Come cuocere su pietra lavica

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Estate, cielo terso e sole che splende: il momento migliore per godersi una giornata all'aria aperta. E cosa c'è di più "estivo" se non un barbecue acceso e della buona compagnia? Probabilmente però non tutti sanno che i fumi prodotti dalla combustione della legna, entrando a contatto con i cibi grassi, possono sviluppare delle tossine molto pericolose per la salute umana. Per questo motivo, per non rinunciare al piacere di un barbecue, possiamo pensare alla realizzazione di un metodo di cottura alternativo. La pietra lavica, che garantisce una perfetta cottura e soprattutto cibi sani, rappresenta una di queste possibili alternative. Andiamo allora a scoprire come cuocere su pietra lavica.

27

Occorrente

  • Fornello a gas o legna
  • Pietra lavica
  • Limone
  • Acqua e sale
  • Strofinaccio
  • Olio d'oliva
  • Carne
  • Pesce
  • Verdure
37

Porre il cibo sulla pietra

La pietra lavica è una delle soluzioni migliori e maggiormente consigliate per offrire una cottura omogenea, veloce e decisamente sana rispetto a qualsiasi altro tipo di piano cottura. Questo perché non rilascia sostanze tossiche e i cibi non entrano a diretto contatto con il fumo. La pietra lavica è infatti prodotta da vera pietra vulcanica. Per essere utilizzata per cucinare, necessita di una lavorazione particolare, che permette di renderla piuttosto piana e dotata di un certo spessore. Uno degli vantaggi dell'utilizzo di questo materiale è la possibilità di poterla continuare ad utilizzare anche dopo circa mezz'ora dal momento in cui abbiamo spento la fonte di calore. Una soluzione insomma che, oltre a rendere più saporiti i cibi, contribuisce a renderli anche più sani e salutari, con un grande risparmio economico. Scegliere oggi la cottura su pietra lavica rappresenta dunque un'idea davvero buona per tutti i tipi di palati. Ma come utilizzare la pietra lavica per la cottura di cibi? Come in tutte le cose, non occorre improvvisare. Vediamo come è opportuno muoversi per realizzare una cottura davvero perfetta.

47

Cuocere senza aggiungere condimenti

Vediamo ora come utilizzare correttamente la pietra lavica per cucinare. Dopo aver acceso il fornello a gas o il fuoco, una volta raggiunta la temperatura, posizioniamo la carne, il pesce o le verdure a secco, ovvero senza aggiungere alcun condimento. La cottura sarà veloce ed omogenea, saranno infatti i succhi stessi dei cibi a condirli e insaporirli. Giriamo quindi la carne e gli altri alimenti quando notiamo che da un lato cambiano colore e sono cotti. Per la cottura di cibi diversi strofiniamo mezzo limone sulla superficie della pietra. Quando sono pronti aggiustiamo con sale, limone, pepe e serviamo in tavola! Inoltre, grazie a questo tipo di cottura, gli alimenti non perderanno le loro caratteristiche nutritive, esaltandone invece tutto il gusto naturale.

Continua la lettura
57

Pulire con olio d'oliva

Quando si desidera utilizzare la piastra una seconda volta, è bene seguire alcuni step fondamentali. Andiamo quindi a lavare la pietra con acqua e sale, poi asciughiamola. Durante il lavaggio, occorrerà prestare molta attenzione a non rigare la pietra, quindi nella pulizia di dovrà avere tocco di mano leggero e superficiale. Dunque bisognerà spandere dell'olio d'oliva sulla superficie della pietra. Possiamo spalmarlo con uno straccio, ponendo attenzione a toccare tutte le parti della piastra. Il giorno seguente asciughiamo la pietra con un foglio di carta assorbente. Effettuate queste operazioni, la piastra sarà pronta per essere riutilizzata. L'utilizzo di poche gocce di olio d'oliva per "pulire" la pietra si potrà effettuare anche quando la pietra viene acquistata e quindi usata per la prima cottura.

67

Disinfettare con limone e aceto

Facciamo sempre molta attenzione a non toccare la superficie rovente, il rischio è quello di una bruciatura. È importante ricordare di non versate mai acqua fredda sulla pietra rovente, potrebbe infatti spaccarsi. Per la pulizia della pietra è sufficiente passare dell'acqua calda, oppure attendere che sia asciutta e fredda e strofinarla con del limone o dell'aceto, che hanno proprietà disinfettanti e detergenti. Per eliminare i residui di cibo, puliamola con una spatola. Evitiamo di utilizzare detersivi di alcun genere e poniamo molta attenzione nel maneggiarla, dato che potrebbe spaccarsi molto facilmente. Uno dei rischi, quando di dispone di una pietra lavica, è quello di non riuscire a preservare nel tempo la sua efficienza. Per mantenerla integra e funzionale nel tempo, occorrerà dunque porre in essere una serie di interventi di manutenzione molto particolari e specifici. Dovremo a tal proposito coprirla con un panno morbido e, dopo averla utilizzata, sarà necessario evitare di lasciarla all'aperto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come scegliere le padelle in pietra

Per scegliere la migliore padella, è necessario considerare due fattori: la funzionalità e il materiale. Le padelle sono comunemente prodotte con una varietà di metalli diversi. Le pentole che si usano per friggere i cibi sono spesso realizzate in...
Economia Domestica

Come cuocere un uovo sodo al microonde

Le uova sode si possono cuocere anche utilizzando il forno a microonde. Il pericolo che si corre è che esse possono esplodere quando si tenta di mangiarle. Infatti, il forno a microonde riscalda l'interno l'uovo ad una temperatura abbastanza elevata...
Economia Domestica

Pavimenti in pietra naturale: pro e contro

Quando vi apprestate a ristrutturare casa, è importante valutare bene la scelta dei pavimenti poiché si tratta di una posa definitiva, e se non appropriata, non fornirà assolutamente i risultati desiderati, sia dal punto di vista della funzionalità,...
Economia Domestica

Come cuocere i legumi nella pentola a pressione

Ecco pronta una nuova guida, attraverso il cui aiuto concreto ed anche unico, poter essere in grado di capire come e cosa fare per cuocere i legumi nella pentola a pressione, nel modo più semplice, veloce ed anche pratico possibile. Cuocere i legumi...
Economia Domestica

Come cuocere il petto di pollo al microonde

Molto spesso è necessario fare un pasto veloce, per colpa dei ritmi frenetici che si devono affrontare ogni giorno. Durante la settimana non c'è tempo di stare in cucina. Di conseguenza ci si limita a riscaldare qualche pietanza già confezionata. Un...
Economia Domestica

Come cuocere al microonde con il grill

Nelle nostre cucine possiamo oggi beneficiare di oggetti che rendono tutto più semplice. Cucinare o anche solo riscaldare piatti è diventato estremamente facile grazie all'uso del forno a microonde. Esso non sostituisce del tutto il forno tradizionale,...
Economia Domestica

Come cuocere le castagne nel forno a microonde

Le castagne simboleggiano per molti l'autunno. Si consumano in ogni parte del paese. Si tratta peraltro di un alimento ricco di carboidrati e di sali minerali. In epoche passate venivano mangiate ancor più di oggi, essendo abbondanti e molto nutrienti....
Economia Domestica

Come cuocere la pasta in una pentola a pressione elettrica

La pentola a pressione elettrica rappresenta una soluzione efficace ed economica per preparare piatti veloci, sani e saporiti. I tempi di cottura si riducono, si risparmia energia, ed inoltre i cibi cotti a vapore risultano più sani e più leggeri e,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.