Come conservare la crema pasticcera

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La crema pasticcera è un ingrediente unico nel reparto dolciario. Riesce a guarnire, farcire ed insaporire centinaia di dolci e ricette, con il suo gusto fantastico e la sua leggerezza. Apprezzato da tantissimi, si può preparare anche in casa. E può capitare di prepararne in eccesso per i vostri dolci. In questi casi, potreste chiedervi come conservare la crema pasticcera e mantenerla gustosa e morbida. In questa guida vedremo alcuni consigli per realizzare l'operazione e conservare al meglio la deliziosa crema.

26

Occorrente

  • Pellicola
  • Contenitore di vetro o acciaio
  • Carta forno
  • Elastico
36

Far raffreddare la crema

Prima di tutto è importante travasare la crema pasticcera appena preparata in un contenitore differente. In questo modo potrà raffreddarsi più rapidamente ed essere meglio conservata. Tuttavia l'impatto con il recipiente freddo potrebbe far formare sulla superficie della crema una sorta di pellicola, leggermente più secca del resto della crema. Per evitare questo inconveniente potete mescolare delicatamente la crema ogni 5 minuti a seconda della situazione. Procedete così, fin quando non sarà completamente fredda. Questo processo è importante per poterla mettere più velocemente al fresco e mantenerla.

46

Riporre la crema al fresco

Dopo aver utilizzato la crema per i dolci, non vi resta che mettere da parte quella in eccesso. Ricopritela in superficie con uno strato di pellicola solo quando sarà completamente fredda. E a questo punto potete finalmente metterla nel frigorifero. Un'altra possibilità è scegliere un contenitore ermetico, che consente di metterla in frigorifero senza applicare alcuna pellicola. La cosa importante resta sempre conservarla al fresco: la temperatura bassa del frigo potrà evitare il deterioramento degli ingredienti, mantenendola buona per più tempo.

Continua la lettura
56

Assicurarsi che la crema sia ancora buona

Prima di usare di nuovo la crema nelle vostre ricette, dovete essere sicuri che si sia conservata bene. Se ha assunto un colore diverso o se è troppo liquefatta o bagnata, può essere che sia andata a male. Questa situazione ha maggiori possibilità di capitare se avete cercato di conservarla per oltre 4 giorni. Per prima cosa annusate, per assicurarvi che non ci sia odore di marcio tipico delle uova. Analizzate come detto il colore, e se siete in dubbio, forse è il caso di gettarla per evitare mal di pancia. Ricordate che è sempre meglio preparare dosi adeguate di crema pasticcera, in modo da non averne troppa in eccesso. Eviterete così di dover conservare un quantitativo che risulta difficile da consumare nei giorni appena successivi.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prima di utilizzare la crema assicurati sempre che risulti commestibile.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come conservare i biscotti fatti in casa

Gli amanti della cucina, che adorano preparare ricette sempre nuove e fantasiose dal salato al dolce, sono soliti dedicarsi anche alla preparazione di dolci fatti in casa, molto più buoni e genuini di quelli acquistati. Tra le ricette di dolci più semplice...
Economia Domestica

Come conservare il tartufo nero sott'olio

Il tartufo è un elemento culinario pregiato: si trova sottoterra, nei boschi, da trovare solo da parte di esperti grazie all'aiuto dei cani ben addestrati a sentirne l'odore. Questo ne fa un alimento importante che richiede un prezzo al peso non indifferente....
Economia Domestica

Come conservare i limoni senza buccia

I limoni sono agrumi aromatici ed aciduli, e sono frutti che hanno un sapore mediterraneo particolarmente versatili nelle preparazioni di cucina. I limoni si adattano alla preparazione di ottimi gelati, dolci, marmellate, primi a base di pesce, secondi...
Economia Domestica

Come conservare i limoni sotto zucchero

I limoni sono degli agrumi molto apprezzati e versatili. Questo frutto non deve mai mancare in cucina. Il suo succo dal tipico sapore acidulo da sempre condisce sia il dolce, che il salato. Dal pesce, alla carne, alla crema, il limone è insostituibile....
Economia Domestica

Come conservare i cosmetici in estate

Nonostante possa sembrare banale, conservare i trucchi in estate nel modo giusto è fondamentale, soprattutto se si desidera mantenere nel tempo l'efficacia e la capacità coprente di determinati prodotti cosmetici (ad esempio di fondotinta, rossetti...
Economia Domestica

5 modi per conservare i cibi

Ci sono diversi metodi di conservazione dei principali prodotti alimentari che è possibile attuare a casa e che aiutano a conservare in modo più efficace il cibo a lungo termine. Questi includono l'inscatolamento, il congelamento, l'essiccazione, il...
Economia Domestica

Come conservare e riutilizzare gli avanzi di cibo

Può capitare di preparare un pasto abbondante o di avere meno fame del previsto. Ci ritroviamo così con degli avanzi di cibo che non sappiamo come conservare e riutilizzare. È necessario pensare a cosa farne. Ma è importante anche sapere come conservarli....
Economia Domestica

Come conservare i semi di lino macinati

I semi di lino sono ideali per curare alcune patologie; infatti, producono un olio che si rivela particolarmente adatto per preparare delle tisane. Per ottimizzare il risultato, è però necessario prima essiccarli e poi macinarli in modo che si possano...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.