Come conservare le olive

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Le olive sono un frutto tipicamente mediterraneo e vengono coltivate nella maggior parte delle regioni italiane per produrre dell'ottimo olio, apprezzato notevolmente in tutto il mondo. La loro maturazione avviene in tardo autunno o inizio inverno, ma è possibile gustarle tutto l'anno in saporite ricette o anche semplicemente accompagnate con il pane, se vengono conservate. I metodi di conservazione sono diversi e possono essere messi in pratica facilmente. Vediamo, nella guida che segue, come conservare le olive.

25

Bollite l'acqua

Il metodo più utilizzato per le olive verdi è la salamoia, che è semplicissimo da realizzare. Fate bollire un litro di acqua e unite il sale. Una volta che l'acqua bolle, chiudete il gas e versate l'acqua nelle olive. Mescolate e riempite i barattoli di vetro. Chiudete i barattoli ermeticamente e fate bollire anche loro. Dopo due mesi dovete preparare una nuova salamoia riducendo la quantità di sale a 80 grammi per litro di acqua. Eliminate la vecchia salamoia e versate la nuova. Chiudete ermeticamente i vasetti e lasciateli riposare altri due mesi prima di consumarli.

35

Chiudete ermeticamente i barattoli

Per realizzare le olive nere sotto sale disponete uno strato di olive e ricopritele di sale; continuate a strati alterni terminando con il sale. Le olive vanno lasciate riposare per 10 giorni, ma dovete mescolarle frequentemente, ricordando che dalla cesta colerà il liquido di vegetazione. Saranno pronte quando saranno raggrinzite e non appena avranno perso tutto il loro liquido. Quando le olive nere saranno pronte da gustare, conditele con un filo di olio, una manciata di peperoncino, del finocchio e dell'origano; conservate le olive nel frigorifero in vasi a chiusura ermetica. Se invece volete preparare le olive nere al forno, dovrete lasciarle sotto sale per 5/6 giorni, risciacquatele con l'aceto bianco e ponetele sulla piastra del forno leggermente unta di olio. La cottura deve essere fatta a 150° finché non saranno aggrinzite, poi non resta che metterle in vaso di vetro con un filo d'olio e conservare in frigorifero.

Continua la lettura
45

Snocciolate le olive

È possibile conservare le olive anche sottolio. Prendete le olive, mettetele in una coppa capiente e ricopritele con l'acqua. Aggiungete un peso sulla coppa, che serve a schiacciare le olive. Ogni mattina cambiate l'acqua per addolcirle e dopo una settimana potete prepararle per la conservazione. Prendete un vasetto e mettete l'olio, snocciolate le olive e mettetele nel vasetto. Aggiungete una foglia di alloro, dell'aglio tritato e un pizzico di sale. Infine chiudete il vasetto ermeticamente e fatelo bollire per alcuni minuti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come togliere il nero delle olive dalle mani

Quando laviamo delle olive oppure tentiamo di snocciolarle, ed in particolare quelle nere, se non adottiamo delle specifiche precauzioni, corriamo il rischio di ritrovarci con le mani colorate, il che risulta poi difficile da rimuovere, anche usando...
Economia Domestica

Come conservare l'olio d'oliva

L'olio d'oliva è un ingrediente che si utilizza frequentemente in cucina sia per aromatizzare la pasta che i vari tipi di insalata. L'olio di oliva è un prodotto alimentare che viene estratto dalle olive; nella tipologia vergine si ottiene dalla spremitura...
Economia Domestica

Come conservare a lungo le alici marinate

Nell'alimentazione bisogna comprendere qualunque pietanza salutare per l'organismo umano. Sono assolutamente da consumare le verdure fresche, la frutta di stagione, la carne bianca e le varie tipologie di pesce. Con riferimento a quest'ultima categoria...
Economia Domestica

Come conservare gli alimenti in salamoia

Molti hanno la passione di preservare gli alimenti in salamoia, che possono essere olive, oppure peperoni, o ancora dei buonissimi funghi e così via dicendo. Ma prima di tutto, bisogna sapere cos'è la salamoia e sopratutto come la si può creare. La...
Economia Domestica

5 modi per conservare i cibi

Ci sono diversi metodi di conservazione dei principali prodotti alimentari che è possibile attuare a casa e che aiutano a conservare in modo più efficace il cibo a lungo termine. Questi includono l'inscatolamento, il congelamento, l'essiccazione, il...
Economia Domestica

Come conservare i cosmetici in estate

Nonostante possa sembrare banale, conservare i trucchi in estate nel modo giusto è fondamentale, soprattutto se si desidera mantenere nel tempo l'efficacia e la capacità coprente di determinati prodotti cosmetici (ad esempio di fondotinta, rossetti...
Economia Domestica

Come conservare e riutilizzare gli avanzi di cibo

Può capitare di preparare un pasto abbondante o di avere meno fame del previsto. Ci ritroviamo così con degli avanzi di cibo che non sappiamo come conservare e riutilizzare. È necessario pensare a cosa farne. Ma è importante anche sapere come conservarli....
Economia Domestica

Come conservare i semi di lino macinati

I semi di lino sono ideali per curare alcune patologie; infatti, producono un olio che si rivela particolarmente adatto per preparare delle tisane. Per ottimizzare il risultato, è però necessario prima essiccarli e poi macinarli in modo che si possano...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.