Come conservare la pastiera cotta

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Molti sono i dolci della tradizione italiana che possono essere gustati in ogni occasione e possono essere consumati per le varie festività. Tra i vari dolci della tradizione napoletana ad esempio, non può non essere nominata la classica pastiera. Si tratta di un dolce a base di ingredienti molto delicati come ad esempio la ricotta, il latte, le uova e la frutta candita. Questi ingredienti possono sicuramente rendere un dolce delizioso e delicato, ma non possono restare freschi per parecchi giorni. In questa breve guida, a tal proposito vi spiegheremo come poter conservare la pastiera napoletana cotta per mantenerla fresca qualche giorno in più.

26

Tagliare e coprire la pastiera

Per conservare in maniera ermetica la pastiera napoletana, è consigliato sempre tagliarla prima a fette o a pezzi più o meno grandi, per facilitarvi la successiva copertura e conservazione dei pezzi di pastiera. È importante tagliare in maniera precisa la pastiera, senza sbriciolarla, per conservarla in maniera precisa e mantenerla sempre integra e compatta. Una volta che avrete tagliato la pastiera in pezzi più o meno uguali, dovrete ricoprirla con dei fogli di carta d'alluminio. Ogni foglio dovrà ricoprire un pezzo di pastiera, in modo tale da poterla conservare senza problemi. Potete anche utilizzare della carta da forno o della pellicola trasparente, per ricoprire ogni pezzo di pastiera perfettamente.

36

Utilizzare il frigo

La pastiera è un dolce formato da ingredienti molto morbidi. Si tratta di una soffice pasta frolla farcita con una crema a base di ricotta e uova. Questi ingredienti per mantenersi sempre più o meno freschi e durare più a lungo, possono tranquillamente essere conservati in frigorifero per massimo tre giorni. Ovviamente la pastiera conservata in frigorifero, avrà una consistenza leggermente più dura perché tutti gli ingredienti morbidi diventeranno più sodi grazie alla freschezza e alle temperature basse del frigorifero. Dopo tre giorni in frigorifero, la pastiera comincerà a diventare immangiabile quindi cercate di consumarla nel più breve tempo possibile.

Continua la lettura
46

Utilizzare il congelatore

Un ulteriore modo per poter conservare la pastiera napoletana cotta e mantenerla per qualche giorno in più sempre fresca e mangiabile, è quello di riporla all'interno del congelatore. Dopo aver tagliato a pezzi la pastiera cotta e dopo averla ricoperta con della carta d'alluminio, potrete disporla all'interno del congelatore e conservarla anche per una ventina di giorni.

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Coprite sempre bene la pastiera prima di riporla in freezer o in frigorifero.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come conservare lo zenzero sott'olio

Probabilmente avete acquistato un grande pezzo di radice di zenzero fresco. Ma sapete bene che non lo userete tutto, ma solo un pizzico per ogni ricetta. Proprio per questo un pezzo di radice di zenzero potrebbe consumarsi tutto dopo diverse settimane....
Economia Domestica

5 modi per conservare i cibi

Ci sono diversi metodi di conservazione dei principali prodotti alimentari che è possibile attuare a casa e che aiutano a conservare in modo più efficace il cibo a lungo termine. Questi includono l'inscatolamento, il congelamento, l'essiccazione, il...
Economia Domestica

Come conservare i cosmetici in estate

Nonostante possa sembrare banale, conservare i trucchi in estate nel modo giusto è fondamentale, soprattutto se si desidera mantenere nel tempo l'efficacia e la capacità coprente di determinati prodotti cosmetici (ad esempio di fondotinta, rossetti...
Economia Domestica

Come conservare e riutilizzare gli avanzi di cibo

Può capitare di preparare un pasto abbondante o di avere meno fame del previsto. Ci ritroviamo così con degli avanzi di cibo che non sappiamo come conservare e riutilizzare. È necessario pensare a cosa farne. Ma è importante anche sapere come conservarli....
Economia Domestica

Come conservare le olive

Le olive sono delle bacche tipicamente mediterranee, e vengono coltivate nella maggior parte delle regioni italiane ma anche in Grecia e Spagna per produrre dell'ottimo olio apprezzato in tutto il mondo. La loro maturazione avviene in tardo autunno o...
Economia Domestica

Come conservare i semi di lino macinati

I semi di lino sono ideali per curare alcune patologie; infatti, producono un olio che si rivela particolarmente adatto per preparare delle tisane. Per ottimizzare il risultato, è però necessario prima essiccarli e poi macinarli in modo che si possano...
Economia Domestica

Come conservare il pesce

In Italia, una delle attività più praticate è sicuramente la pesca. Essendo un paese, al centro del Mediterraneo, le specie di pesce che vengono pescate sono davvero molteplici, quindi è molto facile avere sempre del pesce fresco a tavola. C'è...
Economia Domestica

Come conservare il basilico appena raccolto

In questa guida ti spiegherò in tre semplici passi come conservare il basilico appena raccolto. Infatti, spesso si hanno problemi con la conservazione del basilico, proprio per i seguenti motivi. Il basilico è una pianta dalle foglioline piccole e delicate....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.