Come Eliminare La Vernice Da Un Vecchio Mobile Smaltato

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Col passare del tempo la nostra abitazione può sentire la necessità di subire qualche ritocco per mantenere da un punto di vista estetico una certa freschezza. Elementi della nostra casa che subiscono maggiormente il passare del tempo sono i mobili che arredano gli spazi delle nostre stanze. In questa guida avremo modo di vedere come trattare dei mobili particolare per poterne dare nuova vita. Vedremo, infatti, attraverso semplicissimi e chiarissimi passaggi, come eliminare la vernice da un vecchio mobile smaltato in maniera molto semplice. Ovviamente sarebbe utile chiedere ulteriori consigli ed eventuali chiarimenti ad un professionista del settore.

24

Innanzitutto, è fondamentale indossare un paio di guanti di gomma per proteggere le proprie mani dalle sostanze necessarie per l'attività che si andrà a svolgere. A propria discrezione, si può indossare anche un grembiule di protezione per non sporcare il proprio abbigliamento. Dopo averlo fatto, si deve prendere il pennello e intingerlo nello sverniciatore. Esso deve essere passato su tutta la superficie. È bene procedere su un lato per volta del mobile. Si deve attendere del tempo per lasciarlo agire e solitamente, quando la vernice comincia a formare delle pieghe, si può procedere con l'azione successiva. .

34

A questo punto, si deve togliere la vernice utilizzando dei batuffoli di cotone imbevuti d'alcol. I batuffoli devono essere cambiati spesso per avere il cotone sempre ben pulito e non limitarsi semplicemente a spostare lo strato di sporco. Nel caso in cui siano rimaste delle macchie oppure delle tracce di vernice, si può utilizzare di nuovo lo sverniciatore. Anche in questo frangente, si deve stendere con il pennello, lo si deve lasciare agire fin quando la vernice non fa delle grinze e poi si deve procedere di nuovo alla pulizia della superficie con l'utilizzo dei batuffoli in cotone.

Continua la lettura
44

Dopo aver eseguito le operazioni su tutto il mobile, il tutto si deve lasciare asciugare per almeno due o tre ore. Una volta asciutto, infine, il legno si pulisce più a fondo con della lanetta d'acciaio, del tipo extra fine, imbevuta nell'alcol. Si dovrà aver cura di imprimere alla mano un movimento circolare per evitare di insistere sempre nello stesso punto, con il rischio di segnare il legno. Occorre attendere almeno mezz'ora perché il legno si asciughi. Quindi, successivamente, si può lucidare il mobile con gommalacca stesa con pennello. A questo punto vi auguro buon lavoro. Ovviamente eseguite tale procedure solo e soltanto se siete sicuri di quello che fate. Onde evitare di danneggiare in maniera permanente il vostro mobile.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come Trasformare Un Vecchio Mobile In Un Buffet Quattro Ruote

Quello di arredare una casa, è un processo che può in sé presentare una serie di problematiche. Ad ogni basta veramente pochi accorgimenti per rinnovare un po' l'arredamento del proprio appartamento. A tal proposito si potrebbe prendere in considerazione...
Ristrutturazione

Come eliminare la vernice con lo sverniciatore

L'estate è il momento più favorevole per procedere con piccoli interventi di ristrutturazione in casa, come riverniciare porte e finestre, o metter mani su un vecchio mobile per ricondurlo ai suoi antichi splendori. La possibilità di aprire le finestre...
Ristrutturazione

Come ricavare un mobile per il bagno da un vecchio tavolino

Se sei un appassionato del fai da te e desideri scoprire come sia possibile realizzare lavori di ristrutturazione usando vecchi oggetti apparentemente banali, ti consiglio di leggere con attenzione questo tutorial, in quanto ti fornirò una serie di suggerimenti...
Ristrutturazione

Consigli per eliminare completamente l'intonaco vecchio

Nei palazzi molto antichi e nelle ville molto vecchie, molto spesso e presente uno strato di intonaco incrostato e vecchio, abbastanza difficoltoso da rimuovere. I vecchi tipi di intonaco sono solitamente attaccati attraverso uno strato di malta, ed è...
Ristrutturazione

Come decapare un mobile scuro

Decapare un mobile significa intervenire per rimuovere la parte superficiale di vernice della quale il mobile è colorato. Esiste una vera e propria tecnica decorativa (detta, appunto, di decapaggio) che consente di effettuare questo intervento nel miglior...
Ristrutturazione

Come rimuovere la vernice idrorepellente

La vernice idrorepellente può essere utilizzata in una grande varietà di ambienti, sia esterni che interni, principalmente per fungere da strato di protezione tra lo spazio delle facciate e gli agenti atmosferici (pioggia, grandine…), ma anche tra...
Ristrutturazione

Come Sbiancare un mobile prima del restauro

Un mobile è un oggetto che ha bisogno di molte più cure di quanto si possa pensare: dopo anni passati rinchiuso in quattro mura, ad assorbire polvere, fumo e odori vari, spesso perde il suo colore originale e la sua lucentezza, arrivando a sbiadirsi....
Ristrutturazione

Come creare l'effetto marmorizzato con la vernice acrilica

Se nella vostra casa volete creare delle decorazioni con l'effetto marmorizzato utilizzando la vernice acrilica, potete adottare almeno due metodi molto semplici ed efficaci. Si tratta infatti, di usare delle cellophane per il primo e dell'aceto per...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.