Come conservare le foglie di timo

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Le erbe aromatiche sono degli ingredienti sempre presenti nelle cucine italiane. Queste riescono ad insaporire ulteriormente i piatti, conferendo loro un sapore particolare ed un profumo inconfondibile. Molte persone avranno sicuramente qualche piantina sul balcone, da impiegare nel momento opportuno. I condimenti per le numerose ricette culinarie si possono comunque raccogliere e adoperare in un secondo tempo. A tal proposito si opta per una conservazione a lungo termine. Nel seguente tutorial vedremo dunque come conservare le foglie di timo. Una delle tecniche migliori è indubbiamente quella dell'essiccazione, quindi bisogna capire meglio tale metodologia.

27

Occorrente

  • Rametti di timo fresco
  • Contenitore a chiusura ermetica
37

Lavare i rametti di timo ed asciugare entrambi i lati delle foglie

Per conservare il timo fresco, è necessario lavarne i rametti sotto il getto d'acqua corrente. Non bisogna però staccare le foglie durante questa fase, altrimenti risulterà difficoltoso asciugarle singolarmente. Dopo aver sciacquato bene i rami di timo fresco, è possibile appoggiarli sul tavolo ed asciugarli con estrema delicatezza. Per l'asciugatura occorre impiegare un foglio di carta da cucina, tentando di rendere asciutti i due lati delle foglie. Il prosciugamento si rivela necessario qualora si decidesse di conservare il timo con il metodo dell'essiccazione. Per questo motivo, risulta fondamentale che tutta l'acqua venga rimossa dalle foglioline.

47

Rimuovere le foglie di timo e lasciarle essiccare

Dopo aver asciugato bene ciascun rametto di timo fresco raccolto dal vaso, è possibile avviare il vero processo di conservazione. Staccare le foglie dai rametti, cercando di non strapparle o danneggiarle. Prendere un vassoio molto capiente ed appoggiarvi sopra ogni foglia di timo. Per favorirne l'essiccazione, occorre lasciarle qualche giorno in un luogo fresco con un adeguato ricambio d'aria. Ogni tanto bisogna verificare se il processo di essiccazione sta avendo successo. Le foglie di timo dovrebbero assumere un colore marroncino piuttosto chiaro nel corso dei giorni. Per farle seccare totalmente, vanno rigirate e mescolate.

Continua la lettura
57

Conservare il timo in un contenitore a chiusura ermetica

Quando il processo di essiccazione termina, è possibile riporre le foglie di timo dentro un contenitore di vetro a chiusura ermetica. Per sicurezza, è meglio sterilizzarlo collocandolo in una pentola colma d'acqua e portando il tutto ad ebollizione. In questo modo, verranno rimossi gli eventuali batteri che potrebbero disturbare la giusta conservazione delle foglie di timo. Dopo aver riempito il barattolo di vetro, basterà chiuderlo ed aggiungere un'etichetta con la data di confezionamento. Adesso si può riporre nel frigorifero l'erba aromatica e lasciarla a riposo per alcuni giorni. Ecco dunque come conservare le foglie di timo.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Asciugare le foglie di timo, tamponando leggermente mediante la carta da cucina: un'eventuale pressione romperebbe le foglie e lascerebbe fuoriuscire gli oli essenziali della pianta.
  • Conservare il timo in luogo fresco e dentro contenitori rigorosamente sterilizzati.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come conservare le foglie di menta

Per ottenere dei piatti saporiti in cucina, molto spesso è richiesto l'utilizzo delle spezie e delle erbe aromatiche. Le spezie e gli aromi di cucina, donano sicuramente un sapore diverso ad ogni piatto, regalando profumi e sensazioni davvero gradevoli...
Economia Domestica

Come conservare le foglie di aloe

L'aloe è una pianta antica e da sempre considerata un toccasana per molte malattie. L'aloe è ottima da bere e da usare in molteplici modi per depurare, curare la pelle, trattare ustioni e infezioni dermatologiche ma anche in cosmesi per arricchire creme...
Economia Domestica

Come conservare le foglie di iperico

La natura ci regala tantissime piante le cui foglie opportunamente conservate e fatte macerare vengono utilizzate per svariate preparazioni cosmetiche, medicinali e culinarie. Tra queste vale la pena citare le foglie di iperico ovvero una pianta che nasce...
Economia Domestica

Come conservare le foglie di barbabietola

Quando si acquistano le barbabietole solitamente si acquista solo la parte più grossa escludendo le foglie, parte ritenuta erroneamente come scarto dell'ortaggio. A differenza di quanto si crede, le foglie della barbabietola sono non solo commestibili,...
Economia Domestica

Come conservare le foglie di girasole

Uno dei fiori senza dubbio più belli che madre natura abbia mai creato è il girasole, non soltanto per il colore così acceso, un giallo accecante, ma anche perché quando notiamo le distese immense di questi fiori, è naturale che la nostra anima sia...
Economia Domestica

Come conservare le foglie di malva

La malva è una pianta piuttosto comune e conosciuta. Di probabili origini nordafricane, si diffonde prevalentemente nelle zone subtropicali. È famosa per i suoi numerosi benefici, dovuti soprattutto alla ricchezza di mucillagini. Grazie alle quali la...
Economia Domestica

Come conservare le foglie di rabarbaro

Il rabarbaro è una pianta di tipo perenne che cresce in molti giardini e cortili; infatti, oltre ad utilizzarlo per preparare dei liquori, si può aggiungere a marmellate, gelatine, salse e crostate per dargli un certo sapore. Le foglie della pianta...
Economia Domestica

Come conservare le foglie di alloro

L'alloro è una pianta che cresce spontanea ma che può anche essere coltivata in giardino. Il nome esatto è Laurus nobilis e appartiene alla famiglia delle Lauraceae. Ad essa sono attribuite molteplici proprietà benefiche quali per esempio la capacità...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.