Come conservare i funghi sotto sale

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Dopo aver raccolto i funghi selvatici, sorge il problema di come conservarli, specie se il raccolto è piuttosto grande. Ci sono diversi metodi diversi per preservare i funghi, i quali vengono conservati per estendere la loro durata. I funghi freschi, infatti, possono essere conservati solo per circa cinque giorni dopo la raccolta, mentre quelli conservati possono mantenersi per un lungo periodo di tempo (anche fino a cinque anni se conservati correttamente). Conservare i funghi sotto sale è un vecchio metodo russo, grazie al quale si possono mantenere per molto tempo in qualsiasi condizione climatica. Vediamo allora, attraverso i passi della seguente guida, come conservare i funghi sotto sale.

26

Occorrente

  • 1 kg di funghi chiodini
  • acqua
  • sale grosso
  • barattoli di vetro
36

Scelta dei funghi

Come prima cosa, il tipo di funghi più idonei a questo tipo di trattamento di conservazione sono quelli piccoli dal gambo tenero, ossia i chiodini, perciò prestate attenzione al momento dell'acquisto, ma la regola più importante è che siano assolutamente freschi. Oltre ai funghi, vi occorreranno dei barattoli di vetro ben puliti e sterilizzati; per un utilizzo più comodo, potete scegliere dei contenitori piccoli da usare in più volte, oppure uno più grande. Iniziate la conservazione, pulendo accuratamente i pioppini, privandoli di residui di terriccio ed ogni altra impurità. Se occorre, passateli velocemente sotto l'acqua.

46

Preparazione del sale

Fatto questo, portate ad ebollizione dell'acqua acidulata in una pentola e scottate all'interno i funghi per poco tempo, in quanto necessitano di poca cottura. Arrivati a questo punto, non vi resta che scolarli e lasciarli ad asciugare all'aria. Nel frattempo, preparate il sale all'interno di una ciotola e se preferite, aromatizzatelo con bacche ed erbe aromatiche a piacere, ma senza esagerare, per non alterare il classico aroma del pioppino. Tra le spezie più utilizzate per questo scopo, ci sono l'alloro, il mirto, il ginepro.

Continua la lettura
56

Conservazione e consumo

Quando i funghi saranno ben asciutti, riponeteli all'interno di barattoli alternando uno strato di sale e uno di chiodini. Successivamente riponete i vasetti in dispensa o in altro luogo buio, fresco ed asciutto, dopo aver incollato un'utile etichetta con su scritto data e contenuto. I funghi saranno pronti dopo 4 - 6 settimane. Prima di mangiarli, devono essere bagnati in abbondante acqua fredda per diverse ore per rimuovere il sale in eccesso. Tuttavia, non bisogna rimuovere tutto il sale altrimenti risulterebbero insipidi dal momento in cui non assorbono il sale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come conservare il basilico sotto sale

Come vedremo nel corso di questa guida, preparare il basilico sotto sale è un procedimento facile ed economico, che ci consente di usare questo prezioso alimento per insaporire le nostre pietanze nel lungo periodo, ovvero per arricchire numerose portate...
Economia Domestica

Come conservare la verza sotto sale

Esistono varie modalità per la conservazione dei cibi, uno tra questi è quello sotto sale: è un metodo molto antico, utilizzato da centinaia e centinaia di anni. Nell'antichità, quando ancora non esistevano apparati refrigeranti, la conservazione...
Economia Domestica

Come conservare i funghi grigliati

Tra le verdure più amate ed apprezzate dagli intenditori di buon cibo, non possono mancare sicuramente i funghi. I funghi hanno un sapore molto particolare e possono essere preparati davvero in decine di modi differenti, per esaltare al meglio il sapore...
Economia Domestica

Come conservare le erbe aromatiche sotto sale

Come vedremo nel corso di questo tutorial dedicato alla cucina e al fai da te, le erbe aromatiche possono essere conservate in una moltitudine di modi, utilizzando come base l'aceto, l'olio e persino il sale. Si tratta di modi diversi ma tutti efficaci...
Economia Domestica

Come conservare i funghi shiitake

I funghi Shiitake, sono funghi molto particolari appartenenti alla famiglie dei "Lentinula edodes" e sono famosi per le loro proprietà benefiche, curative e medicinali. Si tratta di un fungo che deriva dai territori della Cina e del Giappone e secondo...
Economia Domestica

Come conservare il sale

Il sale, chimicamente parlando, è un composto cristallino a base di cloruro di sodio, reperibile in natura e di uso molto comune; tra i suoi utilizzi più diffusi, ricordiamo l’esaltazione dei sapori delle pietanze e la conservazione degli alimenti...
Economia Domestica

Come conservare le sardine sotto sale

Quando si tratta di cibo, è molto importante conoscere i principali metodi con cui esso va conservato. Grazie a diverse tecniche, possiamo gustare una vasta gamma di alimenti anche a distanza di mesi dalla loro preparazione. Il pesce, ad esempio, richiede...
Economia Domestica

Come conservare il prezzemolo sotto sale

Il prezzemolo è uno dei tanti aromi che vengono utilizzati di frequente in cucina. Serve per completare il gusto di certe pietanze, come per esempio, carne e pesce, ma anche per alcune verdure come i pomodori ripieni e così via. Il prezzemolo può essere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.