Come conservare le foglie di malva

Tramite: O2O 06/09/2017
Difficoltà: media
17

Introduzione

La malva è una pianta piuttosto comune e conosciuta. Di probabili origini nordafricane, si diffonde prevalentemente nelle zone subtropicali. È famosa per i suoi numerosi benefici, dovuti soprattutto alla ricchezza di mucillagini. Grazie alle quali la malva è un emolliente naturale, ad uso interno ed esterno. Si può dunque utilizzare per vari tipi di infiammazioni, dalle cutanee alle gengivali. La malva possiede anche dei validi antiossidanti, come i tannini ed i flavonoidi. Oltre alle vitamine ed ai sali minerali. Contrasta la tosse ed ha capacità lenitive, espettoranti, astringenti e lassative. Basta un infuso o un decotto di foglie di malva per lenire tossi ed infiammazioni varie. Oppure per effettuare degli sciacqui per il cavo orale. Gli infusi di malva sono ottimi da bere per attenuare raffreddori, influenze e perfino episodi di stitichezza. I residui dei decotti delle foglie di malva secche servono alla creazione di cataplasmi ad uso esterno. Da usare ogniqualvolta si presentano stati infiammatori della pelle, compresi i brufoli. È quindi importante saper conservare le foglie di malva. Ecco come procedere.

27

Occorrente

  • Foglie di malva, acqua, centrifuga per verdure, cassette di frutta, carta di giornale, grate a trama molto fitta, essiccatore, vasetti di vetro o sacchetti di carta per alimenti.
37

Raccogliere la malva

Per conservare le foglie di malva all'inizio, con molta pazienza, bisogna eseguire la raccolta della pianta. Poi occorrerà staccare le foglie isolandole dai fiori. Prestare attenzione all'eventuale presenza di insetti e rimuoverli. Le foglie della malva si staccano dallo stelo privandole del peduncolo. Dopo si lavano bene con acqua abbondante e si sgocciolano. Per velocizzare la loro asciugatura, è consigliabile l'uso di una centrifuga per verdure.

47

Essiccare le foglie

Prima di conservare le foglie di malva, bisogna essiccarle. L'essiccazione avviene all'aria aperta in una zona calda, all'ombra e priva di umidità. È meglio adoperare delle cassette per la frutta rivestite di carta di giornale. Oppure delle grate a trama fittissima sulle quali adagiarle. A costi contenuti, in alternativa si può utilizzare un apposito essiccatore puntandolo a 40°C costanti. Solitamente le foglie di malva saranno pronte entro 24/48 ore. In mancanza di questo strumento la procedura potrebbe durare più a lungo. Verificare dunque di tanto in tanto lo stato di essiccazione delle foglie di malva.

Continua la lettura
57

Conservare le foglie di malva

Una volta essiccate, si possono finalmente conservare le foglie della malva. Per la conservazione saranno molto utili dei vasetti di vetro oppure anche delle buste di carta per alimenti. È fondamentale tenerle comunque al riparo dalla luce diretta. Le foglie fresche di malva sono commestibili. Oltre a consumarle crude, si possono usare per la preparazione di zuppe e risotti. Oppure anche per realizzare il ripieno di ottime frittelle.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Si suggerisce la raccolta della malva dopo una giornata di pioggia.
  • Evitare l'uso di buste di plastica per la conservazione delle foglie di malva essiccate.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come conservare le foglie di aloe

L'aloe è una pianta antica e da sempre considerata un toccasana per molte malattie. L'aloe è ottima da bere e da usare in molteplici modi per depurare, curare la pelle, trattare ustioni e infezioni dermatologiche ma anche in cosmesi per arricchire creme...
Economia Domestica

Come conservare le foglie di iperico

La natura ci regala tantissime piante le cui foglie opportunamente conservate e fatte macerare vengono utilizzate per svariate preparazioni cosmetiche, medicinali e culinarie. Tra queste vale la pena citare le foglie di iperico ovvero una pianta che nasce...
Economia Domestica

Come conservare le foglie di timo

Le erbe aromatiche sono degli ingredienti sempre presenti nelle cucine italiane. Queste riescono ad insaporire ulteriormente i piatti, conferendo loro un sapore particolare ed un profumo inconfondibile. Molte persone avranno sicuramente qualche piantina...
Economia Domestica

Come conservare le foglie di alloro

L'alloro è una pianta che cresce spontanea ma che può anche essere coltivata in giardino. Il nome esatto è Laurus nobilis e appartiene alla famiglia delle Lauraceae. Ad essa sono attribuite molteplici proprietà benefiche quali per esempio la capacità...
Economia Domestica

Come conservare le foglie di rapa

Come ben sapete tutti, non tutte le verdure e i prodotti che vanno cucinati in cucina possono essere conservati a lungo tempo. Infatti tra i tanti alimenti che possono essere comodamente utilizzati in ambito culinario quando volete, ci sono le foglie...
Economia Domestica

Come conservare i semi di lino macinati

I semi di lino sono ideali per curare alcune patologie; infatti, producono un olio che si rivela particolarmente adatto per preparare delle tisane. Per ottimizzare il risultato, è però necessario prima essiccarli e poi macinarli in modo che si possano...
Economia Domestica

Come conservare l’insalata

Spesso, sia per motivi di lavoro che per altro, si cerca di fare la spesa sufficiente per tutta la settimana in una sola volta. Questa è una soluzione senza dubbio molto comoda, ma cosa accade ai cibi che non riescono a mantenersi freschi a lungo? Quelli...
Economia Domestica

Come conservare la verza sotto sale

Esistono varie modalità per la conservazione dei cibi, uno tra questi è quello sotto sale: è un metodo molto antico, utilizzato da centinaia e centinaia di anni. Nell'antichità, quando ancora non esistevano apparati refrigeranti, la conservazione...