Come conservare il basilico sotto sale

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Come vedremo nel corso di questa guida, preparare il basilico sotto sale è un procedimento facile ed economico, che ci consente di usare questo prezioso alimento per insaporire le nostre pietanze nel lungo periodo, ovvero per arricchire numerose portate come salse varie, ragù, polpette e ricette di carne (conservare il basilico sotto sale consente di godere del profumo del basilico anche dopo tanto tempo, anche quando le nostre piante smettono di produrne). Nel corso di questo tutorial dunque, ti fornirò passo dopo passo le istruzioni che ti consentiranno di conservare il basilico sotto sale in pochi e semplici passi. Vediamo come procedere.

25

Lava le foglie di basilico

Tieni conto innanzitutto, che conservare il basilico sotto sale, è innanzitutto necessario lavare perbene le foglie di basilico sotto l'acqua corrente. Successivamente sistemale sopra un piano di lavoro (ad esempio un tavolo o un tagliere e prendi un tovagliolo di cotone pulito, in modo da asciugarle adeguatamente). Adesso puoi passare alla fase successiva.

35

Distribuisci il sale in un vasetto di vetro

Durante questa fase del lavoro devi distribuire il sale in un vasetto di vetro. Per procedere puoi usare un vasetto di grandi o di medie dimensioni, in base alla quantità di basilico che desideri conservare sotto sale. A questo punto prendi il sale fino e provvedi a distribuirne uno strato sottile sul fondo, immediatamente dopo copri il sale con uno strato di basilico e poi distribuisci di nuovo uno strato di sale (per realizzare il lavoro adeguatamente devi alternare uno strato di basilico ad uno strato di sale, senza esagerare con le quantità ma alternando le giuste proporzioni).

Continua la lettura
45

Versa l'olio sopra il basilico.

Prima di chiudere il vasetto ti consiglio di versare due cucchiai di olio extravergine di oliva sul basilico. Ricorda inoltre che per evitare che le foglie di basilico salgano in superficie durante il trascorrere dei giorni, è consigliabile coprire il vasetto con molta attenzione, in modo da chiuderlo poi in modo ermetico.

55

Conserva il basilico

Dopo che avrai chiuso il vasetto in modo ermetico potrai conservare il basilico in un luogo buio, fresco e asciutto. Il basilico sotto sale potrà essere usato dopo almeno 20 giorni, dopo aver lavato le foglie accuratamente sotto l'acqua corrente (se desideri puoi separare il sale dal basilico prima ancora di lavarlo). Al termine dei venti giorni potrai dunque usare il basilico sotto sale, l'olio aromatizzato e il sale (grazie al contatto con il basilico e l'olio, il sale risulterà saporito e speziato, molto adatto alla realizzazione di primi e secondi piatti).

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come conservare il basilico fresco in freezer

Come vedremo nel corso di questa guida, il basilico è una pianta erbacea dotata di numerose doti terapeutiche e cosmetiche, oltre ad essere un alimento molto utilizzato in cucina, per arricchire il gusto e il profumo delle pietanze. Il basilico fresco...
Economia Domestica

Come conservare la verza sotto sale

Esistono varie modalità per la conservazione dei cibi, uno tra questi è quello sotto sale: è un metodo molto antico, utilizzato da centinaia e centinaia di anni. Nell'antichità, quando ancora non esistevano apparati refrigeranti, la conservazione...
Economia Domestica

Come conservare le erbe aromatiche sotto sale

Come vedremo nel corso di questo tutorial dedicato alla cucina e al fai da te, le erbe aromatiche possono essere conservate in una moltitudine di modi, utilizzando come base l'aceto, l'olio e persino il sale. Si tratta di modi diversi ma tutti efficaci...
Economia Domestica

Come conservare il sale

Il sale, chimicamente parlando, è un composto cristallino a base di cloruro di sodio, reperibile in natura e di uso molto comune; tra i suoi utilizzi più diffusi, ricordiamo l’esaltazione dei sapori delle pietanze e la conservazione degli alimenti...
Economia Domestica

Come conservare le sardine sotto sale

Quando si tratta di cibo, è molto importante conoscere i principali metodi con cui esso va conservato. Grazie a diverse tecniche, possiamo gustare una vasta gamma di alimenti anche a distanza di mesi dalla loro preparazione. Il pesce, ad esempio, richiede...
Economia Domestica

Come conservare i cibi sotto sale

Il sale è un prodotto naturale, sia marino che terrestre (sale di montagna), che si presta a diversi usi in svariati ambienti, nel condimento di cibi, nella medicina alternativa, nel trattamento estetico. È in cucina, tuttavia, che il sale esprime tutto...
Economia Domestica

Come conservare i funghi sotto sale

Dopo aver raccolto i funghi selvatici, sorge il problema di come conservarli, specie se il raccolto è piuttosto grande. Ci sono diversi metodi diversi per preservare i funghi, i quali vengono conservati per estendere la loro durata. I funghi freschi,...
Economia Domestica

Come conservare il prezzemolo sotto sale

Il prezzemolo è uno dei tanti aromi che vengono utilizzati di frequente in cucina. Serve per completare il gusto di certe pietanze, come per esempio, carne e pesce, ma anche per alcune verdure come i pomodori ripieni e così via. Il prezzemolo può essere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.