Come conservare lo strutto

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Come vedremo nel corso di questa guida dedicata alla cucina, lo strutto è un alimento da utilizzare in cucina con parsimonia e soprattutto con poca frequenza, in quanto ricco di grassi anche saturi e dunque poco benefici per il nostro organismo (si tratta di un alimento caratterizzato da un aspetto bianco e cremoso, con un odore e un sapore piuttosto delicato, adatto alla realizzazione di numerose pietanze e dolci). Se desideri conoscere metodi e suggerimenti su come conservare con correttezza lo strutto in cucina, ti consiglio di leggere con attenzione questo tutorial, in quanto ti fornirò preziosi consigli sull'argomento.

24

Presta attenzione alla data di scadenza

Tieni conto innanzitutto, che in genere lo strutto viene venduto nei supermercati all'interno di confezioni perfettamente sigillate e con una determinata data di scadenza. Prima di acquistare la confezione presta dunque attenzione alla data riportata in genere sul retro del prodotto, per evitare di acquistare un alimento già scaduto o in prossimità di scadenza. Dopo aver aperto la confezione ed averla utilizzata in cucina, ti consiglio di consumarlo entro 3-4 giorni al massimo, conservando il prodotto in frigorifero e con la confezione chiusa.

34

Conserva lo strutto fresco in frigorifero

Essendo lo strutto un prodotto ricavato dal grasso di maiale, è un alimento facilmente fattibile in casa (si tratta peraltro di un procedimento poco laborioso, fattibile in poco tempo e con una spesa economica poco rilevante). In questo caso, dopo aver ottenuto il liquido dal grasso ed averlo sterilizzato adeguatamente, puoi versare lo strutto dentro dei vasetti di vetro e conservarli in frigo per circa 4-5 giorni, dopo che lo strutto si sarà solidificato (tieni conto che per preparare lo strutto è sufficiente far cuocere il grasso a fuoco basso per circa 2 ore, in modo da scolarlo al termine della cottura e di riporlo in vasetti sterilizzati). Seguendo questo procedimento otterrai un prodotto grasso ma sicuramente più naturale rispetto al prodotto presente in commercio (per acquistare il grasso rivolgiti al tuo macellaio di fiducia).

Continua la lettura
44

Congela lo strutto regolamente

Se desideri conservare lo strutto a lungo tempo, e temi che si possa facilmente deteriorare, ti consiglio di congelare lo strutto regolarmente, prima della naturale scadenza. Molte persone, ritenendo che lo strutto sia un prodotto grasso e dunque non soggetto a scadenza, lo usano anche dopo la scadenza della data senza congelarlo, tuttavia sconsiglio di consumare qualsiasi alimento oltre un certo periodo di tempo, soprattutto se non congelato.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come conservare le salsicce secche

Dall’alba della civiltà, la gente ha imparato a conservare la carne utilizzando il sale. Il sale è un conservante naturale molto efficace: grazie alla sua azione disidratante, inibisce la formazione dei microrganismi che causano il deperimento del...
Economia Domestica

5 modi per conservare i cibi

Ci sono diversi metodi di conservazione dei principali prodotti alimentari che è possibile attuare a casa e che aiutano a conservare in modo più efficace il cibo a lungo termine. Questi includono l'inscatolamento, il congelamento, l'essiccazione, il...
Economia Domestica

Come conservare i cosmetici in estate

Nonostante possa sembrare banale, conservare i trucchi in estate nel modo giusto è fondamentale, soprattutto se si desidera mantenere nel tempo l'efficacia e la capacità coprente di determinati prodotti cosmetici (ad esempio di fondotinta, rossetti...
Economia Domestica

Come conservare e riutilizzare gli avanzi di cibo

Può capitare di preparare un pasto abbondante o di avere meno fame del previsto. Ci ritroviamo così con degli avanzi di cibo che non sappiamo come conservare e riutilizzare. È necessario pensare a cosa farne. Ma è importante anche sapere come conservarli....
Economia Domestica

Come conservare i semi di lino macinati

I semi di lino sono ideali per curare alcune patologie; infatti, producono un olio che si rivela particolarmente adatto per preparare delle tisane. Per ottimizzare il risultato, è però necessario prima essiccarli e poi macinarli in modo che si possano...
Economia Domestica

Come conservare il pesce

In Italia, una delle attività più praticate è sicuramente la pesca. Essendo un paese, al centro del Mediterraneo, le specie di pesce che vengono pescate sono davvero molteplici, quindi è molto facile avere sempre del pesce fresco a tavola. C'è...
Economia Domestica

Come conservare il basilico appena raccolto

In questa guida ti spiegherò in tre semplici passi come conservare il basilico appena raccolto. Infatti, spesso si hanno problemi con la conservazione del basilico, proprio per i seguenti motivi. Il basilico è una pianta dalle foglioline piccole e delicate....
Economia Domestica

Come conservare le foglie di menta

Per ottenere dei piatti saporiti in cucina, molto spesso è richiesto l'utilizzo delle spezie e delle erbe aromatiche. Le spezie e gli aromi di cucina, donano sicuramente un sapore diverso ad ogni piatto, regalando profumi e sensazioni davvero gradevoli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.