Come eliminare l'odore di chiuso dai vestiti

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se notiamo che i vestiti dell'armadio emanano un odore di chiuso, per eliminare l'inconveniente, bisogna intervenire con metodi adeguati. Tuttavia per evitare che il problema si ripeta, è opportuno adottare delle importanti strategie. A tale proposito, ecco una guida con alcuni consigli su come eliminare l'odore di chiuso dai vestiti.

25

Occorrente

  • Cellophane
  • Oli essenziali
  • Ovatta
35

Arieggiare spesso l'armadio

Un modo sicuramente semplice ma che si rivela anche funzionale, per evitare che gli abiti di un armadio possono emanare un cattivo odore, consiste nell'arieggiare spesso la struttura, magari lasciando le ante aperte di notte oppure durante il giorno dopo le pulizie di routine. In tal modo l'aria circola all'interno dell'armadio, evitando che l'eventuale umidità presente nell'ambiente possa poi generare il cattivo odore sui vestiti.

45

Proteggere gli abiti con la cellophane

Di fondamentale importanza per evitare che gli abiti possano emanare un cattivo odore, è di riporli nell'armadio ben asciutti. Premesso ciò, per non indossarli in questo stato dopo un lungo periodo di conservazione al chiuso, conviene proteggerli per intero come ad esempio giacca e pantalone con una cellophane. La stessa può risultare utile per imballare in inverno gli indumenti estivi, e viceversa quando d'estate si provvede alla stessa cosa con i capi pesanti. L'ideale sarebbe tuttavia di acquistare un'apposita macchina per creare il sottovuoto. Quest'ultima tra l'altro consente anche di massimizzare lo spazio, tenendo conto che ad esempio un piumone sottoposto al trattamento occupa circa un terzo di spazio in meno. Ritornando alla copertura di cellophane sugli abiti, per ottimizzare il risultato, conviene appendere sulla gruccia un sacchetto di tela con all'interno dei fiori essiccati, oppure un batuffolo di ovatta con alcune gocce di olio essenziale alla lavanda.

Continua la lettura
55

Profumare l'armadio

Come già accennato nel passo precedente di questa guida, per sopperire al cattivo odore che possono emanare gli abiti tenuti in un luogo chiuso come ad esempio un armadio oppure negli appositi scatoloni, conviene usare alcuni prodotti naturali atti a massimizzare il risultato. In questo caso gli oli essenziali come ad esempio alla lavanda, si rivelano ideali per risolvere il problema. Infatti oltre che ad essere profumatissimo, è anche un eccellente antibatterico ideale quindi per tener lontano cimici o tarme, e nel contempo serve per evitare l'insorgere degli acari della polvere. In tutti i casi queste essenze profumate comprese quelle di gelsomino, rose o agrumi vanno opportunamente riposte in un sacchetto su dell'ovatta, oppure in alternativa basta acquistare delle saponette che hanno la stessa fragranza.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come assorbire i cattivi odori

Qualsiasi casa oltre ad essere pulita deve profumare di fresco. Ogni volta dobbiamo fare i conti con i cattivi odori che si insidiano un po' dappertutto, sia nelle stanze che all'interno di mobili ed oggetti vari. In commercio esistono tantissimi prodotti...
Pulizia della Casa

Come eliminare cattivi odori dal condizionatore

Quando il condizionatore d'aria lavora molto, tende ad accumulare una notevole quantità di pulviscolo sprigionando cattivi odori generati da un ambiente chiuso. Tutti gli apparecchi sono infatti dotati di appositi filtri per assorbire un maggiore quantitativo...
Arredamento

10 consigli per arredare casa in stile provenzale

Lo stile provenzale, rustico o classico, è senza dubbio uno dei trend più apprezzati nel settore dell'arredamento. Le peculiarità dello stile provenzale sono la freschezza, la luminosità ed i colori tipici della Provenza, regione del sud-est della...
Economia Domestica

Come conservare i materassi in lattice

Se avete uno o più materassi in lattice e non intendete usarli per un determinato periodo, è importante pulirli in modo efficace e poi conservarli con imballaggi adeguati. Per ottimizzare il risultato, è tuttavia fondamentale igienizzarli accuratamente...
Pulizia della Casa

Come essiccare e profumare i fiori

Il profumo che i fiori sono in grado di emanare è davvero l'ideale per rendere odorosi tutti i tipi di ambiente. Ma cosa fare quando i fiori appassiscono? È possibile renderli ancora unici nella loro fragranza, essiccandoli e profumandoli a dovere....
Pulizia della Casa

Come Eliminare Odori E Tarme Dall'Armadio

Le nostre nonne usavano dei prodotti come la naftalina per poter eliminare le tarme e i cattivi odori dall'armadio. Oggi in commercio esistono numerosi prodotti molto meno aggressivi e sicuramente più gradevoli in grado di risolvere questo problema....
Esterni

Come scegliere un lettino di corda

In questa guida capirete come scegliere un lettino di corda. Infatti, per scegliere il lettino di corda più adatto alle vostre esigenze bisogna saperlo fare. Ecco perché vi spiegherò passo dopo passo le modalità con cui proseguire per scegliere il...
Economia Domestica

Come pulire i sandali in sughero

I sandali in sughero, sono indubbiamente molto comodi nel periodo estivo, in quanto questo tipo di materiale è molto leggero e pratico ma, il plantare purtroppo è soggetto a sporcarsi maggiormente rispetto alla parte in pelle o in cuoio. Per pulire...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.