Come conservare il basilico appena raccolto

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

In questa guida ti spiegherò in tre semplici passi come conservare il basilico appena raccolto. Infatti, spesso si hanno problemi con la conservazione del basilico, proprio per i seguenti motivi. Il basilico è una pianta dalle foglioline piccole e delicate. Se non si conservano in maniera accurata queste foglioline di basilico rischiano di rovinarsi. Infatti, se arrivano a spezzarsi, il basilico non avrà più quel sapore fresco e quel profumo unico nel suo genere. Inoltre, il basilico è difficile da conservare, perché deve stare in ambienti particolari. Infatti, una volta raccolto va messo in ambiente fresco e asciutto. In caso contrario potrebbe appassire rovinando così le vostre pietanze. Il basilico vi ricordo che è ottimo da mettere sugli spaghetti col pomodoro o su altri piatti italiani. Infine, esiste una conservazione appropriata nel caso in cui si debba usare per il pesto. Ecco quindi come conservare il basilico appena raccolto.

26

Occorrente

  • Basilico fresco
  • Laccetto salva-freschezze
  • Sacchetto per alimenti
36

Bagnate le foglioline

Per prima cosa se avete appena raccolto del basilico procedete in questo modo. Nel caso in cui non avete intenzione di utilizzarlo subito, preparatelo per bene. La preparazione avviene in questa maniera. Bisogna innanzitutto riporre il basilico in un sacchetto di plastica trasparente. A questo punto fate andare dell'acqua vaporizzata sulle foglioline. Questo per mantenerle ancora umide e fresche.

46

Chiudete il sacchetto

Quindi chiudete il sacchetto di plastica trasparente e sigillatelo con cautela. In questi casi, per conservare il basilico appena raccolte si procede in due modi. Potete chiudere il sacchetto con un laccetto salva-freschezze. In questo modo avrete il 100% di conservazione naturale. Oppure potete sempre piegare l'estremità del sacchetto su se stesso più volte. Quindi mettere una molletta per chiuderlo correttamente senza creare uno stato di sottovuoto. Assicuratevi che non ci siano bolle d'aria all'interno, accanto al basilico. In questo modo, quando andrete ad aprire il sacchetto per fare il pesto di basilico succede questo. Le foglioline si mantengono vive.

Continua la lettura
56

Congelate il basilico

Infine, riponete il basilico appena raccolto in un luogo fresco e asciutto. Questo per evitare che si vadano a formare muffe. In questo caso vi consiglio un posto all'ombra, ma non troppo al buio. In alternativa, il mazzo di basilico può anche conservarsi in frigo o nel congelatore. Se, invece avete intenzione di conservare il basilico in maniera alternativa, preparate il pesto. Ecco quindi che avete imparato come conservare il basilico appena raccolto.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non tenete il basilico in zone bagnate e umide.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come conservare il basilico fresco in freezer

Come vedremo nel corso di questa guida, il basilico è una pianta erbacea dotata di numerose doti terapeutiche e cosmetiche, oltre ad essere un alimento molto utilizzato in cucina, per arricchire il gusto e il profumo delle pietanze. Il basilico fresco...
Economia Domestica

Come conservare le foglie di menta

Per ottenere dei piatti saporiti in cucina, molto spesso è richiesto l'utilizzo delle spezie e delle erbe aromatiche. Le spezie e gli aromi di cucina, donano sicuramente un sapore diverso ad ogni piatto, regalando profumi e sensazioni davvero gradevoli...
Economia Domestica

Come conservare le piante aromatiche

Il termine di pianta aromatica indica quella pianta che ha odore gradevole e serve per caratterizzare alcune pietanze con il suo profumo essenziale. Alcune piante non vengono impiegate in ambito culinario solo per dare un tocco originale al piatto, ma...
Economia Domestica

Come conservare la zucca

La zucca è un ortaggio che viene consumato soprattutto durante la stagione autunnale, quando le zucche vengono raccolte e possono essere gustate attraverso la preparazione di numerose e saporite ricette. Cotta al forno, fritta, preparata con una salsina...
Economia Domestica

Come conservare il sedano

Il sedano insieme al prezzemolo, all'alloro e al basilico, fa parte delle piante aromatiche; il suo sapore delicato rende soprattutto i brodi più gustosi. Il sedano viene utilizzato in molte ricette e nella maggior parte dei casi è impiegato anche come...
Economia Domestica

Come Conservare Le Verdure Fresche Nel Freezer

Abbastanza spesso, vi succede di ritrovare in cucina molte verdure fresche e non sapere assolutamente come farle, al punto che la metà diventa cattiva da mangiare e deve essere buttata nel cestino? Non vi preoccupate troppo, perché esiste un metodo...
Economia Domestica

Come essiccare e conservare le piante aromatiche

Se desideri conoscere delle valide tecniche per essiccare e conservare efficacemente le tue piante aromatiche, ti consiglio di leggere con attenzione i pochi consigli di questo tutorial, perché ti fornirò alcuni semplici consigli apparentemente banali...
Economia Domestica

Come conservare le foglie di timo

Le erbe aromatiche sono degli ingredienti sempre presenti nelle cucine italiane. Queste riescono ad insaporire ulteriormente i piatti, conferendo loro un sapore particolare ed un profumo inconfondibile. Molte persone avranno sicuramente qualche piantina...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.