Come conservare le foglie di aloe

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

L'aloe è una pianta antica e da sempre considerata un toccasana per molte malattie. L'aloe è ottima da bere e da usare in molteplici modi per depurare, curare la pelle, trattare ustioni e infezioni dermatologiche ma anche in cosmesi per arricchire creme idratanti e lenitive. Certo a volte è difficile avere a portata di mano l'aloe o magari abbiamo tante foglie ma ad un certo punto si deteriorano e restiamo senza. C'è tuttavia un modo per poterle conservare e beneficiarne in un altro momento. Ecco dunque come conservare le foglie di aloe.

25

Occorrente

  • Foglie di aloe, coltello, cucchiaio e contenitori
35

Staccare la foglia dalla pianta

La parte contenente il prezioso gel di aloe sono appunto le foglie. Conservare le foglie intere è un'impresa un po' difficile perché sono molto grandi ma conservare il gel è sicuramente un metodo migliore che permette di conservare il gel in piccoli contenitori e poterlo persino congelare. Il gel di aloe, infatti, se viene congelato conserva praticamente intatte tutte le sue proprietà e si può scongelare in piccole quantità se lo mettete ad esempio nei contenitori per i cubetti di ghiaccio. Per prima cosa bisogna procurarsi una pianta di aloe o sfruttare quella che avete e tagliare una foglia.

45

Tagliare la foglia

Dopo il taglio, mettete la foglia in un contenitore in posizione un po' inclinata per una decina di minuti. In questo modo la linfa inizierà a scendere. Quando vedrete che la linfa arriva giù, posizionate la foglia su un piano e iniziate a incidere da cima a fondo per lungo con un coltello ben affilato. In questo modo potete dividere le due parti della foglia all'interno della quale si trova il gel. Adesso è arrivato il momento di raccoglierlo e conservarlo.

Continua la lettura
55

Raccogliere e conservare il gel

L'operazione è un po' delicata perché bisogna rimuovere solo il gel e non la linfa. Per procedere, prendete un cucchiaio da burro e iniziate a raccogliere la linfa piano piano passando il cucchiaio sulla superficie della foglia. Ora potete conservare il gel in un contenitore di vetro o congelarlo in piccole dosi in modo da utilizzarlo quando serve. Per evitare che il gel perda la sua brillantezza bisogna metterlo in un contenitore di vetro verde scuro o aggiungere qualche goccia di vitamina E oppure acido citrico in polvere. Se verrà conservato in frigo il gel durerà un paio di settimane ma se lo congelerete ne usufruirete per alcuni mesi. Scongelandolo a poco a poco lo potete utilizzare per fare creme, per usarlo puro e per spalmarlo al bisogno. È un rimedio naturale eccellente e non contiene sostanze nocive e dannose per la vostra pelle.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come conservare le foglie di barbabietola

Quando si acquistano le barbabietole solitamente si acquista solo la parte più grossa escludendo le foglie, parte ritenuta erroneamente come scarto dell'ortaggio. A differenza di quanto si crede, le foglie della barbabietola sono non solo commestibili,...
Economia Domestica

Come conservare le foglie di dragoncello

In cucina spesso è necessario utilizzare parecchie spezie per dare molto più sapore ai piatti. Le spezie sono fondamentali per insaporire ogni pietanza e per dare la giusta piccantezza e la giusta particolarità sia a un ottimo primo piatto, che a un...
Economia Domestica

Come conservare le foglie di girasole

Uno dei fiori senza dubbio più belli che madre natura abbia mai creato è il girasole, non soltanto per il colore così acceso, un giallo accecante, ma anche perché quando notiamo le distese immense di questi fiori, è naturale che la nostra anima sia...
Economia Domestica

Come conservare le foglie di rabarbaro

Il rabarbaro è una pianta di tipo perenne che cresce in molti giardini e cortili; infatti, oltre ad utilizzarlo per preparare dei liquori, si può aggiungere a marmellate, gelatine, salse e crostate per dargli un certo sapore. Le foglie della pianta...
Economia Domestica

Come conservare le foglie di malva

La malva è una pianta piuttosto comune e conosciuta. Di probabili origini nordafricane, si diffonde prevalentemente nelle zone subtropicali. È famosa per i suoi numerosi benefici, dovuti soprattutto alla ricchezza di mucillagini. Grazie alle quali la...
Economia Domestica

Come conservare le foglie di timo

Le erbe aromatiche sono degli ingredienti sempre presenti nelle cucine italiane. Queste riescono ad insaporire ulteriormente i piatti, conferendo loro un sapore particolare ed un profumo inconfondibile. Molte persone avranno sicuramente qualche piantina...
Economia Domestica

Come conservare le foglie di alloro

L'alloro è una pianta che cresce spontanea ma che può anche essere coltivata in giardino. Il nome esatto è Laurus nobilis e appartiene alla famiglia delle Lauraceae. Ad essa sono attribuite molteplici proprietà benefiche quali per esempio la capacità...
Economia Domestica

Come conservare le foglie di rapa

Come ben sapete tutti, non tutte le verdure e i prodotti che vanno cucinati in cucina possono essere conservati a lungo tempo. Infatti tra i tanti alimenti che possono essere comodamente utilizzati in ambito culinario quando volete, ci sono le foglie...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.