Come eliminare l'odore di muffa dal bucato

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

A volte capita che i panni, pur essendo appena lavati, presentino uno strano odore di muffa. Questo succede perché rimanendo umidi per molto tempo la muffa si infila tra le fibre e un semplice lavaggio, anche ad alte temperature, può non bastare per eliminare questi fastidiosi residui. Se poi laviamo i panni con altri capi, allora tutto il bucato può prendere questo fastidioso odore di muffa, costringendoci a ripetere il lavaggio senza che, per altro, sia assicurato un buon risultato. Esistono dei prodotti appositi, detersivi antimuffa, che però hanno dei prezzi importanti, ma ci sono anche metodi casalinghi altrettanto efficaci. Vediamo quindi come fare per eliminare l'odore di muffa dal bucato.

25

Pulire la lavatrice

Prima di tutto verificare che non sia la lavatrice ad avere l'odore di muffa e, nel caso, pulirla in più approfonditamente possibile. Tra le zone più problematiche c'è sicuramente la guarnizione, che può essere pulita con un panno inumidito in acqua e candeggina, magari aiutandosi con uno spazzolino da denti per le zone più difficili da raggiungere.
Un altro punto critico è la vaschetta per i detersivi: estraetela e pulitela con cura sempre con acqua e candeggina; se non è estraibile cercate di raggiungere tutti i punti possibili, aiutandovi anche in questo caso con uno spazzolino.
Infine, avviate il ciclo di lavaggio più lungo e alla più alta temperatura senza biancheria e mettendo al posto del detersivo aceto e bicarbonato, in modo da pulire anche i punti di passaggio dell'acqua.

35

Lavare ad alte temperatura

Una volta assicurati che la lavatrice sia pulita, la cosa più efficace da fare è un lavaggio ad alte temperature (almeno a 60 gradi). Generalmente sono gli asciugamani e altri capi che rimangono per bagnati per molto tempo a prendere l'odore di muffa, ma se avete altri capi di cotone che hanno lo stesso problema controllate l'etichetta e guardate se possono essere lavati ad alte temperature.
Per questo primo lavaggio non dovete utilizzare detersivo e ammorbidente, ma aceto bianco e bicarbonato.

Continua la lettura
45

Lavare con bicarbonato e aceto

Qualora l'odore di muffa fosse così persistente da resistere anche a questo doppio lavaggio, allora occorrerà lasciare la biancheria ammollo per almeno una notte, sempre con il bicarbonato e l'aceto. Potete quindi lasciarla dentro la lavatrice, a metà del lavaggio, facendo attenzione che non sia già arrivata al risciacquo, ma che sia ancora nella fase di lavaggio.

55

Stendere il bucato

Ricorda infine di togliere il bucato dalla lavatrice appena il ciclo è terminato. In questo modo eviterete che rimanga bagnato in un ambiente chiuso e buio, favorendo il formarsi di nuova muffa.
Stendete quindi il bucato in un ambiente il più possibile ventilato e soleggiato, in modo che impieghi poco tempo ad asciugare, e ritiratelo appena asciutto evitando soprattutto di lasciarlo all'aperto durante la notte.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come eliminare l'odore di muffa dai cassetti

La muffa è la nemica più comune quando si parla di igiene della casa; si presenta spesso sulle pareti, vicino alle soffitte, oppure negli armadi e nei cassetti. Questo questo parassita dell'igiene si forma nelle nostre case porta spesso un cattivo odore...
Pulizia della Casa

Come eliminare l'odore di muffa da una giacca di pelle

Le giacche di vera pelle sono capi confortevoli, ma particolarmente delicati. La pelle, che proviene direttamente dalla concia di alcuni animali, proprio come la nostra pelle, ha bisogno di mantenersi sempre pulita, di far respirare i pori e di essere...
Pulizia della Casa

Come eliminare l'odore di muffa dalla lavatrice

La maggior parte degli elettrodomestici ha una durata media e spesso non necessitano di una manutenzione accurata come succede invece per il frigorifero, il condizionatore, il congelatore o la lavatrice. Per questi ultimi, per via del loro costo oltre...
Pulizia della Casa

Come eliminare l'odore di muffa dal materasso

Per la nostra salute e per quella di chi vive con noi, è importante pulire ed igienizzare il materasso frequentemente. Durante la notte, infatti, non siamo proprio soli mentre dormiamo: acari, polvere e batteri sono solo alcuni dei nomi che possiamo...
Pulizia della Casa

Come togliere l'odore di muffa dai vestiti

L'odore di muffa sui vestiti. Una delle cose più fastidiose che possano accadere aprendo l'armadio. Oppure, ancora peggio, sentirlo sui capi appena tirati fuori dalla lavatrice, che invece dovrebbero avere un delicato odore di bucato! E cosa fare se...
Pulizia della Casa

Come rimuovere l'odore di muffa dalla lana

La muffa è una spora, una sorta di fungo che si forma in casa quando vi è una forte presenza di condensa. Molto spesso, agevolata anche dall'umidità, riesce ad infiltrarsi anche negli armadi, causando quel cattivo odore che si sente quando si tenta...
Pulizia della Casa

5 consigli per togliere l'odore di muffa dai vestiti

In questa guida, che ci accingiamo a proporvi, vogliamo parlarvi di un argomento alquanto diffuso e comune e cioè quello dell’ odore di muffa. Può infatti accadere, che spesso, in particolare negli armadi, si possa diffondere uno sgradevole odore...
Pulizia della Casa

Come eliminare l'odore di umido dalla biancheria

Durante le stagioni più umide, facilmente la biancheria si impregna di quell'odore tipico di muffa, molto fastidioso e pungente. In genere, capita a seguito di una cattiva asciugatura. Altre volte, invece, quando i panni vengono lasciati in lavatrice...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.