Come decapare un mobile scuro

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Decapare un mobile significa intervenire per rimuovere la parte superficiale di vernice della quale il mobile è colorato. Esiste una vera e propria tecnica decorativa (detta, appunto, di decapaggio) che consente di effettuare questo intervento nel miglior modo possibile. Questa tecnica risulta molto utile soprattutto quando si desidera intervenire sui mobili in legno. In questa guida vogliamo dunque illustrarvi come decapare un mobile scuro.

26

Occorrente

  • Guanti, spazzola, pennello, carta vetrata, impregnante acquoso, finitura trasparente.
36

Reperite gli occorrenti

Vi ricordiamo che il pregio di questa tecnica di decorazione consiste nel valorizzare al massimo l'effetto antico e consumato del mobile, così da trasformare l'inevitabile usura del mobile stesso in un elemento di stile prezioso e raffinato. La tipologia interventistica risulterà dunque alquanto particolare se si tratterà di operare su un mobile dalle colorazioni scure. Questo tipo di mobile, infatti, necessita di una procedura di decapaggio ad hoc e di una successiva manutenzione molto attenta. Reperite tutti gli occorrenti necessari. Vediamo ora, nel dettaglio, come occorre procedere per decapare un mobile scuro.

46

Eliminate la vernice di superficie

Per prima cosa munitevi di alcuni guanti e con l'ausilio della spazzola occorrerà eliminare tutta la vernice che si trova sulla superficie, fino a quando non scorgerete il legno originario che compone il mobile. Dopo aver svolto questa operazione, togliete i residui di polvere che certamente avrete provocato e aprite l'impregnante. Spandetelo poi lungo tutta la superficie del mobile, usando una tecnica precisa: quella cioè, di pennellate in senso orizzontale e verticale. Questo per conferire al mobile un colore più originale e particolare. Ricordatevi dunque di toccare tutte le zone del mobile, senza tralasciarne alcuna. Se necessario, passate una seconda mano del prodotto.

Continua la lettura
56

Iniziate la carteggiatura

Dopo aver fatto asciugare l'oggetto per circa 3 ore, iniziate la carteggiatura. Con energia, intervenite per togliere gli elementi in rilievo. In questa fase, dedicatevi con attenzione anche alla carteggiatura degli angoli e degli spigoli, facendo attenzione a levigarli per bene. Poi non vi rimarrà altro che stendere sul mobile scuro la finitura trasparente. Questa sarà molto importante per assicurare una protezione adeguata al mobile e per conferirgli quell'effetto "retrò" davvero accattivante. Lasciate nuovamente asciugare per circa 10 ore ed ecco realizzato un intervento davvero degno del più esperto restauratore. Per un mobile scuro che avrà recuperato tutto il suo fascino e che donerà lustro ed originalità all'arredamento della vostra abitazione.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Quando stendete l'impregnante acquoso, effettuate pennellate in senso sia orizzontale che verticale
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come restaurare un mobile di legno

Il restauro di un mobile di legno può sembrare a prima vista un'impresa difficile. In realtà questa operazione è abbastanza semplice, e può essere eseguita anche da persone che sono meno esperte con il metodo del fai da te. Leggendo questa guida ed...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile antico

Ognuno di noi possiede in casa almeno un mobile antiche, magari ereditato da qualche parente, e che si trova in condizioni un po' malconce. Per questo alle volte si necessita di un restauro per poter portare il suddetto mobile ad uno stato decente. Molto...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile in arte povera

I mobili in arte povera, durante la restaurazione, devono essere trattati in modo tale da conservare sempre la finitura originale. Il modo migliore per farlo è quello di utilizzare una finitura a cera in quanto è molto facile da applicare. Prima di...
Ristrutturazione

Come laccare un mobile in legno

Un bel mobile lucido in stile classico è sempre piacevole e dona all'ambiente un aspetto elegante e di classe, in particolare se si tratta di uno antico, magari in legno massello con le sue venature e la sua profondità. Sebbene ci possa sembrare un...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile con gommalacca

La gommalacca non è altro che una finitura versatile, e si tratta fondamentalmente di una resina in scaglie sciolta in un alcool denaturato che può migliorare il colore naturale del legno. La gommalacca è molto popolare grazie alla sua facilità di...
Ristrutturazione

Come ricavare un mobile per il bagno da un vecchio tavolino

Se sei un appassionato del fai da te e desideri scoprire come sia possibile realizzare lavori di ristrutturazione usando vecchi oggetti apparentemente banali, ti consiglio di leggere con attenzione questo tutorial, in quanto ti fornirò una serie di suggerimenti...
Ristrutturazione

Come Eliminare La Vernice Da Un Vecchio Mobile Smaltato

Col passare del tempo la nostra abitazione può sentire la necessità di subire qualche ritocco per mantenere da un punto di vista estetico una certa freschezza. Elementi della nostra casa che subiscono maggiormente il passare del tempo sono i mobili...
Ristrutturazione

Come tinteggiare con la tecnica sfumatura a picchiettatura

La sfumatura a picchiettatura è una delle tante tecniche che si possono utilizzare per tinteggiare le pareti di casa; la particolarità di questo effetto sta nel creare una finitura straordinariamente uniforme e liscia ed è un modo semplice di miscelare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.