Come conservare le decorazioni di isomalto

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Quando passiamo davanti a delle pasticcerie rinomate e osserviamo dei dolci che somigliano a dei veri e propri capolavori artistici, talvolta non sappiamo che quei dolci sono stati realizzati con una tecnica molto particolare che dona loro lucentezza e consistenza simile al vetro, ma si tratta di qualcosa di tranquillamente commestibile. In primis, dobbiamo considerare che la strategia concorrente di esporre in vetrina dei dolci così belli a vedersi è molto importante: agli occhi di qualsiasi passante quella sarà una pasticceria ben curata. Che realizza dolci esteticamente splendidi; inoltre c'è da considerare il fatto che non tutte le pasticcerie sanno utilizzare o scelgono di utilizzare l'isomalto per le loro creazioni.
L'isomalto dunque è una specie di zucchero molto particolare che è conosciuto nel linguaggio chimico con la nomenclatura E953. Noi ci occuperemo di fornirvi informazioni circa il come conservare le decorazioni di isomalto. Non abbiate timore: le prime volte vi risulterà strano approcciarsi a questo particolare materiale ma poi vedrete che lavorare l'isomalto sarà un gioco da ragazzi.
Non perdiamo ulteriore tempo e andiamo alla scoperta del mondo di questo zucchero a forma cristallina. Considerate, naturalmente, che una volta costituito l'isomalto (solo se insieme al silicone o al gel), non saranno più dolci mangiabili perché il composto chimico sarà diventato tossico. Dunque sarà una creazione del tutto estetica, diversa dalla pasta di zucchero comunemente commestibile.
Ecco a voi i 3 passi che completano questa guida, buona lettura!

26

Conservarlo in una teca

Abbiamo fin qui visto che spesso è preferibile utilizzare l'isomalto per dare un tocco di creatività maggiore e di lucentezza alle nostre opere. Dobbiamo cercare di capire come è possibile conservarlo.
La prima cosa che dovete sapere è che potrà essere tranquillamente conservato in una teca, l'importante è aver passato sull'isomalto un po' di sali o del gel per isolarlo dagli agenti atmosferici.

36

Imballarlo in fogli di giornale

Se avete voglia di conservare la vostra creazione in isomalto, sappiate che anche i fogli di giornale assorbiranno l'umidità e dunque non faranno sciupare la consistenza della vostra creazione. Non preoccupatevi del tipo di foglio e avvolgete quello che avete creato con l'isomalto in più di un foglio di giornale, in modo tale da creare un livello abbastanza spesso per conservare al meglio la consistenza.

Continua la lettura
46

Riporlo in frigo

Infine non potevamo dimenticare un'ultima tecnica di conservazione dell'isomalto, che consiste essenzialmente nella tenuta in frigo. Abbiamo detto che una volta cosparso l'isomalto con del gel o del silicone, questo non è più commestibile; al di fuori di questo caso, però, l'isomalto è tranquillamente commestibile, quindi potrete conservare il dolce anche per qualche giorno in frigo.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Idee per regali di Natale fatti a mano

Con l'avvicinarsi del Natale, nasce la preoccupazione di cosa regalare ai propri amici e familiari. La tecnica del fai da te va molto di moda ultimamente! Con essa è possibile realizzare vere e proprie opere d'arte con le proprie mani. Conserve, biscotti,...
Economia Domestica

Come pulire e tagliare i porri

Quando al mercato acquistiamo i porri ed intendiamo utilizzarli per sfruttare il loro sapore di cipolla dolce e delicato, e soprattutto preparare delle gustose ricette, è necessario pulirli e tagliarli accuratamente. A tale proposito, ecco una guida...
Economia Domestica

Come pulire le cime di rapa

Le cime di rapa sono degli ortaggi coltivati in particolare nel sud Italia e la loro parte commestibile sono le foglie, i boccioli e i fiori. Se desideri cucinare le orecchiette alle cime di rapa o qualsiasi altro piatto che contiene questo gustoso ortaggio,...
Economia Domestica

Come pelare le patate velocemente

La patata è un tubero commestibile, molto utilizzato in cucina nella preparazione di differenti piatti sia primi che contorni o piatti unici. In genere viene utilizzata senza buccia, solo nel caso si trattasse di patate novelle, è possibile lasciarla....
Pulizia della Casa

Olio per manutenzione del legno di frassino

Il legno di frassino presenta delle qualità che permettono il suo impiego in diversi settori. Si tratta, infatti, di un tipo di legname molto resistente e allo stesso tempo flessibile e leggero. Il suo colore è relativamente chiaro (oscilla tra biondo...
Esterni

Come eliminare le erbacce dalla ghiaia

La ghiaia, si usa spesso per creare delle strade e dei viottoli ordinati, che permettono di far circolare persone e mezzi, senza sporcarsi con la terra o con il fango. La ghiaia copre perfettamente il terreno, riesce a mantenerlo secco e permette il transito...
Economia Domestica

Come riutilizzare gli avanzi di cibo in cucina

Una caratteristica della cucina casalinga di un tempo, soprattutto di quella contadina e del dopoguerra, era la capacità di riutilizzare gli avanzi di pranzi e cene, per creare saporite e prelibate pietanze. In quelle condizioni ed a quel tempo l’imperativo...
Pulizia della Casa

Come allontanare le formiche in casa con un metodo naturale

Non è raro trovare qualche stanza della casa invasa dalle simpatiche formiche, ospiti inattesi che si rifugiano nei mesi caldi nelle credenze, per reperire laboriosamente il cibo con cui nutrirsi durante l'inverno. Le possiamo vedere nei luoghi più...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.