Come eliminare l'odore di muffa dai mobili

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Eliminare l'odore di muffa dai mobili, è un lavoro che richiede tempo e pazienza. Il legno è un materiale poroso e quindi assorbe molto facilmente l'umidità e gli odori, presenti nelle vicinanze. Nel caso in cui i vostri mobili siano stati depositati in una vecchia casa, in una soffitta, in una cantina, o in un garage, molto probabilmente avranno assorbito l'odore della muffa. Provate a spostare i mobili in un luogo in cui ci sia bassa umidità; utilizzate un deumidificatore, chiudete la porta e lasciate agire per un paio di giorni. Nella guida a seguire saranno elencati alcuni consigli su come rimuovere l'odore di muffa dai mobili.

24

Un modo molto efficace per rimuovere l'odore di muffa dai mobili, consiste nel carteggiare la finitura originale, permettendo al legno di respirare; disponete i mobili in uno spazio condizionato e applicate un rivestimento trasparente sulla superficie, in modo tale da lasciare fuori l'umidità. Molto spesso l'odore di muffa, è causato dai germi e dai batteri presenti all'interno del legno; questo il più delle volte, capita quando il legno è stato lasciato in un ambiente ricco di umidità per un lungo periodo di tempo. Applicate sui mobili un sapone specifico per la pulizia del legno, in quanto consentirà l'eliminazione dei germi e dei batteri (attenzione, prima dell'applicazione, leggete attentamente le istruzioni del produttore, riguardanti la cura del legno); è necessario applicare il sapore su i bordi, sugli angoli, al di sotto dei manici e nella parte inferiore dei mobili, per garantire una pulizia completa.

34

I raggi del sole aiutano ad asciugare il legno e a rimuovere gli odori di muffa; se vivete in ambiente con un clima secco e con pochissima umidità, potete disporre i mobili all'esterno (magari sotto un portico coperto). Nel caso in cui possediate un grande armadio, o una credenza con cassetti, mettete dei fondi di caffè (oppure del carbone), all'interno e lasciateli agire; controllate dopo pochi giorni e sostituite il vecchio caffè con il nuovo, qualora ci siano ancora tracce di muffa.

Continua la lettura
44

Se volete provare qualcosa di poco costoso e che funzioni bene per eliminare il cattivo odore di muffa, utilizzate il bicarbonato di sodio; mettetelo negli armadi o nei cassetti (il bicarbonato di sodio infatti, rimuove efficacemente gli odori di muffa da tutti i tipi di mobili in legno). L'argilla naturale è un altro ottimo prodotto, che riesce ad assorbire gli odori cattivi; basterà disporre nei mobili dei contenitori contenenti argilla e lasciarli riposare, per circa 24 ore.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come eliminare l'odore di pesce in casa

Il pesce è uno degli alimenti più nutrienti per il nostro corpo. Esso, infatti, fornisce sostanze preziose quali proteine, omega tre e sali minerali. Questi elementi nutritivi possono variare in base al tipo di pesce che mangiamo. Però, talvolta, si...
Economia Domestica

Come eliminare l'odore dell'uovo dalle stoviglie

L'uovo è l'alimento dalle mille risorse, indispensabile in cucina, l'ingrediente perfetto quando non si ha troppa voglia di cucinare e vogliamo fare qualcosa di veloce come le classiche uova al tegamino. Nella maggior parte dei casi costituisce l'ingrediente...
Economia Domestica

Come eliminare l'odore di fritto

Il cibo fritto, nonostante sappiamo che non sia esattamente salutare, è uno dei nostri cibi preferiti e spesso non possiamo farne a meno. Questo è dovuto ad una questione prettamente chimica perché sono le sostanze rilasciate nel nostro cervello quando...
Economia Domestica

5 modi per eliminare l'odore di broccoli e cavoli

Alcune tra le verdure più salutari sono sicuramente i broccoli e i cavoli, che forniscono al corpo moltissime vitamine e altrettanti minerali, oltre a un effetto benefico su tutto l'apparato digerente. Un'altra qualità è la presenza di antiossidanti,...
Economia Domestica

Come pulire la muffa in un frigorifero

Cibi e bevande lasciati troppo tempo in un frigorifero, possono provocare cattivi odori e fastidiose muffe, soprattutto all'interno dei cassetti o sugli scaffali. Quando la muffa comincerà a diffondersi all'interno del frigorifero, non potrete far altro...
Economia Domestica

Come togliere le macchie di muffa da un piumone

La muffa è un elemento che cresce in natura, ma non per questo è destinata a permanere nelle nostre case. La muffa può essere causa di cattivi odori, può attirare ospiti indesiderati (scarafaggi) e può compromettere il corretto funzionamento di alcuni...
Economia Domestica

Come evitare la formazione di muffa in bagno

Se la vostra stanza da bagno presenta periodicamente antiestetiche tracce di muffa, potete intervenire con metodi adeguati per evitare che possa generarsi di nuovo. Nello specifico si tratta di piccoli ma funzionali accorgimenti, atti ad ottimizzare...
Economia Domestica

Come togliere la muffa dai capi in pelle e camoscio

Ogni cambio di stagione porta con sé la necessità di rinnovare l'abbigliamento, permettendo di togliere dall'armadio i vestiti che non verranno più messi nei mesi successivi e di riporvi quelli più adatti al clima stagionale. Quando si effettua questa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.