Come controllare la pressione della caldaia

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La pressione della caldaia dovrebbe mantenersi sempre su un livello costante, poiché la caldaia stessa riscalda l'acqua e la mantiene calda. Questi sistemi di riscaldamento sono resistenti e durevoli e possono funzionare per molti anni se sono ben mantenuti. Parti danneggiate o rotte su una caldaia possono portare a perdite di monossido di carbonio, che è un gas mortale che può causare gravi lesioni e morte. Una delle fasi di manutenzione molto importante è il controllo dei livelli di pressione della caldaia: eseguire regolarmente questo controllo manterrà la casa al caldo e al sicuro. Vediamo allora come controllare la pressione della caldaia.

27

Occorrente

  • Caldaia
  • Manometro
37

Leggere il manometro della caldaia

Tutte le caldaie hanno un manometro che indica la pressione all'interno. Questo indicatore si trova generalmente sulla facciata principale e indica se la pressione nella caldaia è normale, alta o bassa. Per poter leggere correttamente il manometro della caldaia, bisogna innanzitutto sapere che la pressione di ogni caldaia dovrebbe essere compresa tra 1,2 e 1,5 bar. Nel caso in cui la pressione sia troppo bassa o troppo alta, è possibile controllarla ruotando le due valvole fino a raggiungere il livello normale.

47

Alzare la pressione

Se la pressione della caldaia è troppo bassa, per alzarla il processo è semplice: individuare le due valvole di riempimento ed aprire completamente una delle due. Aprire lentamente anche la seconda valvola, osservando come reagisce l'ago (o il sistema di luci di segnalazione) sul manometro. Attendere che l'ago raggiunga il centro della zona verde, ma potrebbe fermarsi anche all'inizio di questa zona senza andare molto oltre anche se si apre completamente la valvola. Ciò è solitamente dovuto al fatto che il sistema idrico della casa è dotato di un riduttore di pressione, essenziale per alcuni dispositivi (in particolare le caldaie). Quando l'ago si ferma nella zona verde, chiudere completamente la seconda valvola, dopodiché anche la prima, ma senza bloccarle.

Continua la lettura
57

Abbassare la pressione

Se la pressione della caldaia aumenta continuamente nonostante entrambe le valvole siano chiuse, per abbassarla occorre controllare che entrambe le valvole di riempimento siano ben chiuse ed eventualmente bloccarle. Se la pressione non accenna a diminuire, spegnere immediatamente la caldaia e contattare un tecnico specializzato. Tuttavia, la maggior parte delle caldaie è dotata di una valvola di sicurezza che ne blocca il funzionamento nel caso in cui la pressione dovesse superare i 3 bar.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Leggere sempre il manuale prima di eseguire qualsiasi operazione
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come regolare la caldaia per risparmiare

Il risparmio energetico è di fondamentale importanza, per gestire il proprio budget economico a disposizione. Il modo migliore per farlo nel periodo invernale, è di regolare a puntino la caldaia. A tale proposito in questa guida ci sono i suggerimenti,...
Economia Domestica

Come ridurre i consumi della caldaia

Soprattutto in inverno si vorrebbe poter ridurre i consumi della caldaia, perché, se è vero che un dolce tepore all'interno della propria casa è quanto mai piacevole, è purtroppo vero anche il fatto che le bollette per il consumo energetico hanno...
Economia Domestica

Come regolare la temperatura della caldaia a condensazione

Ormai, nella nostra società si valorizza il risparmio di energia, sia per motivi economici sia per motivi di impatto ambientale. Sicuramente, un risparmio di energia giova alle famiglie che negli ultimi tempi fanno i conti con budget mensili ridotti,...
Economia Domestica

Come aumentare la pressione dell'acqua senza autoclave

Il problema della pressione dell'acqua, è molto comune negli impianti domestici. Aumentare la pressione dell'acqua spesso è un compito scoraggiante in quanto ci sono molte cause che riducono la pressione dell'acqua, ma esistono anche molti rimedi sorprendentemente...
Economia Domestica

Come cuocere la pasta in una pentola a pressione elettrica

La pentola a pressione elettrica rappresenta una soluzione efficace ed economica per preparare piatti veloci, sani e saporiti. I tempi di cottura si riducono, si risparmia energia, ed inoltre i cibi cotti a vapore risultano più sani e più leggeri e,...
Economia Domestica

5 modi per aumentare la pressione dell'acqua

In alcune zone d'Italia specialmente nelle regioni aride e povere di corsi d'acqua come la Sicilia, è facile che, specialmente nella stagione estiva, l'acqua cominci a scarseggiare e non ci sia una pressione tale che le permetta di defluire fino agli...
Economia Domestica

Come cucinare il pesce in una pentola a pressione

Le pentole a pressione forniscono un modo celere per cucinare i pasti; risulta infatti essere uno strumento che riesce a rendere fino a dieci volte più veloce la cottura rispetto al quella sul fornello o al forno. Queste pentole funzionano con il vapore,...
Economia Domestica

Come cuocere i legumi nella pentola a pressione

Ecco pronta una nuova guida, attraverso il cui aiuto concreto ed anche unico, poter essere in grado di capire come e cosa fare per cuocere i legumi nella pentola a pressione, nel modo più semplice, veloce ed anche pratico possibile. Cuocere i legumi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.