Come conservare la bottarga di tonno

Tramite: O2O 14/08/2017
Difficoltà: media
15

Introduzione

La bottarga è un alimento prodotto principalmente in Sardegna e in Sicilia e viene fatto utilizzando le uova di muggine o di tonno. Dal pesce femmina viene tolta con molta attenzione la sacca ovarica e adagiata su una tavola di legno stagionato finché non diventa completamente bianca. Dopo di che si coprono con un'altra tavola di legno con sopra grossi e pesanti sassi per comprimere la sacca e permettere al sale di penetrare all'interno. Dopo 10/15 giorni si lasciano asciugare all'aria aperta e poi fatte stagionare per 60/90 giorni in un luogo asciutto e ventilato. Si lavano per togliere il sale in eccesso e sono pronte per la consumazione. Qui di seguito vedremo come conservare la bottarga di tonno.

25

Occorrente

  • 500 grammi di bottarga di tonno fresca - 3 litri di acqua - 240 grammi di sale grosso e olio quanto basta
35

Conservazione in frigorifero

Uno dei metodi più semplici di conservazione della bottarga consiste nell'avvolgere il prodotto in fogli di alluminio e posizionarlo nella parte meno fredda del frigorifero. Si può mantenere così per diversi mesi. Per garantirne il sapore possiamo mettere la bottarga sott'olio in un barattolo da conservare in frigorifero per un massimo di 20 giorni. L'olio si può successivamente filtrare e consumare anche dopo alcuni mesi.

45

Preparazione sott'olio

Con un coltello molto affilato tagliamo la bottarga in due e lasciamo spurgare in una grande recipiente per una intera notte nel frigorifero. Il giorno dopo tagliamo delle fette spesse almeno 4 cm e mettiamole in un recipiente molto capiente, copriamole con l'acqua e aggiungiamo il sale grosso (circa 80 grammi per litro d'acqua). Copriamo la pentola, portiamo ad ebollizione e lasciamo cuocere per circa 30 minuti. Togliamo le uova e mettiamole su un canovaccio ad asciugare in un luogo fresco per almeno un giorno. Puliamo la bottarga dalla membrana esterna e mettiamola in vasetti sterilizzati lasciando un centimetro al bordo. Riempiamo con olio di oliva e mettiamo i vasetti chiusi in acqua abbondante e lasciamo bollire per altri 30 minuti. Spegniamo e lasciamo raffreddare i vasetti direttamente nella pentola. Devono passare almeno 15 giorno prima del loro utilizzo.

Continua la lettura
55

Caratteristiche

La bottarga di tonno ha un sapore più intenso e forte rispetto alla bottarga di muggine. Il colore è scuro e tendente al rosso. Il periodo di produzione solitamente è dopo la mattanza dei tonni che avviene nel mese di maggio. È ricca di omega 3 e aiuta a mantenere sano il sistema scheletrico e circolatorio. Le calorie in 100 g di prodotto sono solo 127. La bottarga viene venduta in sacche intere chiamate "baffe" di almeno 100 grammi e devono essere perfette sia nella forma che nel colore. Al posto delle baffe, molto costose, si può utilizzare la bottarga in polvere di qualità inferiore. La bottarga di tonno è venduta anche a tranci.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

5 modi per conservare i cibi

Ci sono diversi metodi di conservazione dei principali prodotti alimentari che è possibile attuare a casa e che aiutano a conservare in modo più efficace il cibo a lungo termine. Questi includono l'inscatolamento, il congelamento, l'essiccazione, il...
Economia Domestica

Come conservare i cosmetici in estate

Nonostante possa sembrare banale, conservare i trucchi in estate nel modo giusto è fondamentale, soprattutto se si desidera mantenere nel tempo l'efficacia e la capacità coprente di determinati prodotti cosmetici (ad esempio di fondotinta, rossetti...
Economia Domestica

Come conservare e riutilizzare gli avanzi di cibo

Può capitare di preparare un pasto abbondante o di avere meno fame del previsto. Ci ritroviamo così con degli avanzi di cibo che non sappiamo come conservare e riutilizzare. È necessario pensare a cosa farne. Ma è importante anche sapere come conservarli....
Economia Domestica

Come conservare le olive

Le olive sono delle bacche tipicamente mediterranee, e vengono coltivate nella maggior parte delle regioni italiane ma anche in Grecia e Spagna per produrre dell'ottimo olio apprezzato in tutto il mondo. La loro maturazione avviene in tardo autunno o...
Economia Domestica

Come conservare i semi di lino macinati

I semi di lino sono ideali per curare alcune patologie; infatti, producono un olio che si rivela particolarmente adatto per preparare delle tisane. Per ottimizzare il risultato, è però necessario prima essiccarli e poi macinarli in modo che si possano...
Economia Domestica

Come conservare il basilico appena raccolto

In questa guida ti spiegherò in tre semplici passi come conservare il basilico appena raccolto. Infatti, spesso si hanno problemi con la conservazione del basilico, proprio per i seguenti motivi. Il basilico è una pianta dalle foglioline piccole e delicate....
Economia Domestica

Come conservare le foglie di menta

Per ottenere dei piatti saporiti in cucina, molto spesso è richiesto l'utilizzo delle spezie e delle erbe aromatiche. Le spezie e gli aromi di cucina, donano sicuramente un sapore diverso ad ogni piatto, regalando profumi e sensazioni davvero gradevoli...
Economia Domestica

Come conservare i vasetti di pesto

Preparare in casa delle conserve è un ottimo modo per mangiare sempre in modo sano ed equilibrato. Utilizzando degli ingredienti freschi e genuini è possibile preparare qualsiasi salsa, che può essere utilizzata per condire la pasta, dei crostini,...