Come eliminare l'aria in un impianto di riscaldamento

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Per avere una maggiore efficienza energetica, le nostre abitazioni necessitano di costante manutenzione. L'impianto di riscaldamento viene utilizzato per lunghi periodi, ogni anno. L'utilizzo comporta l'accumulo di aria nelle condotte. Essa, espandendosi nei radiatori della casa, limita il regolare flusso di acqua. A ciò, consegue una riduzione di calore, con la stessa quantità di combustibile. Per risparmiare e per rendere più efficiente l'impianto di riscaldamento, questa facilissima guida illustra come eliminare l'aria in eccesso.

26

Occorrente

  • Chiave inglese
36

Fasi preliminari

Per prima cosa, controlliamo l’impianto centralizzato del riscaldamento della nostra casa. Per lavorare sui radiatori dobbiamo avere l'impianto spento. Dopo questo, se avvertiamo dei rumori striscianti provenienti delle condotte vuol dire che c'è un’eccessiva presenza di aria e che dobbiamo eliminarla. Successivamente controlliamo la pressione. Se c’è aria essa ha valori superiori alla norma. Normalmente l'indice deve indicare lo zero.

46

Eliminazione dell'aria

A questo punto dopo un attento controllo si può cominciare l’intervento per eliminare l’aria. Prendiamo una chiave per allentare la valvola di sfiato dei radiatori della casa. È utile anche un panno per asciugare l’acqua che esce. La valvola si trova generalmente ad una delle estremità oppure sulla parte superiore del radiatore. Per eseguire questa manovra è opportuno avvolgere il panno intorno alla valvola ed alla chiave. Adesso giriamo la chiave in senso antiorario per poter aprire la valvola. Sentiremo un sibilo: significa che l’aria sta uscendo. Appena l'acqua bagna il panno è consigliabile chiudere la valvola ruotando la chiave in senso orario. Dopo aver espulso l’aria è fondamentale controllare nuovamente la pressione.

Continua la lettura
56

Controllo finale

La valvola si trova a monte dell'impianto centralizzato del riscaldamento e deve indicare lo zero. Se esiste questa situazione possiamo riaprire il circuito e controllare il funzionamento dell’impianto di riscaldamento.. Moltissimi radiatori moderni hanno una valvola con una manopola già installata. È sufficiente ruotarla per espellere tutta l’aria presente nelle condotte dell’impianto di riscaldamento. In questo caso occorre un piccolo recipiente per raccogliere l’acqua spruzzata dall'aria in eccesso presente nei radiatori. Se non siamo molto esperti, controlliamo il livello dell'idrometro, prima di eliminare l'acqua dai radiatori. Infatti se scende il livello, l'impianto non riparte. Portiamo al livello iniziale l'indicatore dell'idrometro. Basta ruotare la levetta dell'acqua del nostro impianto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Riscaldamento autonomo o centralizzato: il più conveniente

Avere il riscaldamento in casa è divenuto un comfort ormai indispensabile per ciascuna abitazione, seppure si tratta di uno degli elementi offerto non da molto dagli studi della scienza e della tecnologia. La nostra Italia, seppure molto estesa e con...
Economia Domestica

Come risparmiare soldi con il riscaldamento elettrico

Il riscaldamento è certamente uno dei bisogni di cui necessitiamo durante l'inverno, ma spesso le bollette che giungono a casa sono salate e proibitive, per questo bisogna trovare un modo per risparmiare sul riscaldamento. In questa guida illustrerò...
Economia Domestica

Come risparmiare con il riscaldamento centralizzato

Se si vive in un condominio quando arriva l'inverno si deve attivare l'impianto di riscaldamento centralizzato. Esso rappresenta un bene comune per cui le spese per la manutenzione ed il funzionamento vanno ripartite tra tutti i condomini, anche tra chi...
Economia Domestica

Come regolare il riscaldamento a pavimento

Se nella nostra casa abbiamo intenzione di installare un sistema di riscaldamento a pavimento, detto comunemente "radiante", dobbiamo sapere che ci sono delle periodiche regolazioni da fare, e che servono ad ottimizzare la temperatura, rendendola calda,...
Economia Domestica

Come per regolare il flusso d'acqua di un riscaldamento a battiscopa

Sono moltissime le tipologie di riscaldamento che possono essere installate all'interno di un'abitazione. Il riscaldamento a battiscopa ad esempio, fa parte dei sistemi radianti, proprio come il riscaldamento che viene solitamente installato sulle pareti...
Economia Domestica

Come risparmiare con il riscaldamento autonomo

A causa della crisi economica che imperversa in Europa e soprattutto in Italia, negli ultimi anni, molte famiglie cercano di risparmiare in vari modi. Una delle voci che incide maggiormente sul bilancio economico, è quella relativa alle bollette di luce...
Economia Domestica

Vantaggi e svantaggi del riscaldamento a bioetanolo

Il costo del riscaldamento incide molto sulla bolletta; per questo motivo si cerca di trovare nuove fonti di energia ecosostenibile che al tempo stesso limitano anche gli effetti negativi sul nostro pianeta. Il pensiero corre ai danni recati dall’emissione...
Economia Domestica

Come scoprire se l'impianto elettrico è a norma

Un intervento a livello di sicurezza per chi abita in una casa o in un appartamento, magari già un po' datati, oppure d'epoca, è quello di verificare lo stato dell'impianto elettrico. È buona norma, chiamare un elettricista e controllare le condizioni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.