Come conservare le sarde fresche

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Le sarde, anche se ingiustamente trascurate da molti, meritano una grande considerazione sia dal punto di vista alimentare sia da quello gastronomico; non bisogna, inoltre, dimenticare, in tempi di recessione economica, il prezzo non molto elevato di questi pesci che possono essere utili a variare intelligentemente i menu quotidiani senza spendere molto, ottenendo piatti saporiti, ottimi e sostanziosi. In questa guida tratteremo un argomento molto interessante e, nello specifico, come conservare le sarde fresche.

27

Occorrente

  • Sarde
  • olio
  • salamoia
  • vaso di vetro
  • sale grosso
37

Caratteristiche della sarda

La sarda è un piccolo pesce marino, lungo al massimo 20 cm, ha corpo slanciato provvisto di squame e un colore bianco-argenteo; la si pesca specialmente da marzo a settembre quando risale in superficie e si avvicina alla costa per deporre le uova e qui rimane anche per tutto l'anno. Negli ultimi anni è stata molto rivalutata perché è un pesce azzurro che rientra nella nostra alimentazione quotidiana dato che contiene gli omega 3 molto importanti per combattere il colesterolo cattivo. La sarda deve essere acquistata e consumata molto fresca: la freschezza è un requisito importante per questo tipo di pesce perché, nonostante abbia carni gustose e pregiate, sono molto grasse e si deteriorano facilmente.

47

La sterilizzazione

Quando la sarda è fresca, va consumata entro sei-otto ore dalla pesca, cuocendola come più piace altrimenti la si impiega conservata, in genere sott'olio. Il metodo più utilizzato è la sterilizzazione: pulite, lavate e asciugate, le sarde sono immerse in una salamoia concentrata e cotte, in olio o a vapore, in modo da distruggere i microrganismi e attivare gli enzimi. Dopo il raffreddamento, sono inscatolate in un liquido (generalmente olio) e sterilizzate. Così trattate si conservano a lungo.

Continua la lettura
57

La salatura

Un altro metodo di conservazione della sarda è la salatura che si può eseguire anche a casa: procurarsi un vaso cilindrico di terracotta smaltata o di vetro e coprire il fondo con sale grosso. Adagiare a raggiera, con le code al centro, uno strato di sarde desquamate, decapitate ed eviscerate. Cospargerle di sale e proseguire alternando gli strati sino a riempire il vaso; chiudere con uno strato di sale. Dopo 40-50 giorni si può cominciare a consumarle, dopo averle raschiate con un coltellino e pulite con un panno. Così trattate le sarde si conservano per mesi e sono le protagoniste di molti piatti regionali. In salse e sughi vanno aggiunte agli altri ingredienti all'ultimo momento, dopo averle sciolte, premendo con una forchetta, in olio o burro appena scaldati.

67

Guarda il video

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come Pulire Porte E Finestre

Ecco pronta per te questa guida contenente le indicazioni per effettuare un'ottima pulizia di porte e finestre, senza tracce nè aloni. Sono riportati i metodi per pulire legno, legno smaltato lucido, alluminio, utilizzando prodotti facilmente reperibili...
Pulizia della Casa

Come trattare in casa le macchie difficili senza detersivi

Le casalinghe sanno quanto tempo e quanto costa economicamente cercare di mantenere e continuare ad indossare a lungo un capo appena acquistato. A volte però non sempre i detersivi acquistati e tanto rinomati riescono a togliere bene le macchie e a volte...
Economia Domestica

Come cuocere la pasta in una pentola a pressione elettrica

La pentola a pressione elettrica rappresenta una soluzione efficace ed economica per preparare piatti veloci, sani e saporiti. I tempi di cottura si riducono, si risparmia energia, ed inoltre i cibi cotti a vapore risultano più sani e più leggeri e,...
Arredamento

Come laccare gli oggetti di casa

Un'ottima idea per rinnovare l'ambiente e dare vita a dei mobili ormai vecchi è laccare gli stessi e anche gli oggetti di casa. Tutto ciò porterà una ventata di freschezza e se ben realizzato darà alla casa un aspetto curato, fresco e di grande stile....
Pulizia della Casa

Come pulire il pavimento del garage

Il garage è uno dei posi più amati dagli uomini, è un luogo dove poter parcheggiare la propria automobile e non solo. Solitamente diventa anche una sorta di ripostiglio dove poter riporre vecchi oggetti o conservarne di nuovi, oppure dove poter ralizzare...
Pulizia della Casa

Come rimuovere le macchie ostinate dai vestiti

Alzi la mano chi non ha mai dovuto togliere una macchia ostinata da un vestito. Indossare un vestito e sporcarsi subito dopo, mangiando magari un gelato o del cibo oleoso, accorgersi che i vestiti dei propri bambini si sono macchiati mentre giocavano...
Pulizia della Casa

Come pulire le poltrone

Pulire le poltrone da sole può essere un'attività molto leggera e veloce come una fatica erculea. Questo dipenderà dal tipo di poltrona che dovete pulire per esempio sfoderabile o non sfoderabile, dal tipo di copertura per esempio di tessuto o pelle...
Pulizia della Casa

Come pulire a fondo un banco da macellaio

Il banco del macellaio, ma in particolare tutte le aree di lavorazione del cibo crudo richiedono un po' di attenzione nella loro manutenzione e pulizia. Molto spesso infatti i residui di cibo che possono rimanere accidentalmente sul ripiano, con il passare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.