance sono inoltre delle ottime alleate del nostro peso forma. Oltre al loro utilizzo come...
Economia Domestica

Come conservare la crema di limoncello

Se abbiamo intenzione di preparare il limoncello e precisamente quello in crema, è importante sapere che per conservare a lungo il prodotto finito bisogna aver alcune accortezze. Fondamentale è in questo caso usare degli ingredienti particolari come...
Arredamento

7 idee facili per la casa in autunno

Ormai non ci sono più le mezze stagioni, Infatti siamo già a novembre ma spesso non ci accorgiamo di essere già in pieno autunno. Eppure l'aria che si respira in questo periodo Rende queste giornate molto particolari ed uniche nel loro genere. Per...
Economia Domestica

Come conservare le foglie di rabarbaro

Il rabarbaro è una pianta di tipo perenne che cresce in molti giardini e cortili; infatti, oltre ad utilizzarlo per preparare dei liquori, si può aggiungere a marmellate, gelatine, salse e crostate per dargli un certo sapore. Le foglie della pianta...
Pulizia della Casa

Come rimuovere la colla dal vetro

Molte volte ci capita di imbatterci in alcuni collanti che sono veramente difficili da rimuovere, soprattutto se sono stati applicati sul vetro. Infatti, se ad esempio abbiamo qualche bottiglia che ci piace per la sua forma e che intendiamo conservare...
Economia Domestica

Come conservare i mandarini cinesi

Gli agrumi sono i frutti più nutrienti e la loro grande quantità di vitamina C preserva il nostro organismo dall'attacco di infezioni o batteri. Le arance, i limoni e i mandarini rappresentano oramai un must delle nostre tavole, soprattutto durante...
Arredamento

5 idee per ottimizzare lo spazio in cucina

La cucina è la stanza più versatile di tutta la casa e, specie se questa è piccola, può essere davvero scomoda dato che non c'è abbastanza spazio per riunirsi, per cucinare e per muoversi adagio. La cucina è la stanza più usata per tutta la casa,...
Arredamento

Come arredare il soggiorno con un mobile bar

Se nel soggiorno di casa intendiamo completare l'arredamento con qualche oggetto utile, non c'è niente di meglio che inserire un mobile bar. In commercio, si possono trovare delle strutture complete di banco e credenza per la conservazione di bottiglie...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.