Come eliminare i "moscerini della frutta" con metodi naturali

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

I "moscerini della frutta" sono degli insetti che creano problemi per il loro proliferare specialmente sulla frutta e sul cibo in decomposizione. Se si lascia la frutta matura sui mobili è per essi un invito a nozze; le loro cibarie preferite sono l'uva, i datteri e le prugne. In questo luogo i minuscoli volatili si cibano e depongono le uova. Altri posti che permettono questa invasione sono l'umido dell'immondizia e l'acqua stagnante (ad esempio i sottovasi). Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli e delle corrette informazioni su come eliminare questi fastidiosi volatili con metodi naturali; così facendo si tutela la propria salute e l'ambiente.

27

Occorrente

  • Pulizia della cucina
  • Eliminare tutto ciò che sta marcendo
  • Bicarbonato di sodio
  • Soda da bucato o percarbonato di sodio
37

Il primo rimedio che si può prendere in considerazione è l'eliminazione degli alimenti di cui sono attratti. La frutta è consigliabile conservarla in frigorifero; è opportuno controllare frequentemente se qualcosa è andato a male e buttarla. È fondamentale svuotare spesso il secchio dell'umido e detergerlo con bicarbonato di sodio oppure soda da bucato. Esso deve essere lasciato ad asciugare prima di utilizzarlo.

47

Se questo primo accorgimento non basta si possono realizzare delle "trappole" per catturarli. I moscerini sono attratti moltissimo dall'odore del vino e dall'aceto; questi prodotti si possono utilizzare per attrarli e bisogna procedere nel seguente modo. Bisogna versare l'aceto o il vino in una ciotola, poi si deve coprire con la pellicola trasparente e fare dei fori utilizzando la punta di una matita. In alternativa si possono impiegare acqua e zucchero oppure del succo di frutta; in questo modo si attirano gli insetti che restano intrappolati.

Continua la lettura
57

Se si privano questi esseri del cibo si risolve il problema, ma per evitare che si ripete bisogna attenersi a delle norme igieniche, specialmente della cucina. Questo spazio è quello che viene colonizzano con più frequenza. Oltre a ciò non bisogna lasciare piatti sporchi o strofinacci nel lavello ed occorre pulire periodicamente gli scarichi. Se si amano le piante si devono sistemare dei vasetti di menta sul davanzale; questo è un odore che non gradiscono affatto.

67

Dopo i pasti è opportuno ripulire i ripiani ed il tavolo da briciole, residui di cibo e da liquidi. Una volta la settimana bisogna prestare attenzione all'igiene interna ed esterna degli elettrodomestici che si utilizzano quotidianamente come: frigo, piano cottura e lavastoviglie. Per fare ciò non si devono utilizzare agenti aggressivi ed inquinanti, ma sostanze semplici, naturali ed economiche; per esempio si può usare il bicarbonato e la soda da bucato.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Pulire accuratamente la cucina almeno una volta alla settimana
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.