Come conservare il tartufo scongelato

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Non tutti sanno che il tartufo non è altro che un fungo che vive sottoterra a forma di radice o di tubero. Il tartufo si forma crescendo in simbiosi con le radici di altre piante, soprattutto di grandi alberi. Si tratta di un alimento molto pregiato che è possibile acquistare a prezzi molto elevati e che viene solitamente gustato grattugiato sopra la pasta o sopra delle uova strapazzate. Attraverso questo tubero bianco o nero, è anche possibile realizzare diversi paté, primi piatti o secondi molto raffinati. Se avete acquistato un piccolo tartufo e volete conservarlo per non consumarlo subito, potete naturalmente congelarlo. Una volta scongelato pero', il tartufo necessita di una specifica conservazione per non rovinarsi. In questa guida vi spiegheremo proprio come poter conservare il tartufo una volta scongelato.

27

Occorrente

  • Carta assorbente o carta da pane
  • Contenitore di vetro
  • Strofinaccio o fazzoletto di stoffa
  • Frigo
37

Utilizzare un panno di stoffa

Essendo molto delicato e pregiato, il tartufo una volta scongelato deve essere necessariamente conservato scrupolosamente nella maniera corretta per non diventare cattivo o immangiabile. Una volta scongelato il tartufo può essere conservato in un luogo fresco e pulito come ad esempio all'interno del frigorifero. Per conservarlo è necessario avvolgerlo all'interno di un piccolo fazzoletto di stoffa preferibilmente di cotone o all'interno di uno strofinaccio da cucina pulito. Una volta avvolto scrupolosamente, il tartufo può essere conservato in frigorifero per massimo una settimana.

47

Utilizzare un contenitore ermetico di vetro

Il tartufo bianco o nero dopo essere stato conservato all'interno del congelatore e dopo essere stato scongelato, deve essere conservato nella maniera corretta. Potete anche utilizzare un semplice piccolo contenitore di vetro dotato di un tempo ermetico per non lasciar disperdere i sapori contenuti all'interno del tartufo nell'aria. Potete poi riporre il barattolo di vetro chiuso all'interno del frigorifero. Il tartufo chiuso in un barattolo, durerà sicuramente qualche giorno in più rispetto al tartufo racchiuso in un panno di stoffa.

Continua la lettura
57

Utilizzare della carta assorbente

Per per finire per mantenere sempre il tartufo integro dopo un eventuale scongelamento, è sicuramente consigliato utilizzare della carta assorbente da cucina per avvolgere il tartufo nella maniera più consona. Dovete chiudere il tartufo all'interno di un paio di fogli di carta assorbente con qualche chicco di riso per evitare di fargli assorbire troppa umidità. È consigliato comunque cambiare ogni giorno la carta assorbente per evitare che possa inumidirsi o bagnarsi a contatto con il freddo.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Mai lasciare il tartufo scoperto, perché potrebbe perdere il sapore.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come conservare il tartufo nero sott'olio

Il tartufo è un elemento culinario pregiato: si trova sottoterra, nei boschi, da trovare solo da parte di esperti grazie all'aiuto dei cani ben addestrati a sentirne l'odore. Questo ne fa un alimento importante che richiede un prezzo al peso non indifferente....
Economia Domestica

Come usare il tartufo in cucina

Il tartufo è ritenuto da tantissimi esperti della haute cuisine il re della tavola. La denominazione non deriva dal fatto che il tubero in questione è immancabile sulla tavola, al contrario esso è abbastanza raro per il suo costo molto elevato, specialmente...
Economia Domestica

Come conservare lo zenzero sott'olio

Probabilmente avete acquistato un grande pezzo di radice di zenzero fresco. Ma sapete bene che non lo userete tutto, ma solo un pizzico per ogni ricetta. Proprio per questo un pezzo di radice di zenzero potrebbe consumarsi tutto dopo diverse settimane....
Economia Domestica

Come conservare a lungo il succo di limone

I limoni sono degli agrumi saporiti, il cui succo è dissetante soprattutto nella stagione calda. Ma il loro impiego è piuttosto diffuso anche in cucina, non solo per le pietanze salate, come ad esempio le fritture di pesce o di carne. Questo agrume...
Economia Domestica

Come conservare i tartufi di mare

Il tartufo di mare è un mollusco bivalve presente lungo le cose italiane, che si caratterizza per avere una conchiglia di colore marrone, beige o giallo, molto spessa e resistente, con delle evidenti scanalature lungo la sua superficie. L'ideale è sempre...
Economia Domestica

5 modi per conservare i cibi

Ci sono diversi metodi di conservazione dei principali prodotti alimentari che è possibile attuare a casa e che aiutano a conservare in modo più efficace il cibo a lungo termine. Questi includono l'inscatolamento, il congelamento, l'essiccazione, il...
Economia Domestica

Come conservare i cosmetici in estate

Nonostante possa sembrare banale, conservare i trucchi in estate nel modo giusto è fondamentale, soprattutto se si desidera mantenere nel tempo l'efficacia e la capacità coprente di determinati prodotti cosmetici (ad esempio di fondotinta, rossetti...
Economia Domestica

Come conservare il formaggio grattugiato

Si tratta di uno degli alimenti più amati dagli italiani, che non può assolutamente mancare in tavola: stiamo parlando naturalmente del formaggio! Un bel piatto di spaghetti al pomodoro, ad esempio, sembra incompleto se non viene servito con una spolverata...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.