Come eliminare l'odore di muffa dai mobili

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Eliminare l'odore di muffa dai mobili, è un lavoro che richiede tempo e pazienza. Il legno è un materiale poroso e quindi assorbe molto facilmente l'umidità e gli odori, presenti nelle vicinanze. Nel caso in cui i vostri mobili siano stati depositati in una vecchia casa, in una soffitta, in una cantina, o in un garage, molto probabilmente avranno assorbito l'odore della muffa. Provate a spostare i mobili in un luogo in cui ci sia bassa umidità; utilizzate un deumidificatore, chiudete la porta e lasciate agire per un paio di giorni. Nella guida a seguire saranno elencati alcuni consigli su come rimuovere l'odore di muffa dai mobili.

24

Un modo molto efficace per rimuovere l'odore di muffa dai mobili, consiste nel carteggiare la finitura originale, permettendo al legno di respirare; disponete i mobili in uno spazio condizionato e applicate un rivestimento trasparente sulla superficie, in modo tale da lasciare fuori l'umidità. Molto spesso l'odore di muffa, è causato dai germi e dai batteri presenti all'interno del legno; questo il più delle volte, capita quando il legno è stato lasciato in un ambiente ricco di umidità per un lungo periodo di tempo. Applicate sui mobili un sapone specifico per la pulizia del legno, in quanto consentirà l'eliminazione dei germi e dei batteri (attenzione, prima dell'applicazione, leggete attentamente le istruzioni del produttore, riguardanti la cura del legno); è necessario applicare il sapore su i bordi, sugli angoli, al di sotto dei manici e nella parte inferiore dei mobili, per garantire una pulizia completa.

34

I raggi del sole aiutano ad asciugare il legno e a rimuovere gli odori di muffa; se vivete in ambiente con un clima secco e con pochissima umidità, potete disporre i mobili all'esterno (magari sotto un portico coperto). Nel caso in cui possediate un grande armadio, o una credenza con cassetti, mettete dei fondi di caffè (oppure del carbone), all'interno e lasciateli agire; controllate dopo pochi giorni e sostituite il vecchio caffè con il nuovo, qualora ci siano ancora tracce di muffa.

Continua la lettura
44

Se volete provare qualcosa di poco costoso e che funzioni bene per eliminare il cattivo odore di muffa, utilizzate il bicarbonato di sodio; mettetelo negli armadi o nei cassetti (il bicarbonato di sodio infatti, rimuove efficacemente gli odori di muffa da tutti i tipi di mobili in legno). L'argilla naturale è un altro ottimo prodotto, che riesce ad assorbire gli odori cattivi; basterà disporre nei mobili dei contenitori contenenti argilla e lasciarli riposare, per circa 24 ore.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come eliminare l'odore di muffa dai cassetti

La muffa è la nemica più comune quando si parla di igiene della casa; si presenta spesso sulle pareti, vicino alle soffitte, oppure negli armadi e nei cassetti. Questo questo parassita dell'igiene si forma nelle nostre case porta spesso un cattivo odore...
Economia Domestica

Come pulire la muffa in un frigorifero

Cibi e bevande lasciati troppo tempo in un frigorifero, possono provocare cattivi odori e fastidiose muffe, soprattutto all'interno dei cassetti o sugli scaffali. Quando la muffa comincerà a diffondersi all'interno del frigorifero, non potrete far altro...
Pulizia della Casa

Come togliere l'odore di muffa dai vestiti

L'odore di muffa sui vestiti. Una delle cose più fastidiose che possano accadere aprendo l'armadio. Oppure, ancora peggio, sentirlo sui capi appena tirati fuori dalla lavatrice, che invece dovrebbero avere un delicato odore di bucato! E cosa fare se...
Pulizia della Casa

Come prevenire la comparsa della muffa in casa

La muffa è un fungo comune e diffuso nelle abitazioni. Nell'ecosistema decompone e ricicla le materie organiche. Nelle mura domestiche, invece, rappresenta un vero problema, potenzialmente pericoloso. La muffa regna in ambienti umidi, come pareti o mobili,...
Pulizia della Casa

Come prevenire la muffa nell'armadio

La muffa nell'armadio è uno spiacevole inconveniente che purtroppo accade sovente, soprattutto negli appartamenti particolarmente soggetti all'umidità. Ritrovare i propri indumenti macchiati e maleodoranti dopotutto è davvero un incubo. Prevenire queste...
Pulizia della Casa

Come evitare la muffa in frigo

La muffa è un fungo che si presenta su cibi in decomposizione (e non solo), sotto forma di uno strato verde; inoltre, costituisce un problema per gli ambienti chiusi e umidi, come appunto frigoriferi, cantine, bagni e luoghi riparati dal sole e con...
Pulizia della Casa

5 consigli per togliere l'odore di muffa dai vestiti

In questa guida, che ci accingiamo a proporvi, vogliamo parlarvi di un argomento alquanto diffuso e comune e cioè quello dell’ odore di muffa. Può infatti accadere, che spesso, in particolare negli armadi, si possa diffondere uno sgradevole odore...
Pulizia della Casa

Come eliminare la muffa che si forma sulle pareti o sul soffitto

La guida che svilupperemo nei quattro passi che comporranno il nostro ragionamento, si occuperà di muffa. Entrando più nel dettaglio di questo argomento, ora andremo a spiegarvi come riuscire a eliminare la muffa che si forma sulle pareti o sul soffitto....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.