Come conservare la bottarga di tonno

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La bottarga è un alimento prodotto principalmente in Sardegna e in Sicilia e viene fatto utilizzando le uova di muggine o di tonno. Dal pesce femmina viene tolta con molta attenzione la sacca ovarica e adagiata su una tavola di legno stagionato finché non diventa completamente bianca. Dopo di che si coprono con un'altra tavola di legno con sopra grossi e pesanti sassi per comprimere la sacca e permettere al sale di penetrare all'interno. Dopo 10/15 giorni si lasciano asciugare all'aria aperta e poi fatte stagionare per 60/90 giorni in un luogo asciutto e ventilato. Si lavano per togliere il sale in eccesso e sono pronte per la consumazione. Qui di seguito vedremo come conservare la bottarga di tonno.

25

Occorrente

  • 500 grammi di bottarga di tonno fresca - 3 litri di acqua - 240 grammi di sale grosso e olio quanto basta
35

Conservazione in frigorifero

Uno dei metodi più semplici di conservazione della bottarga consiste nell'avvolgere il prodotto in fogli di alluminio e posizionarlo nella parte meno fredda del frigorifero. Si può mantenere così per diversi mesi. Per garantirne il sapore possiamo mettere la bottarga sott'olio in un barattolo da conservare in frigorifero per un massimo di 20 giorni. L'olio si può successivamente filtrare e consumare anche dopo alcuni mesi.

45

Preparazione sott'olio

Con un coltello molto affilato tagliamo la bottarga in due e lasciamo spurgare in una grande recipiente per una intera notte nel frigorifero. Il giorno dopo tagliamo delle fette spesse almeno 4 cm e mettiamole in un recipiente molto capiente, copriamole con l'acqua e aggiungiamo il sale grosso (circa 80 grammi per litro d'acqua). Copriamo la pentola, portiamo ad ebollizione e lasciamo cuocere per circa 30 minuti. Togliamo le uova e mettiamole su un canovaccio ad asciugare in un luogo fresco per almeno un giorno. Puliamo la bottarga dalla membrana esterna e mettiamola in vasetti sterilizzati lasciando un centimetro al bordo. Riempiamo con olio di oliva e mettiamo i vasetti chiusi in acqua abbondante e lasciamo bollire per altri 30 minuti. Spegniamo e lasciamo raffreddare i vasetti direttamente nella pentola. Devono passare almeno 15 giorno prima del loro utilizzo.

Continua la lettura
55

Caratteristiche

La bottarga di tonno ha un sapore più intenso e forte rispetto alla bottarga di muggine. Il colore è scuro e tendente al rosso. Il periodo di produzione solitamente è dopo la mattanza dei tonni che avviene nel mese di maggio. È ricca di omega 3 e aiuta a mantenere sano il sistema scheletrico e circolatorio. Le calorie in 100 g di prodotto sono solo 127. La bottarga viene venduta in sacche intere chiamate "baffe" di almeno 100 grammi e devono essere perfette sia nella forma che nel colore. Al posto delle baffe, molto costose, si può utilizzare la bottarga in polvere di qualità inferiore. La bottarga di tonno è venduta anche a tranci.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come riutilizzare i crackers e i grissini sbriciolati

Riciclare avanzi ed ingredienti in cucina in modo di evitare il più possibile gli sprechi è sempre più di tendenza. Questa rappresenta un'ottima abitudine che tutti dovrebbero cominciare a seguire. È anche un'occasione per cominciare a sperimentare...
Economia Domestica

Come coservare i cibi nella dispensa

Organizzare la propria dispensa vuol dire tenere tutto sotto controllo e a portata di mano, sapere quali sono i prodotti in scadenza e quelli che possono sostare ancora per qualche mese; nella dispensa vanno conservati i prodotti che si mantengono a temperatura...
Pulizia della Casa

Come differenziare correttamente l'immondizia

In molte zone d'Italia, la raccolta differenziata è una realtà in continua espansione; pensate che in alcuni paesi questo tipo di raccolta ha raggiunto l'80% sul totale dei rifiuti prodotti. Differenziare correttamente l'immondizia, significa non solo...
Economia Domestica

Come organizzare un buffet a basso costo

Se desiderate organizzare un ricevimento in casa vostra per invitare amici e familiari, ma avete un budget molto basso, potete provare ad allestire un buffet a basso costo. L'importante naturalmente, è saper scegliere determinati cibi invece di altri...
Economia Domestica

Come organizzare la spesa per la settimana

Se passate molte ore della giornata fuori casa a causa del vostro lavoro ed avete poco tempo per fare la spesa, sicuramente avete bisogno di un piano organizzativo per sapere quali alimenti acquistare per non sciupare inutilmente il cibo. Organizzare...
Economia Domestica

5 consigli per non sprecare il cibo

Il cibo, questa fonte alimentare necessaria per la sopravvivenza, va accuratamente consumato senza sprecarlo, poiché il gesto rappresenterebbe una sorta di oltraggio verso quelle persone che purtroppo patiscono la fame, e che nel mondo sono tantissime....
Economia Domestica

Come fare la spesa da single

Quando si vive da soli e bisogna curare la casa, è anche importante sapersi gestire dal punto di vista economico ed il miglior modo per farlo è quello di organizzarsi quando si va a fare la spesa. Tra le cose fondamentali da valutare attentamente è...
Economia Domestica

Come organizzare la dispensa

A volte quando si compra un'abitazione non si ha idea di dove mettere il cibo. La dispensa è la credenza oppure lo scaffale dove vanno messi i prodotti alimentari. Alcune persone preferiscono allestire la dispensa all'interno dei ripostigli, realizzando...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.