Come conservare il sale

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il sale, chimicamente parlando, è un composto cristallino a base di cloruro di sodio, reperibile in natura e di uso molto comune; tra i suoi utilizzi più diffusi, ricordiamo l’esaltazione dei sapori delle pietanze e la conservazione degli alimenti in modo naturale ed efficace senza alterarne le caratteristiche principali. In questa guida vi descriveremo come conservare il sale.

26

Il sale viene raccolto e lavorato nelle saline, zone specifiche in prossimità del mare dove il cloruro di sodio ha potuto cristallizzarsi. Al giorno d’oggi, la salina più importante a livello europeo è quella di Margherita di Savoia, sita sul mare Adriatico. Per quanto attiene alla raccolta del sale, questo processo ha subito nel tempo alcune trasformazioni: il principale cambiamento riguarda la periodicità. Inizialmente essa avveniva annualmente, oggi invece si opta per una raccolta triennale o quinquennale, in base alle esigenze del mercato; altri cambiamenti toccano argomenti quali un minor fabbisogno di manodopera, macchinari più pratici ed efficienti e soprattutto la possibilità di avere del sale più puro, privo cioè di argilla, pietrisco ecc.

36

Passiamo ora ai metodi più comuni per conservare il sale e mantenerlo inalterato il più a lungo possibile: innanzitutto, va posto in un luogo fresco e asciutto, lontano da fonti di calore e dalla luce solare, quindi è consigliabile riporlo in una dispensa ben riparata e protetta, possibilmente lontana da finestre, forno e piano cottura; in secondo luogo, la confezione deve essere richiusa accuratamente dopo l’utilizzo o, meglio ancora, riporre il sale in un contenitore di plastica o di vetro provvisto di chiusura; se si tratta di sale aromatizzato, è bene aprire la confezione solo ed esclusivamente quando necessario, in quanto si rischia di perdere i profumi delle erbe aromatiche; un ulteriore consiglio per evitare che il sale raccolga l’umidità e risulti “bagnaticcio” è di mischiarlo con del riso, il quale assorbirà parte dell’umidità. Seguendo questi piccoli accorgimenti, il sale risulterà sempre buono anche a distanza di tempo.

Continua la lettura
46

Per concludere, una piccola nota sull’utilizzo del sale negli alimenti: il nostro fabbisogno di sale oscilla generalmente tra 0.6 e 3,5 gr ed è solitamente ampiamente soddisfatto da quello presente nei vari cibi: è quindi consigliabile evitare quanto più possibile l’aggiunta eccessiva del condimento in quanto è stato associato il suo uso smodato a malattie quali l’ipertensione arteriosa e in generale a malattie cronico-degenerative.

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Usate il sale con moderazione
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come conservare le erbe aromatiche sotto sale

Come vedremo nel corso di questo tutorial dedicato alla cucina e al fai da te, le erbe aromatiche possono essere conservate in una moltitudine di modi, utilizzando come base l'aceto, l'olio e persino il sale. Si tratta di modi diversi ma tutti efficaci...
Economia Domestica

Come conservare il sale

Il sale, chimicamente parlando, è un composto cristallino a base di cloruro di sodio, reperibile in natura e di uso molto comune; tra i suoi utilizzi più diffusi, ricordiamo l’esaltazione dei sapori delle pietanze e la conservazione degli alimenti...
Economia Domestica

Come conservare le sardine sotto sale

Quando si tratta di cibo, è molto importante conoscere i principali metodi con cui esso va conservato. Grazie a diverse tecniche, possiamo gustare una vasta gamma di alimenti anche a distanza di mesi dalla loro preparazione. Il pesce, ad esempio, richiede...
Economia Domestica

Come conservare i cibi sotto sale

Il sale è un prodotto naturale, sia marino che terrestre (sale di montagna), che si presta a diversi usi in svariati ambienti, nel condimento di cibi, nella medicina alternativa, nel trattamento estetico. È in cucina, tuttavia, che il sale esprime tutto...
Economia Domestica

Come conservare i funghi sotto sale

Dopo aver raccolto i funghi selvatici, sorge il problema di come conservarli, specie se il raccolto è piuttosto grande. Ci sono diversi metodi diversi per preservare i funghi, i quali vengono conservati per estendere la loro durata. I funghi freschi,...
Economia Domestica

Come conservare il prezzemolo sotto sale

Il prezzemolo è uno dei tanti aromi che vengono utilizzati di frequente in cucina. Serve per completare il gusto di certe pietanze, come per esempio, carne e pesce, ma anche per alcune verdure come i pomodori ripieni e così via. Il prezzemolo può essere...
Economia Domestica

Le alternative al comune sale da cucina

In cucina si utilizzano molteplici spezie per la preparazione di piatti squisiti. Le spezie che possiamo trovare nella dispensa della nostra cucina, sono tantissime. Ad esempio la paprika, lo zenzero, il pepe, il peperoncino, il rosmarino, la noce moscata,...
Economia Domestica

Come conservare la bottarga di tonno

La bottarga è un alimento prodotto principalmente in Sardegna e in Sicilia e viene fatto utilizzando le uova di muggine o di tonno. Dal pesce femmina viene tolta con molta attenzione la sacca ovarica e adagiata su una tavola di legno stagionato finché...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.