Come eliminare il calcare dalle piastrelle di marmo

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se in cucina così come in bagno abbiamo delle piastrelle di marmo ed intendiamo pulirle in modo adeguato eliminando soprattutto l'antiestetica patina di calcare, possiamo farlo usando alcuni prodotti di facile reperibilità in casa e molto efficaci. In riferimento a ciò, ecco una guida su come eliminare il suddetto calcare dalle superfici marmoree in modo semplice e veloce.

25

Occorrente

  • Spugna abrasiva
  • Pagliuzza di metallo
  • Matita
  • Bicarbonato di sodio
  • Aceto Bianco
  • Succo di limone
35

Utilizzare una spugna con aceto

Un primo metodo molto efficace per eliminare il calcare dalle piastrelle di marmo, consiste nell'utilizzare una spugna leggermente abrasiva imbevuta in aceto; infatti, quest'ultimo è un ottimo anticalcare che in pochissimi secondi rimuove l'antiestetica patina che si forma sulla superficie delle suddette piastrelle, a seguito del contatto con l'acqua calda dei rubinetti e del vapore generato dalla doccia.

45

Strofinare la superficie con il bicarbonato

Se le macchie di calcare sono particolarmente spesse e presentano anche delle vistose croste, per intervenire in modo adeguato, possiamo strofinare sulla loro superficie del bicarbonato di sodio. Quest'ultimo specie se miscelato con alcune gocce di limone e reso pastoso come una crema, diventa una vera e propria pasta abrasiva che non genera graffi, e nel contempo ci consente anche di disinfettare, essendo il bicarbonato di sodio ideale per questa funzione. In sostituzione del succo di limone, si può anche usare dell'aceto oppure del succo d'arancia, visto che comunque fa parte della famiglia degli agrumi, e quindi si rivela un ottimo mangiacalcare. Nel caso ci siano poi delle piastrelle di marmo con delle fughe, per ripulirle si può usare una pagliuzza di metallo avvolta sulla punta di una matita, con cui si può agire all'interno bagnandola di continuo con il mix a base di bicarbonato di sodio e succo di limone.

Continua la lettura
55

Lavare le piastrelle con acqua demineralizzata

Se proprio intendiamo usare dell'acqua per lavare le piastrelle, conviene optare per quella demineralizzata che non contiene calcare, e quindi è ideale specie se aggregata con del succo di limone o con alcune gocce di aceto. In commercio l'acqua demineralizzata è disponibile in comode taniche di plastica da tre litri, ma è importante sapere che anche quella proveniente dai condizionatori d'aria e soprattutto dai deumidificatori è ottima poiché distillata, tanto è vero che si può anche usare per il ferro da stiro a vapore. In tutti i casi il consiglio finale per proteggere le piastrelle di marmo dopo l'eliminazione del calcare, è di usare della cera per impedire che l'acqua si depositi sulla superficie e poi asciugandosi generi dell'altro calcare.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come rimuovere diversi tipi di macchie dal marmo

Se in casa ci sono dei piani in marmo si possono rovinare a causa di caduta accidentale di olio, caffè, formazione di calcare o macchie di bruciato. Il marmo è un materiale pregiato che si utilizza per rivestimenti e finiture; ne esistono di diversi...
Pulizia della Casa

Come pulire i ripiani in marmo

I marmi e in generale le pietre naturali sono dei materiali duraturi e resistenti che vengono utilizzati in diversi campi. Possiamo trovarli negli arredi della cucina come superficie di lavoro o nel lavello, ma anche come mensole in mobili particolari....
Pulizia della Casa

Come pulire i top della cucina

La cucina è un luogo importante della casa. Si può forse dire che ne sia il cuore. Oltre la comodità, in una cucina si vuole anche sia rispettato un certo senso estetico. Ecco perché per rispettarlo scegliamo di arricchire e personalizzare il tutto...
Pulizia della Casa

Come rimuovere il calcare dal bollitore

L'acqua che scorre dai rubinetti delle nostre case è ricca di bicarbonato di calcio. Per reazione chimica, questa sostanza si tramuta in carbonato e tende a depositarsi sulle superfici.Nel caso di un bollitore, che spesso utilizziamo per scaldare il...
Pulizia della Casa

Come pulire il lavello in modo efficace

Pulire bene la casa è di fondamentale importanza per garantire l'igiene e la salute di coloro che vi ci abitano. La cucina è la zona dell'appartamento dove si cucina, si mangia e si svolgono tante altre attività; per questo motivo, la pulizia di questa...
Pulizia della Casa

Come rimuovere l'olio dal pavimento di marmo

Il marmo è tra i materiali più utilizzati nella decorazione e nella costruzione grazie alla sua durevolezza ed eleganza. Un unico elemento di marmo, come ad esempio il piano di un tavolo, di un cassettone, o la mensola di un camino può aggiungere...
Pulizia della Casa

5 metodi per pulire i davanzali in marmo

Il marmo è un materiale naturale, formato prevalentemente di carbonato di calcio; esso deve il suo nome alla sua lucentezza, infatti il termine "marmo" deriva proprio da una parola greca che significa "splendente". Per tutte queste caratteristiche, questa...
Ristrutturazione

Come eliminare i graffi dal marmo

Il marmo è una superficie che ha origine dal calcare. La lavorazione a cui è sottoposto il marmo gli permette di passare dal poco conosciuto stato grezzo, a quello più noto, lavorato e molto lucido. La lucidità e la capacità di splendere del marmo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.