Come conservare la pasta frolla fatta in casa

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La pasta frolla rappresenta la base di molte ricette gastronomiche, soprattutto per i dolci. Il suo impiego in cucina è versatile e variegato, consente di preparare più pietanze e proprio per questo motivo è molto utile prepararne un po' di più in modo da poterla usare all'occorrenza. Ad ogni modo per far sì che si mantenga buona, malleabile per lavorarla e non vada a male, ci sono delle norme igieniche e di buon senso da adottare. Nella guida che segue, quindi, potrete leggere come conservare la pasta frolla fatta in casa.

26

Occorrente

  • Sacchetti per alimenti
  • Molletta, clip o elastico
  • Contenitore con chiusura ermetica
  • Carta e penna
36

Conservazione della pasta frolla per pochi giorni: in frigorifero

Se intendete conservare la pasta frolla per pochi giorni, la potete riporre in frigorifero. Può restare all'interno di questo per un massimo di 4/5 giorni e non di più. Per far sì che il procedimento sia ottimale create con la pasta frolla una massa unica o delle "palline", a seconda della misura che vi interessa. Utilizzate dei sacchetti per alimenti, disponete la pasta frolla e chiudete il tutto con una clip, una molletta o con un elastico, potete scegliere il metodo che preferite l'importante è che siano ben chiuse. Nel caso in cui abbiate scomposto la pasta frolla in più panetti, sigillateli singolarmente, ossia inserite una "pallina" per ogni sacchetto e non tutte insieme. Fatto questo, riponete il tutto nel ripiano centrale del frigorifero, quello più fresco.

46

Conservazione della pasta frolla per più tempo: in freezer

Se invece intendete conservare la pasta frolla fatta in casa per più tempo, allora potete riporre il tutto direttamente nel freezer. Seguite lo stesso procedimento eseguito nel passo precedente, per la conservazione della pasta frolla per pochi giorni, ma aggiungete altri due step. Una volta messe le panette di pasta frolla nei sacchetti alimentari, riponeteli in un contenitore che abbia una buona chiusura, meglio se ermetica. Sopra, mettete un'etichetta, dove andrete ad indicare la data in cui state riponendo la pasta frolla nel freezer. Non deve stare più di 2/3 mesi, quindi regolatevi in base a questo, magari fatevi un appunto sull'etichetta in modo da non sbagliare.

Continua la lettura
56

La lavorazione della pasta frolla post-conservazione

Se lavorate la pasta frolla che precedentemente avete conservato in frigorifero, sarà sufficiente tirarla fuori 2/3 h prima al massimo. Più fredda sarà, meglio vi verrà la lavorazione, ma ovviamente non deve essere eccessivamente dura. Se invece avete conservato la pasta frolla in freezer, tiratela fuori la sera prima e riponetela in frigorifero, assolutamente no a temperatura ambiente, quindi anch'essa tiratela fuori 2/3 h prima. Un ultimo consiglio: non dimenticate che così come è molto importante organizzare i cibi in cucina, di conseguenza anche la conservazione degli alimenti assume un valore piuttosto significativo.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Quando tirate fuori la pasta frolla assicuratevi di avere le mani fresche e non calde, in quanto più la si lavora fresca e fredda, meglio sarà.
  • Se vi sembra eccessivamente dura quando la lavorate con il matterello, attendete qualche istante ulteriore (massimo 10/15 minuti) ma non troppo.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come conservare i biscotti

I biscotti sono degli alimenti preparati in una vasta gamma di sapori e di stili, con l'impiego di vari ingredienti tra cui zucchero, spezie, cioccolato, noci o frutta secca. La morbidezza del biscotto dipende soprattutto dal grado di cottura. La prima...
Economia Domestica

Come conservare la pastiera cotta

Molti sono i dolci della tradizione italiana che possono essere gustati in ogni occasione e possono essere consumati per le varie festività. Tra i vari dolci della tradizione napoletana ad esempio, non può non essere nominata la classica pastiera. Si...
Economia Domestica

Come conservare gli gnocchi fatti in casa

Se amate realizzare in casa della pasta fresca come ad esempio gli gnocchi, ed intendete poi conservarne un buon quantitativo senza cuocerli, potete adottare alcuni semplici e funzionali accorgimenti. Si tratta infatti, di seguire delle linee guida ben...
Economia Domestica

Come conservare e riutilizzare gli avanzi di cibo

Può capitare di preparare un pasto abbondante o di avere meno fame del previsto. Ci ritroviamo così con degli avanzi di cibo che non sappiamo come conservare e riutilizzare. È necessario pensare a cosa farne. Ma è importante anche sapere come conservarli....
Economia Domestica

5 modi per conservare i cibi

Ci sono diversi metodi di conservazione dei principali prodotti alimentari che è possibile attuare a casa e che aiutano a conservare in modo più efficace il cibo a lungo termine. Questi includono l'inscatolamento, il congelamento, l'essiccazione, il...
Economia Domestica

Come conservare il pesce

In Italia, una delle attività più praticate è sicuramente la pesca. Essendo un paese, al centro del Mediterraneo, le specie di pesce che vengono pescate sono davvero molteplici, quindi è molto facile avere sempre del pesce fresco a tavola. C'è...
Economia Domestica

Come conservare i vasetti di pesto

Preparare in casa delle conserve è un ottimo modo per mangiare sempre in modo sano ed equilibrato. Utilizzando degli ingredienti freschi e genuini è possibile preparare qualsiasi salsa, che può essere utilizzata per condire la pasta, dei crostini,...
Economia Domestica

Come conservare lo zenzero sott'olio

Probabilmente avete acquistato un grande pezzo di radice di zenzero fresco. Ma sapete bene che non lo userete tutto, ma solo un pizzico per ogni ricetta. Proprio per questo un pezzo di radice di zenzero potrebbe consumarsi tutto dopo diverse settimane....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.