Come eliminare le macchie di erba dai tessuti

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Una delle sfide più difficili per una mamma, è quella della pulizia degli indumenti del proprio bambino. Per poter togliere queste macchie, non bastano i normali lavaggi con la lavatrice. Poiché, purtroppo l'erba, va ad occupare, tutti quei microspazi, che ci sono tra le fibre dei tessuti stessi. Ovviamente, anche con il lavaggio a mano, risulterà una dura sfida eliminarli, a meno che, non si utilizzino dei metodi particolari. Ecco perché in questa guida, ci impegneremo, nell'illustrarvi passaggio dopo passaggio quali sono, i metodi migliori, su come eliminare le macchie di erba dai tessuti.

25

Una delle regole fondamentali, quando ci si macchia un indumento di erba, è quella di intervenire il prima possibile. Difatti, è veramente molto consigliato, immergere totalmente l'indumento, in acqua calda. In questo modo faremo dilatare le fibre, e facilitare l'eliminazione della macchia. Un altro metodo alternativo invece, all'acqua calda, è il latte. A differenza dell'acqua però, il latte deve essere molto freddo, e quindi successivamente, immergere totalmente il nostro indumento macchiato.

35

Questi due metodi spiegati in precedenza, sono universali per tutte le tipologie di tessuto. Difatti, possiamo utilizzare il seguente metodo, anche sui jeans che possiedono delle fibre molto strette, ma anche sul lino o sul cotone. A volte però, può capitare, che non basti, né l'acqua calda, né il latte freddo, e quindi ecco che verremo in vostro soccorso, con un'altra soluzione al vostro problema.
Il succo di limone e l'acqua tiepida. Difatti, se la macchia è ostinata e non vuole proprio andare via, vi consigliamo vivamente, di utilizzare acqua tiepida e succo di limone. Una volta che avrete creato il composto, immergete un panno e umidificatelo. A questo punto, passiamo in maniera molto delicata, sopra la macchia, fino a quando non verrà eliminata del tutto. Una volta completato questo passaggio, risciacquiamo abbondantemente.

Continua la lettura
45

Tutti i metodi che vi abbiamo spiegato nei passaggi precedenti, sono chiaramente, indirizzati per quasi tutte le tipologie di indumenti, quindi, cotone, jeans, lino e così via. Chiaramente, però quando si tratta di indumenti, molto delicati, quali possono essere la lana e la seta, non consigliamo affatto di utilizzare i precedenti metodi. Difatti, essendo molto delicati, potreste incorrere in maggiori danni, e quindi rovinare del tutto il vostro indumento. A quel punto, sarebbe meglio affidarsi ad un esperto del settore.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come eliminare le macchie dalle posate d’acciaio con i rimedi naturali

Nelle cucine italiane l'acciaio, come ben sappiamo, è il materiale maggiormente impiegato per quanto riguarda stoviglie e utensili per cucina; perciò è nel nostro interesse cercare di mantenerli al meglio, per poterli usare nel migliore dei modi. Quante...
Economia Domestica

Come smacchiare i tessuti delicati

Le macchie sono una minaccia terribile per i nostri capi, specialmente se nuovi di zecca oppure appena indossati per un'occasione importante. Quelli più a rischio sono i delicati: seta, pizzo, organza, chiffon, bisso e batista di lino. Questi ultimi...
Economia Domestica

Come conservare l'erba cipollina fresca

L'erba cipollina è una spezia gustosa e facile da abbinare. Si coltiva con grande semplicità in vasetti o nell'orto. Cresce senza grandi problemi e senza bisogno di particolari cure. L'erba cipollina inoltre si abbina facilmente a molte pietanze. Il...
Economia Domestica

Come lavare i tessuti di ciniglia

I tessuti in ciniglia sono delicati e tendono facilmente all'infeltrimento. Un lavaggio scorretto potrebbe anche scolorire il capo. Qualche tempo fa la ciniglia veniva realizzata a mano con il cotone filato. Oggi invece maglioni, plaid, cappelli e guanti...
Economia Domestica

Come togliere le macchie di muffa da un piumone

La muffa è un elemento che cresce in natura, ma non per questo è destinata a permanere nelle nostre case. La muffa può essere causa di cattivi odori, può attirare ospiti indesiderati (scarafaggi) e può compromettere il corretto funzionamento di alcuni...
Economia Domestica

Come rimuovere la macchie di calcare dai bicchieri

L'acqua è un composto contenente sostanze alcaline ed altri minerali che, con il passare del tempo, causano la formazione sulla superficie dei bicchieri di macchie bianche ed opache di calcare. Non sempre è facile rimuoverle, tuttavia esistono diversi...
Economia Domestica

5 passi per tingere i tessuti in casa

Che abbiate l'hobby del bricolage o vogliate rinnovare il vostro guardaroba, questa guida vi fornirà le indicazioni necessarie per poter tingere i tessuti in casa. Attraverso 5 facili passi potrete cambiare colore a stoffe e tessuti semplicemente con...
Economia Domestica

Primavera: come scegliere i tessuti per la casa

La canzone di Venditti suonava: "Sara, svegliati è primavera"! E qual è il miglior modo di iniziare a sentire il sole primaverile sulla pelle ripartendo dalla nostra casa?Ebbene sì, anche gli interni, come ci insegna la psicologia dei colori, possono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.