Come datare un mobile antico

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Nel mondo dell'antiquariato, la datazione di un mobile antico è un'attività che riveste un fascino molto particolare: riguarda, infatti, l'ambito artistico ed estetico, comporta una preparazione sugli stili, le tecniche di lavorazione ed il legno impiegato, per poter risalire al relativo periodo storico di fabbricazione. Rimangono esclusi da questa categoria i mobili successivi al 1900 che, per quanto antichi e ben conservati, non presentano particolare valore storico. Vediamo dunque, in questa guida, come datare un mobile antico seguendo alcune semplici ma fondamentali linee guida.

26

Occorrente

  • Certificato autenticità
36

Verificate la presenza di chiodi

Per datare un mobile antico in modo appropriato è necessario avere una grande conoscenza dei metodi di lavorazione presenti nelle varie epoche storiche, degli stili più diffusi e del tipo di legno utilizzato, da cui discende una particolareggiata ricerca di datazione del mobile. Intarsi, cerniere, incastri, lavorazione dei piedi, pomelli e chiusure sono caratteristiche di alcuni periodi storici ben precisi, e riuscire a ricollegarli ad una corrente storica è il primo passo per la riconoscibilità del mobile. Ad una prima analisi, anche la presenza di eventuali chiodi può essere utile a datare il mobile, questo perché era piuttosto difficile trovarne a vista sui pannelli, in quanto generalmente sostituiti da incastri e tasselli.

46

Accertatevi della tipologia di legno

Anche il tipo di legno utilizzato, lo spessore dello stesso e il metodo di lavorazione e lucidatura possono costituire un elemento di riconoscimento dell'epoca di produzione. Lo spessore del legno era notevole nelle epoche precedenti all'800, in quanto veniva attuato il taglio a mano mediante dei segacci più o meno pratici ed efficienti, mentre i mobili realizzati con spessori sottili sono quasi sempre databili a periodi posteriori all'800, poiché la rivoluzione industriale diede vita a macchinari e lavorazioni del legname diverse e più efficientate. Lo stesso discorso vale per l'impiallacciatura che, dopo l'800, subì delle modifiche fino a raggiungere strati sempre più sottili di piallaccio, in sostituzione delle lavorazioni più robuste delle epoche precedenti.

Continua la lettura
56

Avvaletevi dell'aiuto di un esperto

Infine anche le proporzioni del mobile, eventuali cesellature od intarsi, il tipo di verniciatura o lucidatura effettuata e l'eventuale uso di maniglie, pomelli ed altre parti del mobile, possono essere di aiuto nella datazione. Nel caso di acquisto è bene sincerarsi sempre della presenza di un certificato regolare che attesti l'anno di produzione del mobile e la sua reale autenticità. In caso contrario, è consigliabile avvalersi della perizia di un esperto del settore, al fine di evitare l'acquisto di una copia ben fatta di un mobile antico.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • E' consigliabile avvalersi della perizia di un esperto del settore, al fine di evitare l'acquisto di una copia ben fatta di un mobile antico.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arredamento

Come riconoscere una falsificazione del mobile antico cabinet

Il mondo dell'antiquariato è avvolto dal fascino che pervade i tempi perduti. Un viaggio capace di portarci indietro nel tempo, quasi a toccare con mano i fasti di epoche ormai sepolte sotto la polvere degli anni. Eppure è molto facile cadere prede...
Arredamento

Come riconoscere un mobile antico in stile Luigi XVI

Esistono diversi stili di mobili che hanno caratterizzato la storia. Per riconoscere un oggetto d'antiquariato e acquistare conseguentemente i complementi di arredo di proprio gusto, è necessario sicuramente seguire alcune piccole e utili indicazioni...
Arredamento

Come accostare un mobile antico in un ambiente moderno

L'antico ed il moderno di per se sono di gusti estetici completamente differenti: uno richiama uno stile piuttosto adornato, con caratteri sinuosi dato da linee marcate dai colori, spesso laccati in oro, mentre l'altro presenta linee semplici e minimaliste,...
Arredamento

Come arredare casa in stile antico

Arredare casa in stile antico può sembrare facile ma non lo è, in quanto un arredamento del genere deve essere eseguito con degli schemi ben precisi altrimenti, con gli eccessi, si rischia di far sfigurare l’ambiente e soprattutto non valorizzare...
Arredamento

Come valutare un mobile d'epoca

Sempre più spesso, all'interno delle case moderne, troviamo dei complementi d'arredo appartenenti ad epoche passate. A volte, si tratta di mobili ereditati da parenti lontani, arrivati nei saloni di famiglia e messi in bella mostra, insieme ad altri...
Arredamento

Come arredare una casa con il rosa antico

Il rosa antico è un colore particolare che veniva utilizzato molto alla fine dell'800. Oggi se viene utilizzato è proprio per chi ama richiamare il passato e quello stile retrò che si usava molto. Questo è lo stile che si presta più di ogni altro...
Arredamento

Come lucidare le colonne di marmo antico

Le colonne sono un elemento architettonico portante. Il marmo antico è un rivestimento utilizzato sia per interni che per esterni. Esso è traspirabile e dona un effetto elegante. In più ricorda il Travertino. Possedere una colonna in marmo significa...
Arredamento

Come arredare il salotto in stile antico

La casa è l'ambiente in cui passiamo la maggior parte del nostro tempo. La casa, cioè il nostro nido, deve essere un posto accogliente. Ma soprattutto deve rispettare i nostri gusti personali, perché esse appunto ci rappresenta. La stanza dove si ospitano...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.