Come conservare le erbe aromatiche sotto sale

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Come vedremo nel corso di questo tutorial dedicato alla cucina e al fai da te, le erbe aromatiche possono essere conservate in una moltitudine di modi, utilizzando come base l'aceto, l'olio e persino il sale. Si tratta di modi diversi ma tutti efficaci e capaci di mantenere il sapore delle erbe aromatiche inalterate nel tempo, anche nel caso in cui dopo la conservazione si preferisce congelarle. Nel corso di questa guida in particolare, vedremo come sia possibile conservare le erbe aromatiche sotto sale, con pochi e semplici passi e senza commettere errori che possano comprometterne la genuinità e il sapore.

25

Lava le erbe aromatiche

La prima cosa fondamentale da fare per conservare nel tempo le erbe aromatiche, consiste nel lavarle accuratamente sotto l'acqua corrente. Successivamente asciugale con l'aiuto di un panno pulito di cotone e lasciale per un paio d'ore all'aria aperta, in modo che asciughino ulteriormente e in modo ottimale. Adesso puoi passare alle fasi successive, ovvero alla scelta del metodo di conservazione delle erbe, utilizzando naturalmente il sale come metodo di conservazione.

35

Crea degli strati di foglie e sale

Tieni conto che la conservazione sotto sale delle erbe aromatiche si può attuare in due modi, entrambi efficaci e semplici da realizzare. Il primo modo consiste nel realizzare degli strati di erbe aromatiche, utilizzando un contenitore di vetro medio su cui adagiare un primo strato di foglie e immediatamente dopo il sale (un cucchiaio per ogni strato), in modo da continuare allo stesso modo per altri 3-4 strati. Gli strati così composti dovranno essere ricoperti con della pellicola trasparente o in alluminio, per almeno 7 giorni. Le foglie ottenute da questo procedimento saranno perfette soprattutto per i soffritti.

Continua la lettura
45

Pesta le erbe in un mortaio

Il secondo metodo efficiente che ti consente di conservare le erbe sotto sale, consiste nel pestarle insieme al sale con l'ausilio di un mortaio, in modo da ottenere un composto omogeneo (una volta ottenuto il composto dovrai versarlo all'interno di un contenitore di vetro, in modo da lasciarlo riposare per almeno 2-3 giorni). Il sale aromatizzato così ottenuto può essere usato per arricchire il sapore della carne e del pesce.

55

Le principali erbe da conservare sotto sale

Ricorda infine, che le principali tipologie di erbe aromatiche che puoi conservare con i procedimenti suddetti sono costituite innanzitutto dall'erba cipollina, dal cappero, dal prezzemolo, dall'origano e dal rosmarino. In realtà sono tante le erbe che puoi conservare con l'aiuto del sale, scegli soprattutto in base ai tuoi gusti personali.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come fare un centrotavola con erbe aromatiche

Se avete la passione per le piante, potete creare ad esempio un centrotavola con delle erbe aromatiche; infatti, per fare questo lavoro basta soltanto reperire alcuni materiali ed adottare dei piccoli accorgimenti in fase di preparazione. A tale proposito,...
Economia Domestica

Come conservare le piante aromatiche

Il termine di pianta aromatica indica quella pianta che ha odore gradevole e serve per caratterizzare alcune pietanze con il suo profumo essenziale. Alcune piante non vengono impiegate in ambito culinario solo per dare un tocco originale al piatto, ma...
Economia Domestica

Come essiccare e conservare le piante aromatiche

Se desideri conoscere delle valide tecniche per essiccare e conservare efficacemente le tue piante aromatiche, ti consiglio di leggere con attenzione i pochi consigli di questo tutorial, perché ti fornirò alcuni semplici consigli apparentemente banali...
Economia Domestica

Come conservare il sale

Il sale, chimicamente parlando, è un composto cristallino a base di cloruro di sodio, reperibile in natura e di uso molto comune; tra i suoi utilizzi più diffusi, ricordiamo l’esaltazione dei sapori delle pietanze e la conservazione degli alimenti...
Economia Domestica

Come conservare i funghi sotto sale

Dopo aver raccolto i funghi selvatici, sorge il problema di come conservarli, specie se il raccolto è piuttosto grande. Ci sono diversi metodi diversi per preservare i funghi, i quali vengono conservati per estendere la loro durata. I funghi freschi,...
Economia Domestica

Come conservare il basilico sotto sale

Come vedremo nel corso di questa guida, preparare il basilico sotto sale è un procedimento facile ed economico, che ci consente di usare questo prezioso alimento per insaporire le nostre pietanze nel lungo periodo, ovvero per arricchire numerose portate...
Economia Domestica

Come conservare la verza sotto sale

Esistono varie modalità per la conservazione dei cibi, uno tra questi è quello sotto sale: è un metodo molto antico, utilizzato da centinaia e centinaia di anni. Nell'antichità, quando ancora non esistevano apparati refrigeranti, la conservazione...
Economia Domestica

Come conservare le sardine sotto sale

Quando si tratta di cibo, è molto importante conoscere i principali metodi con cui esso va conservato. Grazie a diverse tecniche, possiamo gustare una vasta gamma di alimenti anche a distanza di mesi dalla loro preparazione. Il pesce, ad esempio, richiede...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.