Come decorare e rinnovare un tavolino da salotto

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

A volte si ha il desiderio di rinnovare il mobilio di casa oppure di cambiare un pezzo di arredo rovinato a tal punto che non è più presentabile. Prima di buttarlo oppure spendere dei soldi per un nuovo acquisto si può decidere di rinnovare il vecchio mobile, modificandone l'aspetto in modo unico ed originale. La tecnica più semplice da adottare è quella di rivestire con della carta decorativa il mobile. Leggendo il tutorial si hanno degli utili consigli e delle corrette informazioni su come è possibile decorare e rinnovare un tavolino da salotto.

24

La prima cosa da fare è quella di procurarsi tutto quello che occorre. Il materiale si può reperire facilmente in un negozio di fai da te oppure in una ferramenta. Servono: del gesso, della colla vinilica, i pennelli per stenderla, la matita ed il righello. Infine, bisogna comprare dei fogli da découpage con i colori e le fantasie preferite. A questo punto si deve preparare il tavolino per la decorazione; bisogna stendere 2 mani di fondo di gesso. In seguito, utilizzando il righello e la matita, si deve disegnare sul ripiano una sorta di scacchiera di 9 quadrati (il numero e le dimensioni dipendono dalla grandezza del tavolino).

34

Adesso utilizzando delle forbici ben affilate si devono ritagliare 5 quadrati di carta da découpage. È importante che siano quasi della stessa misura dei quadrati disegnati sul tavolino, appena qualche millimetro più grandi. A questo punto bisogna stendere la colla vinilica sulla base del tavolino ed applicare i quadrati ritagliati. Durante questa fase del lavoro bisogna prestare particolare attenzione in quanto i quadrati devono combaciare perfettamente. Quando è terminato il posizionamento si deve stendere un altro strato di colla che serve da fissaggio definitivo; la colla una volta asciugata diventa invisibile.

Continua la lettura
44

Per ricoprire le gambe del tavolino si può utilizzare un solo pezzo di carta da avvolgere intorno alla gamba; la carta in eccesso va tagliata utilizzando un taglierino. Dopo che sono state rivestite le gambe del tavolino bisogna stendere una mano di colla. Alle estremità inferiori delle gambe si possono incollare 2 fascette di carta di 3 cm di altezza; essa deve essere diversa dalla carta utilizzata per le gambe. In questo modo si possono realizzare piacevoli fantasie geometriche. Quando la colla si è asciugata è consigliabile stendere su tutto il tavolino uno strato di vernice vetrificante per proteggerlo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come rinnovare una stanza

Spesso la voglia di cambiare ci spinge a voler migliorare gli spazi in cui viviamo, apportando modifiche, liberandoci del vecchio e dell'inutile. Poi però, capita che ci scoraggiamo perché quest'operazione richiede tempo e denaro e con i tempi che corrono,...
Ristrutturazione

10 consigli per rinnovare gli spazi della vostra casa

Un'abitazione di piccole o di grandi dimensioni, ha sempre bisogno di essere rinnovata dopo un po' di tempo, non solo per cambiare l'aspetto, ma anche per evitare di stancarsi di stare sempre nello stesso ambiente. Se avete voglia di scoprire come potere...
Ristrutturazione

Come ricavare un mobile per il bagno da un vecchio tavolino

Se sei un appassionato del fai da te e desideri scoprire come sia possibile realizzare lavori di ristrutturazione usando vecchi oggetti apparentemente banali, ti consiglio di leggere con attenzione questo tutorial, in quanto ti fornirò una serie di suggerimenti...
Ristrutturazione

10 consigli per rinnovare il bagno

Gradite rinnovare il vostro bagno con un tocco personale ed autentico? Niente di più semplice! Se siete alla ricerca di nuove idee, avete trovato la guida che fa per voi. Nei passi che seguono, infatti, vi forniremo ben 10 consigli a riguardo. Vi suggeriremo...
Ristrutturazione

Come trasformare uno sgabello in un tavolino

Avete mai pensato al riciclo intelligente? Cerchiamo di sfruttarlo per l'arredo della nostra casa.Spesso vengono gettati molti oggetti, d'arredamento e non, ritenuti antiquati.È un errore comune, ma cerchiamo di usufruirne al meglio.Questa volta proponendovi...
Ristrutturazione

Come rinnovare le pareti applicando la resina sulle piastrelle

In questa pratica guida imparerete a capire come rendere le vostri pareti come nuove. Insomma, come rinnovare le pareti applicando la resina sulle piastrelle. Quindi, se avete delle pareti con delle piastrelle, magari del bagno, da rinnovare, ecco come...
Ristrutturazione

Come rinnovare il bagno con creatività e senza spendere troppo

Vuoi rinnovare il bagno di casa tua ma non sai da dove partire? Le cose da fare ti sembrano infinite e hai bisogno di una mano? Niente paura: con un po' di ingegno e creatività, sappi che sarà possibile rinnovare il bagno in modo originale e, soprattutto,...
Ristrutturazione

Rinnovare casa: 10 idee veloci e low cost

Avete voglia di rinnovare l'arredamento della vostra casa? Mentre guardate le stanze della vostra casa vorreste trasformarle con una bacchetta magica?... Non è impossibile. Con una buona dose di volontà ed un pizzico di fantasia riuscirete in questo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.