Come conservare il pesce

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

In Italia, una delle attività più praticate è sicuramente la pesca. Essendo un paese, al centro del Mediterraneo, le specie di pesce che vengono pescate sono davvero molteplici, quindi è molto facile avere sempre del pesce fresco a tavola. C'è un periodo detto, fermo biologico, in cui la pesca viene sospesa per favorire la riproduzione delle varie specie. Il pesce si può conservare in vari modi e averlo disponibile nel momento in cui si voglia consumarlo. In questa guida, con pochi e semplici passaggi, vi illustrerò come conservare il pesce. Vediamo quindi come procedere.

26

Occorrente

  • pesce fresco
  • ghiaccio
  • vasetti sterilizzati
  • olio extravergine d'oliva
  • sale grosso
36

Il metodo della surgelazione

Innanzitutto, capita molto spesso che, quando la pesca si rivela particolarmente fruttuosa, di voler mettere da parte la quantità in esubero, per consumarla in seguito. Un metodo consiste nella surgelazione. Questa operazione permette di conservare alla temperatura di -30° molto rapidamente in modo che l'acqua che circonda l'alimento, cristallizzandosi in ghiaccio, non abbia il tempo di gonfiarsi e rompere le pareti delle cellule, facendo perdere tutte le sostanze nutritive. La surgelazione deve essere fatta con speciali freezer che abbiano la caratteristica di far raggiungere rapidamente la temperatura ottimale.

46

Conservare il pesce sott'olio

A parte l'utilizzo del freddo, il pesce può essere conservato anche dopo cotto, come il tonno, sgombro, salmone, e molti altri pesci. In casa, potete facilmente conservare in vasetti di vetro tranci di tonno e sgombro. Basta assicurarsi che siano freschi e questo lo si può facilmente notare sia dagli occhi che dal sangue nel momento in cui vengono eviscerati. Successivamente, portate ad ebollizione abbondante acqua salata e nel frattempo pulite il pesce dividendolo in tranci. Immergete i pezzi e lasciateli bollire. Non appena saranno pronti, eliminate la lisca centrale e quelle che, eventualmente, rimangono, poi lasciate raffreddare e asciugare. Sistemate i filetti dentro i vasetti stessi e ricopriteli con un po' d'olio extravergine d'oliva. Quindi arriva la fase della sterilizzazione a bagnomaria per 20/30 minuti circa.

Continua la lettura
56

Conservare il pesce sotto sale

Un altro sistema con cui conservare il pesce è il sale. Questo metodo è adatto per il pesce azzurro, come le sardine e le acciughe. Private della testa i pesci e cospargeteli di sale, per far rilasciare il sangue e l'acqua. Dopodiché, prelevateli dalla salamoia così formata e metteteli in un capace e largo vaso di vetro, alternando il sale grosso ai pesci. Arrivato all'ultimo strato, sigillateli con altro sale grosso. Generalmente, dopo un mese, le acciughe o le sardine saranno pronte per il consumo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come conservare a lungo le alici marinate

Nell'alimentazione bisogna comprendere qualunque pietanza salutare per l'organismo umano. Sono assolutamente da consumare le verdure fresche, la frutta di stagione, la carne bianca e le varie tipologie di pesce. Con riferimento a quest'ultima categoria...
Economia Domestica

Come conservare le sardine sotto sale

Quando si tratta di cibo, è molto importante conoscere i principali metodi con cui esso va conservato. Grazie a diverse tecniche, possiamo gustare una vasta gamma di alimenti anche a distanza di mesi dalla loro preparazione. Il pesce, ad esempio, richiede...
Economia Domestica

Come conservare e riutilizzare gli avanzi di cibo

Può capitare di preparare un pasto abbondante o di avere meno fame del previsto. Ci ritroviamo così con degli avanzi di cibo che non sappiamo come conservare e riutilizzare. È necessario pensare a cosa farne. Ma è importante anche sapere come conservarli....
Economia Domestica

Come congelare il pesce fresco

Il processo di congelazione degli alimenti deve seguire delle regole ben precise, che vi delucideremo dettagliatamente in questa guida. In particolare, vi illustreremo come congelare adeguatamente il pesce, così da poterne conservare, inalterate, le...
Economia Domestica

Come conservare i limoni senza buccia

I limoni sono agrumi aromatici ed aciduli, e sono frutti che hanno un sapore mediterraneo particolarmente versatili nelle preparazioni di cucina. I limoni si adattano alla preparazione di ottimi gelati, dolci, marmellate, primi a base di pesce, secondi...
Economia Domestica

Come conservare le sarde fresche

Le sarde, anche se ingiustamente trascurate da molti, meritano una grande considerazione sia dal punto di vista alimentare sia da quello gastronomico; non bisogna, inoltre, dimenticare, in tempi di recessione economica, il prezzo non molto elevato di...
Economia Domestica

Come conservare il cibo fresco a lungo

Per rendere gustose le vostre ricette, quando andate a fare la spesa preferite sempre i cibi freschi a quelli precotti, surgelati o confezionati. In questo modo anche il risultato sarà ottimo ed il gusto più saporito; cucinerete senz'altro delle prelibatezze....
Economia Domestica

Come conservare i limoni sotto zucchero

I limoni sono degli agrumi molto apprezzati e versatili. Questo frutto non deve mai mancare in cucina. Il suo succo dal tipico sapore acidulo da sempre condisce sia il dolce, che il salato. Dal pesce, alla carne, alla crema, il limone è insostituibile....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.