Come conservare le foglie di malva

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La malva è una pianta piuttosto comune e conosciuta. Di probabili origini nordafricane, si diffonde prevalentemente nelle zone subtropicali. È famosa per i suoi numerosi benefici, dovuti soprattutto alla ricchezza di mucillagini. Grazie alle quali la malva è un emolliente naturale, ad uso interno ed esterno. Si può dunque utilizzare per vari tipi di infiammazioni, dalle cutanee alle gengivali. La malva possiede anche dei validi antiossidanti, come i tannini ed i flavonoidi. Oltre alle vitamine ed ai sali minerali. Contrasta la tosse ed ha capacità lenitive, espettoranti, astringenti e lassative. Basta un infuso o un decotto di foglie di malva per lenire tossi ed infiammazioni varie. Oppure per effettuare degli sciacqui per il cavo orale. Gli infusi di malva sono ottimi da bere per attenuare raffreddori, influenze e perfino episodi di stitichezza. I residui dei decotti delle foglie di malva secche servono alla creazione di cataplasmi ad uso esterno. Da usare ogniqualvolta si presentano stati infiammatori della pelle, compresi i brufoli. È quindi importante saper conservare le foglie di malva. Ecco come procedere.

27

Occorrente

  • Foglie di malva, acqua, centrifuga per verdure, cassette di frutta, carta di giornale, grate a trama molto fitta, essiccatore, vasetti di vetro o sacchetti di carta per alimenti.
37

Raccogliere la malva

Per conservare le foglie di malva all'inizio, con molta pazienza, bisogna eseguire la raccolta della pianta. Poi occorrerà staccare le foglie isolandole dai fiori. Prestare attenzione all'eventuale presenza di insetti e rimuoverli. Le foglie della malva si staccano dallo stelo privandole del peduncolo. Dopo si lavano bene con acqua abbondante e si sgocciolano. Per velocizzare la loro asciugatura, è consigliabile l'uso di una centrifuga per verdure.

47

Essiccare le foglie

Prima di conservare le foglie di malva, bisogna essiccarle. L'essiccazione avviene all'aria aperta in una zona calda, all'ombra e priva di umidità. È meglio adoperare delle cassette per la frutta rivestite di carta di giornale. Oppure delle grate a trama fittissima sulle quali adagiarle. A costi contenuti, in alternativa si può utilizzare un apposito essiccatore puntandolo a 40°C costanti. Solitamente le foglie di malva saranno pronte entro 24/48 ore. In mancanza di questo strumento la procedura potrebbe durare più a lungo. Verificare dunque di tanto in tanto lo stato di essiccazione delle foglie di malva.

Continua la lettura
57

Conservare le foglie di malva

Una volta essiccate, si possono finalmente conservare le foglie della malva. Per la conservazione saranno molto utili dei vasetti di vetro oppure anche delle buste di carta per alimenti. È fondamentale tenerle comunque al riparo dalla luce diretta. Le foglie fresche di malva sono commestibili. Oltre a consumarle crude, si possono usare per la preparazione di zuppe e risotti. Oppure anche per realizzare il ripieno di ottime frittelle.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Si suggerisce la raccolta della malva dopo una giornata di pioggia.
  • Evitare l'uso di buste di plastica per la conservazione delle foglie di malva essiccate.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arredamento

Come arredare il bagno in stile vittoriano

Non ci possiamo meravigliare se lo stile vittoriano, con la sua tipica attenzione ai dettagli e con i suoi peculiari elementi di arredamento, tanto raffinati quanto eclettici, ancora oggi stia fornendo notevoli spunti a chi si accinge a personalizzare...
Economia Domestica

Come seccare i peperoncini piccanti

Il peperoncino fu importato dall'America dal navigatore italiano Cristoforo Colombo e divenne ben presto largamente utilizzato nella cultura culinaria europea. Anche le civiltà precolombiane, come ad esempio i Maya e gli Aztechi, ne facevano un grande...
Economia Domestica

Come essiccare e conservare le piante aromatiche

Se desideri conoscere delle valide tecniche per essiccare e conservare efficacemente le tue piante aromatiche, ti consiglio di leggere con attenzione i pochi consigli di questo tutorial, perché ti fornirò alcuni semplici consigli apparentemente banali...
Economia Domestica

Come essiccare in casa la frutta

L'essiccazione, naturale o con macchinari specifici, consente di non sprecare nulla. Metodo di conservazione antichissimo, non prevede ulteriori ingredienti come sale, olio, zucchero o aceto. Frutta e verdura non alterano i valori nutrizionali o la loro...
Economia Domestica

Come conservare le foglie di timo

Le erbe aromatiche sono degli ingredienti sempre presenti nelle cucine italiane. Queste riescono ad insaporire ulteriormente i piatti, conferendo loro un sapore particolare ed un profumo inconfondibile. Molte persone avranno sicuramente qualche piantina...
Economia Domestica

Come conservare le prugne secche

La prugna è un frutto originario dell' Asia ricco di vitamine (C, B1, B2, A) e sali minerali (potassio, calcio, magnesio e fosforo). Le prugne sono un alimento salutare e apportano numerosi benefici al nostro organismo. Svolgono un' azione antivirale...
Economia Domestica

Come congelare le fave secche

Le fave sono delle verdure che in estate trovano la stagione ideale per la coltivazione. Chi ama queste verdure sa che possono essere preparate in tanti modi diversi e che si prestano bene a mille ricette. Queste si possono utilizzare anche secche, per...
Economia Domestica

Come essiccare le fette di arance

Le fette di frutta secca come quelle dell'arancia sono un ottimo modo per conferire alla nostra casa un aspetto rustico e naturale. Ma oltre a questo, sono fragranti e possono essere aggiunte alle miscele di pot-pourri, ghirlande e festoni. Inoltre, possono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.