Come eliminare l'odore di cibo nell'aria in modo naturale

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Le faccende casalinghe sono parte integrante ed imprescindibile della premura necessaria al mantenimento del nostro focolare casalingo. Tutte queste attività ci costano tanta fatica ma anche tanto tempo e nonostante il livello di attenzione prestato, esse dovranno essere immancabilmente ripetute. Sembra proprio un lavoraccio! Ma il culmine della frustrazione si raggiunge quando, dopo aver dato fondo a tutte le nostre energie per lavare, spolverare, sistemare la biancheria nell'aria permane un odore forte e persistente: l'odore di cibo. Un rimedio è rappresentato dai deodoranti per ambienti ma si tratta sempre di sostanze chimiche che alla lunga possono nuocere alla salute, senza contare che spesso tali prodotti si limitano a coprire l'odore di cibo con il proprio profumo, nascondendo di fatto il problema. Perché non ottenere un risultato analogo ricorrendo a mezzi e metodi naturali allora? In questo articolo vi mostreremo come eliminare l'odore di cibo nell'aria in modo naturale.

25

Per prima cosa spalancate tutte le finestre che si trovano in prossimità della fonte del cattivo odore. Nel frattempo, chiudete le porte che collegano la cucina agli altri ambienti. Così facendo farete arieggiare la stanza senza che l'odore si propaghi altrove. Se avete un ventilatore accendetelo: in modo da velocizzare il ricircolo dell'aria. Create delle correnti d'aria per eliminare più velocemente l'odore.

35

La maggior parte dell'odore di cibo a questo punto dovrebbe essere scomparsa; tuttavia, se non provvedete ad eliminare la fonte di questo odore non risolverete il problema. Pertanto individuate la fonte del cattivo odore: a seconda della sua natura dovrete applicare dei metodi diversi. Ad esempio, se si tratta di odore di bruciato proveniente dal microonde, potrete utilizzare una ciotola di bicarbonato da inserire all'interno dello stesso. Lasciate agire per una notte: essa dovrebbe aver assorbito completamente l'odore di bruciato.

Continua la lettura
45

Dopo aver pulito in modo naturale la fonte del cattivo odore non vi resta che apportare alcuni accorgimenti che vi permetteranno di prevenire situazioni analoghe future. Prendiamo ancora una vola l'esempio del microonde. Dopo aver ripulito le pareti con acqua calda e bicarbonato. Inserite all'interno del forno una fetta di limone o di arancia: l'odore sprigionato dagli agrumi dovrebbe tenere a bada per un po i cattivi odori da bruciato. Lasciateli agire per un giorno al massimo. Dopo questo lasso di tempo essi perderanno la loro efficacia.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come eliminare l'odore di bruciato da casa

Quando si lavora in cucina e si è indaffarati in più preparazioni, può capitare di cuocere le pietanze eccessivamente per dimenticanza, per errore di tempi o per un sovraccarico di faccende. Ciò comporta lo sprigionarsi di un odore forte, acre e persistente...
Pulizia della Casa

5 consigli per eliminare l'odore di fumo da casa

Sempre più gente ha il vizio del fumo, nonostante i prezzi sempre in salita, il mercato delle sigarette e dei sigari non smette di esistere. Fumare nei luoghi pubblici è ormai impossibile, invece all'aria aperta ed in casa si possono consumare quante...
Pulizia della Casa

Come eliminare l'odore di fumo da una stanza

Uno degli odori più sgradevoli e fastidiosi, soprattutto quando si presenta all'interno di una casa, è sicuramente quello del fumo prodotto dalle sigarette: questo, infatti, riesce ad attaccarsi a tutte le superfici e persiste negli ambienti per moltissimo...
Pulizia della Casa

Come eliminare l'odore di vernice in casa

Uno tra i lavori casalinghi più comuni e frequenti, è senza dubbio la pittura delle pareti. Infatti, è importante ridipingere le pareti delle stanze a distanza di qualche anno per due motivi fondamentali: conferire un nuovo aspetto all'ambiente e igienizzare...
Pulizia della Casa

Come purificare l'aria in modo naturale

Purificare l'aria della nostra casa è importante per garantire la nostra salute, prevenendo l'insorgere di allergie e l'assimilazione di particelle tossiche da parte del nostro organismo. In questa breve guida illustrerò dettagliatamente come rendere...
Pulizia della Casa

Come eliminare l'odore di umido dalla biancheria

Durante le stagioni più umide, facilmente la biancheria si impregna di quell'odore tipico di muffa, molto fastidioso e pungente. In genere, capita a seguito di una cattiva asciugatura. Altre volte, invece, quando i panni vengono lasciati in lavatrice...
Pulizia della Casa

Come eliminare l’odore di fumo dalla casa

L'odore di fumo è uno dei principali nemici non solo di molte persone che lo tollerano poco, ma anche di ambienti, superfici e tessuti. Infatti oltre ad essere sgradevole, è molto difficile da eliminare e li impregna con una nota stantia forte e persistente....
Pulizia della Casa

Come eliminare l'odore di chiuso dai cassetti

Quando arriva l'estate è il momento di fare il famoso "cambio di stagione". Bisogna sistemare gli armadi e mettere a posto i cassetti. Può succedere però che alcuni cassetti, rimasti chiusi per molto tempo, hanno un cattivo odore di chiuso per cui...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.