Come decerare il parquet

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Rivestire il pavimento è una scelta che contribuisce ad accrescere il comfort della propria abitazione. La scelta del rivestimento dovrà essere dettata da attente considerazioni per non incorrere in errori che potrebbero compromettere la perfetta riuscita del lavoro. Una delle opzioni che riscuote il maggior successo è quella avente come protagonista il parquet: esso costituisce uno dei più bei rivestimenti per pavimento che possa esistere ma richiede una manutenzione scrupolosa e regolare. È un lavoro alla portata di tutti a condizione di utilizzare un'attrezzatura e, soprattutto, prodotti appropriati a ogni tipo di parquet. In questa guida parleremo di come decerare il parquet.

27

Occorrente

  • Decerante
  • acqua
  • mono-spazzola
  • straccio
37

Rimuovere le eventuali incrostazioni

L'inceratura del parquet è il metodo classico di manutenzione; presenta l'inconveniente di richiedere un lavoro periodico ma dà risultati molto buoni e rende il pavimento di un colore caldo e accogliente. Inoltre, se il lavoro è ben fatto, il risultato sarà durevole altrimenti si dovrà ricorrere a decerare il parquet e a rimuovere tutte quelle eventuali incrostazioni che limiterebbero, se presenti, una corretta lavorazione sul legno. Ciò che dobbiamo fare inizialmente, è miscelare in un secchio, un prodotto decerante che potremo acquistare al supermercato e dell'acqua.

47

Creare una soluzione e strofinare i vari punti del parquet

Usando uno straccio e imbevendolo nella soluzione che avremo creato all'interno del secchio, iniziamo a sciacquare le zone di pavimento interessate, strofinando energicamente nei punti in cui la vecchia cera oppone una maggiore resistenza. A questo punto per circa 10 minuti, lasciamo che il parquet riposi e subisca l'effetto del prodotto; teniamoci quindi alla larga dal pavimento in questione, in quanto la soluzione lo renderà scivoloso e il rischio di cadere sarà molto elevato.

Continua la lettura
57

Utilizzare una mono-spazzola

La fase successiva, prevede l'intervento di una mono-spazzola, che andrà ad esercitare la sua azione su quelle zone in cui la cera era così abbondante da non essere stata scalfita dal primo intervento operato con lo straccio. Mentre teniamo azionata la spazzola, lasciamo scendere sul parquet qualche altra goccia di soluzione: in questo modo infatti, le setole riusciranno più facilmente nel loro intento. Nel caso non potessimo disporre di questo oggetto, potremo sopperire a questa mancanza usando un tampone abrasivo manualmente; questo tipo di manovra ci costerà molto più tempo e sforzo della precedente.

67

Lavare tutto il pavimento

Nel caso non fossimo soddisfatti del risultato ottenuto, dovremo ripetere il procedimento esposto sin qui; se il parquet risultasse invece di nostro gradimento e completamente spogliato della vecchia cera, non dovremo far altro che lavare accuratamente tutto il pavimento utilizzando solamente dell'acqua, per vedere ultimato il nostro lavoro.

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Consigli utili per la posa del parquet

Il parquet è un tipo di pavimentazione in legno molto utilizzata in Italia. Il tradizionale pavimento in parquet è in legno massiccio monostrato, in un solo tipo di legno, e può essere spesso dai 10 ai 22 mm. Questo tipo di pavimento ha bisogno di...
Ristrutturazione

Il parquet industriale: caratteristiche

Il parquet è un tipo di pavimentazione fatta con il legno. Questo tipo di pavimento è sicuramente una scelta ottima per dare alla vostra abitazione un aspetto elegante, ricercato e molto accogliente. Il legno infatti ha il pregio di dare un aspetto...
Ristrutturazione

Come trattare il parquet in rovere

In questa guida, vogliamo proporvi il modo per imparare insieme, come e cosa fare per trattare il parquet in rovere, cercando di pulirlo e tenerlo in ottimo stato, per tutta la vita. Avere un pavimento in parquet è forse il desiderio di molti di noi,...
Ristrutturazione

Come scegliere una vernice per il parquet

Nonostante gli anni passano e nuovi materiali salgono alla ribalta, il parquet resta una delle superfici più amate da tutti. Infatti la pavimentazione più accogliente, più isolante e più bella è il parquet. Il parquet è molto delicato e necessita...
Ristrutturazione

Come dare nuova vita al vecchio parquet

Il parquet è un tipo di pavimentazione composto da listelli di legno, in genere di diverse lunghezze e larghezze, che vengono affiancati gli uni agli altri, per creare una composizione a mosaico. Spesso il parquet è anche di diversi colori, per un effetto...
Ristrutturazione

Come posare il parquet prefinito

Per molti il parquet è un elemento imprescindibile, soprattutto in alcune stanze come la camera da letto. Poggiare il piede nudo sul legno anziché sul freddo marmo o sulle piastrelle in monocottura è un'esperienza certamente più gradevole. È possibile...
Ristrutturazione

Come montare il parquet flottante

Cambiare pavimento o metterne uno nuovo è sempre una scelta difficile e molto spesso costosa. Ecco perché è consigliabile montare il parquet flottante, in modo da avere più vantaggi che svantaggi: se non vi piace lo potete rimuovere in pochi minuti;...
Ristrutturazione

Il parquet scricchiola: come fare

Il parquet, è una tipologia d pavimento diffusa da molti anni e sempre in evoluzione dal punto di vista strutturale e innovativo. Oggi infatti in commercio vengono proposti diverse tipologie di parquet con listoni grandi e piccoli, grezzi o predefiniti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.